Come scarificare i semi

Tramite: O2O 26/11/2016
Difficoltà: media
18

Introduzione

Chiunque possegga un giardino o un piccolo cortile in cui seminare, per coltivare frutta, verdura, ortaggi, si sarà sicuramente interessato al tema della germinazione, cercando di renderla più veloce e naturale possibile. Questa guida, infatti, fornirà a tutti gli apprendisti giardinieri, a quelli che possiedono un'esperienza più matura ma anche ai cuochi provetti che vogliono controllare la provenienza e l'affidabilità del cibo che preparano, tutte le dritte necessarie, su come imparare a scarificare i semi.

28

Occorrente

  • carta vetrata
  • vaso pieno di acqua
  • sacchetto di carta
  • soluzione di acido solforico
38

Iniziate, indossando dei guanti da lavoro, necessari per evitare allergie o che i semi vi macchino le mani e il resto del corpo, poi concentratevi sui semi: se li osservate, noterete che alcuni di essi posseggono un guscio molto duro all'esterno, germineranno più facilmente se deciderete di inciderli leggermente prima di piantarli. Proprio in ciò consiste la cosiddetta "scarificazione", la quale permette ad aria e acqua di penetrare nelle scanalature della superficie, nutrendola e quindi favorendo la germinazione.

48

Per scarificare dei semi molto duri come quelli dei piselli odorosi, utilizzare la modalità meccanica che consiste nello strofinarli con della carta vetrata, facendo particolare attenzione a non danneggiare l'embrione; quelli che sono circondati da un frutto o da una bacca, hanno bisogno di un trattamento più deciso: quindi, prima di utilizzare la carta vetrata, dovrete schiacciare il frutto, poi metterlo in un vasetto pieno di acqua ed infine agitarlo; rimuovete poi la polpa e asciugate i semi prima di piantarli o conservarli in un sacchetto di carta.

Continua la lettura
58

Alcuni di questi, prima di germinare, devono essere stimolati ad uscire dal letargo: infatti, moltissime piante originarie dei paesi freddi, non nascono né crescono durante l'inverno e hanno bisogno, perciò, di uno scongelamento artificiale, poiché in natura la loro composizione non permette che si sviluppino durante la lunga stagione. Potete aiutarli, utilizzando la scarificazione chimica, che consiste nell'immergere i semi in una soluzione di acido solforico e poi sciacquarli con acqua tiepida.

68

Per i semi meno consistenti, invece, basterà utilizzare la scarificazione fisica: immergeteli in acqua bollente per circa 2 giorni e noterete come il tegumento ne risulterà ammorbidito. Dovrete essere delicati con questo tipo di semi, poiché potrebbero sfaldarsi: agite, quindi, con cautela fino a quando non li avrete completamente immessi nella terra.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come ottenere semi di fragola e seminarli

Con una manciata di fragole, è possibile ottenere centinaia e centinaia di semi di questo meraviglioso frutto, relativamente costoso, ma amato da tutti, soprattutto dai più piccoli. Ricavare i semi da una fragola è un'operazione davvero facile, veloce...
Giardinaggio

Come conservare i semi

In questo articolo, abbiamo deciso di affrontare un problema afforntato da tutti coloro che amano coltivare in casa diverse tipologie di piante e fiori. Stiamo parlando dei semi e del come riuscire a meterli da parte, in modo tale da poterli avere sempre...
Giardinaggio

Come coltivare la passiflora da semi

La passiflora da semi è una pianta molto particolare e viene comunemente chiamata "Fiore della Passione". Appartiene alla famiglia della Passifloraceae ed è una pianta perenne. Esistono due tipi di passiflora: rampicanti o a foglia caduca. Predilige...
Giardinaggio

Come far germogliare i semi prima di piantarli

Come saprete, interrare i semi non è l'unica maniera per riuscire a far nascere una determinata pianta. Difatti esiste un metodo per far germogliare le sementi prima di piantarle, in modo da assicurarne e favorirne lo sviluppo. In questa guida affronteremo...
Giardinaggio

Trucchi per far germogliare presto i semi

Se acquistiamo dei semi, ed intendiamo farli germogliare velocemente, ci sono alcuni trucchi da adottare per ottenere questa performance. Di fondamentale importanza sono tuttavia tre elementi: un contenitore, del terriccio e l'acqua. Nella lista che segue,...
Giardinaggio

Come far germogliare i semi di lupino

I semi di lupino ovvero quelli ricavai dall’omonima pianta, oltre che commestibili si prestano anche per alcune particolari elaborazioni in erboristeria, e quindi usati per scopi medicali. La riproduzione è possibile ottenerla per seme e con essa...
Giardinaggio

Come far germogliare presto i semi

Per preparare i semi per la semina occorre farli germogliare. Per fare questa operazione non è necessario essere esperti del settore: si devono, infatti, seguire dei semplici passaggi e avere un po' di pazienza. Prima di avviare tale procediento è opportuno...
Giardinaggio

Come piantare i semi nelle vaschette

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di piante. Nello specifico, come avrete già potuto verificare tramite la lettura del titolo stesso che è presente nella guida, ora andremo a spiegarvi Come piantare i semi nelle vaschette, dandovi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.