Come sbloccare lo scarico della cucina

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando si lavoro in cucina, specie quando si preparare qualcosa di gustoso, il più delle volte ci si dimentica di quello che si deve fare per ripulire tutto l'occorrente utilizzato. Infatti la pulizia delle proprie stoviglie purtroppo è un ingrato compito dal quale è impossibile esimersi. Qualora non avessimo a disposizione la lavastoviglie, questo lavoro deve necessariamente essere fatto sul proprio lavello. Purtroppo residui di cibo e di sporcizia finiscono inevitabilmente nello scarico della cucina, che col passare del tempo e degli anni può ostruirsi. Quest'ultima eventualità può rappresentare un problema non da poco. Lo scopo di questa guida è quello di illustrare in maniera semplice e chiara, con passaggi efficaci, come poter risolvere tale problematica. Vediamo quindi, come poter sbloccare lo scarico della cucina.

24

Come prima cosa cercate di provvedere a far scorrere il tappo solido che si forma nel tubo di scarico del lavello cercando di spostarlo usando un ferro da calza che andremo poi a ficcare nel foro del lavandino. Provate, ora, a spingere con delicatezza, il ferro in tutte le direzioni, poiché, se il tappo è fermo, ad una parte iniziale del tubo di scarico, sarà possibile rimuoverlo spingendolo in profondità.

34

Un altro modo è sicuramente quello di provare a liberare il vostro tubo aprendo la maniglia del lavandino e facendo uscire l'acqua calda, oppure, provate a scaldare l'acqua in un pentolino in modo da farla diventare bollente. Intanto mettete nel foro del lavello, mezza scatola di bicarbonato di sodio e circa cinque cucchiai di sale grosso da cucina. Gettate sopra di essi dell'acqua bollente e aspettate che passi circa mezz'ora. Fatto ciò, aprite l'acqua calda del rubinetto e lasciamo scorrere in modo tale che, se il tappo è sceso, ci accorgeremo, immediatamente, che il tubo si è liberato dai residui di cibo in quanto vedremo che l'acqua vi scorrerà senza alcuna difficoltà.

Continua la lettura
44

Come altro disgorgante, potrete gettare nel tubo, l'acqua di cottura delle patate quando questa sarà ancora bollente. Nei casi più ostinati, potrete utilizzare la soda caustica a scaglie che andrete a gettare nello scarico aggiungendo una pentola di acqua bollente. Vi consiglio, comunque, di servirvi di una mascherina al fine di evitare che i vapori possano corrodere la vostra pelle. Un altro rimedio naturale, prima di chiamare disperatamente l'idraulico, è quello di usare mezza tazza di cremor di tartaro, mezza tazza di bicarbonato e, infine, mezza tazza di sale da cucina messa nei forellini del lavandino, su cui andrete a buttare una pentola di acqua bollente. Fatto questo, non vi resta altro che lasciar agire tutto ciò che avete buttato, per circa due ore e verificare se il tubo del vostro lavabo si sia liberato o meno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come sbloccare un sifone

All'interno dello scarico del lavandino, malgrado le dovute attenzioni, facciamo cadere tutta una serie di materiali tra cui resti di cibo e carta. Alcune volte la forza dell’acqua riesce comunque a trascinarli via, ma altre volte questo non accade...
Casa

Come pulire lo scarico interno del lavabo

La pulizia del bagno e della cucina spesso viene fatta in maniera superficiale, rimuovendo le incrostazioni di calcare o di cibo. In realtà, nello scarico del lavandino, che sia quello della cucina o del bagno, finiscono una serie di rifiuti solidi....
Casa

Come sostituire il tubo di scarico di una lavatrice

La lavatrice è senza dubbio un elettrodomestico indispensabile. Il suo corretto funzionamento dipende da svariati fattori, primo di tutti l'efficienza delle parti che la compongono. Una di queste è senza dubbio il tubo di scarico, quel particolare condotto...
Casa

Come sostituire lo scarico di un lavandino

Con il passare del tempo, può succedere che lo scarico del lavandino si corroda inevitabilmente e comincia a perdere acqua. Anche se può sembrare difficile, una volta appreso come sostituire uno scarico di un lavandino, è possibile eseguire questo...
Casa

Come montare la parte finale dello scarico di una grondaia

Quasi tutti i centri per la casa e i negozi di ferramenta a servizio completo vendono sistemi di grondaie che si progettano principalmente per una facile installazione. Ma con appena un po' più di lavoro, si possono utilizzare le stesse parti finali...
Casa

Come installare dei tubi scarico per i lavelli del bagno

Anche se potrebbe sembrare un'impresa da idraulico, installare dei tubi da scarico (denominati "sifoni") per i lavelli della stanza da bagno non è assolutamente complicato.Essi possono essere estensibili o rigidi e ne esistono di svariate tipologie e...
Casa

Come riparare lo scarico del bagno

Se in casa notate che lo scarico del wc, comunemente detto sciacquone, presenta delle perdite, potete intervenire e risolvere il problema in modo semplice e con delle tecniche fai da te, evitando quindi di chiamare un idraulico. In riferimento a ciò,...
Casa

Come Installare Lo Scarico E Il Sifone Di Un Bidet

Il bidet è senza dubbio il sanitario più usato per l'igiene intima. Esso può essere installato o sostituito con facilità, in quanto non richiede l'esecuzione di lavori particolarmente complessi a livello del pavimento. Molto importante, nell'installazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.