Come scegliere un distanziometro

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il distanziometro è uno strumento elettronico utilizzato da molti architetti e geometri, per ottenere in maniera rapida e precisa, la misura indiretta della distanza esistente tra due punti ben focalizzati. Per comprendere come scegliere un distanziometro, è necessario però conoscere a fondo le varie tipologie presenti sul mercato e soprattutto considerare l'uso che se ne vorrà fare. A tale proposito, ecco una guida con alcuni utili consigli su come effettuare la scelta in base alle personali esigenze.

24

Optare per il distanziometro a laser

Innanzitutto il distanziometro unisce la facilità di utilizzo, che non necessita della presenza di aiutanti, all'estrema precisione del risultato, impensabile con una misurazione diretta a mano di tipo tradizionale. Il distanziometro su cui optare è quello a laser, classificato a sua volta in due grandi categorie: distanziometri ad impulsi, che misurano il tempo di volo del segnale; i distanziometri a misura di fase, che calcolano lo sfasamento tra l'onda emessa e quella ricevuta e quelli a impulsi che al giorno d'oggi rappresentano la tipologia più utilizzata nell'edilizia.

34

Valutare le caratteristiche tecniche

Essendo uno strumento di lavoro tipicamente portatile, utilizzato spesso nei cantieri da architetti, ingegneri o geometri, le prime caratteristiche importanti nella scelta sono il peso, la grandezza, la robustezza, ma soprattutto l'autonomia, per cui risulta fondamentale la qualità della batteria in dotazione. La scelta del modello dovrà essere fatta pertanto considerando attentamente il futuro utilizzo dello strumento, considerando se i rilievi saranno fatti soprattutto in ambienti interni o all'aperto, su superfici difficilmente raggiungibili oppure in condizioni atmosferiche sfavorevoli, e valutando di conseguenza le caratteristiche tecniche che nello specifico troverete descritte nel passo successivo della guida.

Continua la lettura
44

Considerare alcune fondamentali funzioni

All'atto della scelta di un distanziometro vanno considerate alcune fondamentali funzioni che possono essere significative e legate in base al tipo di modello. In tal caso vanno valutati ad esempio la portata, la precisione, l'inclinazione del sensore, la presenza o meno di altre importanti funzioni per il calcolo automatico di perimetri, superfici e volumi, la possibilità di effettuare delle misurazioni anche con un telecomando e la presenza o meno di telecamere integrate con display a colori che consentono di effettuare delle misurazioni anche a grande distanza, grazia ad un puntatore dotato di mirino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.