Come scegliere una stecca da pool

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il biliardo è un bellissimo sport di origini molto antiche, tant'è che il primo tavolo risulta essere stato creato nel 1470. Esistono moltissime regole e moltissimi giochi che si possono realizzare con il tavolo da biliardo, e ad ogni gioco corrispondono diverse stecche. Tramite questo tutorial, cercheremo di darvi dei consigli su come scegliere la giusta stecca da pool, usata principalmente per il biliardo con buche e palle numerate. Se seguirete tutti i passi sarete in grado, anche voi, di acquistare la stecca più appropriata alle vostre esigenze.

26

Prima di scegliere una stecca da biliardo bisogna sapere da quali parti essa è composta. Le stecche di oggi (dopo un'evoluzione durata decenni) sono tutte smontabili e, quindi, composte da due pezzi. In realtà, in commercio, si possono ancora trovare delle stecche non smontabili, che non sono inferiori per quanto riguarda il livello qualitativo, ma sono tremendamente scomode per il trasporto. Se si ha la possibilità di scegliere, maglio optare per una stecca in due pezzi e non intera.

36

Le stecche in due pezzi sono formate da una parte inferiore, detta impugnatura o calcio, e da una parte superiore, il puntale. Se è una buona stecca le due parti si uniranno fra loro tramite un innesto filettato metallico. Il calcio della stecca è la parte che viene impugnata quando si colpisce la biglia, e il materiale da cui deve essere composto è l'ebano: legno pesante e resistente. Se è una buona stecca da pool, l'impugnatura deve essere ricoperta da materiale antiscivolo, solitamente neoprene.

Continua la lettura
46

Il puntale della stecca è la parte che scorrerà sulla mano d'appoggio, durante l'esecuzione di un colpo, questa è solitamente fatta in legno di frassino, resistente e compatto come l'ebano. All'inizio degli anni '80 sono stati creati puntali in materiali diversi dal legno, come la fibra di carbonio o di litio, ma sono usati in altre discipline. Questa parte sarà quella che necessiterà della maggiore cura e manutenzione nell'utilizzo. Oltre a queste parti la stecca è composta anche dal cuoietto, che è composto da due parti: il tappo in pvc, la parte bianca che solitamente non è rimovibile, e il coramino, la parte che colpirà la biglia e che, per usura, si dovrà cambiare periodicamente. Importante nella scelta sarà valutare la grandezza, il materiale e la morbidezza del coramino. È consigliabile il cuoio di media morbidezza con una grandezza standard, che nel pool è di 13mm.

56

Per avere un ottima stecca da pool, bisogna tenere in considerazione delle caratteristiche molto importanti:
1) il peso deve aggirarsi intorno 550 gr.
2) la lunghezza deve essere regolata in base all' altezza del giocatore (intorno ai 140-145 cm).
3) la morbidezza, infatti una stecca molto rigida vibrerà molto al momento del colpo, ma consentirà di imprimere più forza, mentre una stecca morbida leverà la fastidiosa vibrazione ma sarà meno potente. Detto questo, la stecca è lo strumento principe del biliardo, ed un buon giocatore deve avere un attrezzo adatto alle sue caratteristiche, proprio per questo la stecca ha un carattere di soggettività.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come impugnare una stecca da biliardo

Giocare a biliardo non è molto difficile, ma per diventare bravi ed imbattibili dovrete innanzitutto saper impugnare la stecca. Inoltre è necessario avere un tocco preciso e una mira impeccabile, oltre che una mano ferma. Imparando ad impugnare una...
Bricolage

Come realizzare un'amaca con il materiale delle tende

Avete delle tende che non servono più? Vi dispiace gettarle via e vorreste costruire qualcosa di veramente originale? Potete farlo realizzando una simpatica e bellissima amaca, per dare anche un tocco di tropicale al vostro giardino o alla vostra casa....
Bricolage

Come realizzare lo stile bucchero con la ceramica

Se ti piace l'effetto lucente negli oggetti di arredo della tua casa, ma non vuoi rinunciare alla solidità della ceramica, ecco la giuda che fa per te. In questa guida, infatti, troverai come realizzare lo stile bucchero con la ceramica, senza compromesso...
Bricolage

Come realizzare un cesto in carta riciclata

Ogni giorno, ci capita sicuramente di gettare via moltissima quantità di carta sotto forma di volanti pubblicitari, vecchi giornali o riviste, documenti che non ci servono più e molto altro ancora. In realtà potremo evitare di produrre tutta quella...
Bricolage

Come creare delle sedie con i pallet

Vi sarà capitato spesso di recarvi in un centro commerciale e vedere dei pallet. I pallet non sono altro che pedane da carico, usate per trasportare merci di grosso volume. Si costruiscono con semplici assi di un legno molto economico. Spesso dopo il...
Bricolage

Come tagliare il vetro

Ai primi tentativi, quello di tagliare il vetro, può sembrare un'operazione non proprio semplice, e allo stesso tempo anche un po' pericolosa e rischiosa. Tuttavia, basterà comunque seguire i procedimenti giusti per cambiare idea e agire nel modo più...
Bricolage

Come restaurare una cornice in legno

La cornice è l'oggetto di arredo definito "il più mobile dei mobili", poiché è l'oggetto d' arte più soggetto al gusto personale e quindi spostato e riadattato nel tempo, senza alcuno scrupolo, perché grazie alla sua funzione ornamentale è capace...
Bricolage

Come Modellare L'Argilla Con La Tecnica A Lucignolo

La tecnica a lucignolo, detta anche colombino (termine usato per indicare una particolare lavorazione dell'argilla), da parte delle popolazioni del Sud America, ed esteso impropriamente anche all'artigianato delle popolazioni europee. Essa è stata utilizzata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.