Come scegliere cere e sostanze base per fare candele

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Realizzare delle preziose candele profumate personalizzate in casa può essere una splendida idea, mescolando creativamente odori e profumi di oli essenziali fino a trovarne di unici. Ma per realizzare delle candele di buona qualità è importante scegliere, oltre agli utensili giusti, anche le sostanze base e le cere ottimali allo scopo di ottenere un risultato soddisfacente e dal profumo durevole ed intenso. Per farlo basterà recarsi in un negozio specializzato, possibilmente un negozio di bricolage e fai da te, ed il gioco è fatto. Si otterranno delle ottime candele da tenere in casa per profumare gli ambienti o da regalare agli amici. Vediamo quindi insieme come scegliere cere e sostanze base per fare delle meravigliose candele.

26

Occorrente

  • paraffina
  • stearina
  • cera premiscelata
  • cera gelatinosa
  • cera in scaglie
  • cera d'api
  • fogli di cera d'api
  • cera modellabile
36

Uno dei primi ingredienti di cui si avrà bisogno per creare le candele è la paraffina, acquistabile sotto forma di piccole palline. La paraffina è una sostanza bianca e traslucida. Può essere utilizzata insieme alla stearina, se lo si preferisce, ma se viene usata da sola renderà le candele più lucide. La stearina si ricava dalle noci di cocco e si trova in commercio anch'essa in palline. Di solito si aggiunge alla paraffina nella percentuale del 10-20 % poiché tende a ridurre lo sgocciolamento, agevolando la colorazione e l'estrazione dagli stampi, ma non si tratta in ogni caso di un elemento fondamentale. La cera pre-miscelata è il risultato ottenuto da questo mescolamento. È certamente possibile acquistarla già pronta per risparmiare tempo e se non si possiede una bilancia.

46

La cera gelatinosa invece è più facile da usare, questo perché si scioglie con molta più facilità e si colora subito se mescolata a coloranti alimentari. Non indurisce mai totalmente, come al contrario accade alla cera tradizionale. Un'ottima scelta può essere quella di acquistare la cera in scaglie già colorata ed è in vendita in numerosissime colorazioni.

Continua la lettura
56

La cera d'api ha sia il colore che il meraviglioso odore del miele, dunque non ci sarà necessità di mescolarla con oli essenziali o altre profumazioni. È davvero buonissima e si scioglie a sessanta gradi. È la migliore, ma può essere anche molto cara. La si trova in palline. Anche i fogli di cera d'api sono molto morbidi e facilmente lavorabili. Li si può trovare in vari colori e possono essere modellati a piacimento. Infine esiste in commercio la cera modellabile in barrette che si plasma con le dita. Su di essa aderiscono facilmente perline e simili per cui è la più adatta se desiderate realizzare lavori decorati come le uova di cera con spilli e merletti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come creare un inchiostro simpatico

L'inchiostro simpatico viene così definito in quanto ha la caratteristica di essere praticamente invisibile, e per realizzarlo occorre un mix a base di acido citrico e tintura di iodio. È possibile inoltre ottenerlo anche senza utilizzare sostanze chimiche,...
Materiali e Attrezzi

Come lucidare il titanio

Il titanio è un metallo leggero e molto forte, con un altro grado di lucentezza; è comunemente utilizzato per la realizzazione di prodotti come strumenti medici, protesi, impianti dentali, telefoni cellulari, gioielli e mondature e per occhiali. Il...
Materiali e Attrezzi

Come verificare il funzionamento di una bobina

A tutti noi è capitato nella vita di avere problemi con la propria automobile: piccoli imprevisti che possono accadere, per scarsa manutenzione o per l'usura del tempo. Uno degli imprevisti che capita spesso è quello di avere problemi con l'accensione...
Materiali e Attrezzi

Come addensare lo stucco

Lo stucco è un impasto a base prevalentemente di gesso, ma anche di calce e cemento. In molti stucchi attualmente in commercio oltre al gesso però sono aggiunti vari altri composti chimici (che si differenziano a seconda dell'uso che se ne dovrà fare)...
Materiali e Attrezzi

Guida ai tessuti ignifughi

Con questa guida ci occuperemo di tessuti ignifughi. Questo tipo di tessuto è prodotto artificialmente, con materiali che non sono reperibili in natura. È consigliato quindi tenersi sempre aggiornati sui tessuti in questione, dal momento che essendo...
Materiali e Attrezzi

Come fare il cemento spatolato per il bagno

Da qualche anno a questa parte, sempre più persone utilizzano materiali completamente differenti per realizzare gli interni dei loro appartamenti. Uno di questi è il cemento spatolato. Esso viene in particolare apprezzato per la sua lunga durata, la...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il legno grezzo

Il legno continua ad essere, ancora oggi, il grande protagonista dell'arredamento; per quanto le abitazioni possano apparire futuristiche, la maggior parte presenta mobili, tavoli, sedie e librerie realizzate in legno. Nella maggior parte dei casi il...
Materiali e Attrezzi

Come estrarre chimicamente l'oro dalla placcatura

In passato separare l’oro da un oggetto di metallo avente una placcatura spessa, era un processo piuttosto elaborato e soprattutto pericoloso per le esalazioni tossiche sprigionate. Oggi invece il tutto è più facile, seguendo delle linee guida specifiche....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.