Come seminare il prato

Tramite: O2O 02/08/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Chi di noi non desidera avere un bel prato verde e rigoglioso, dove passare le giornate con i cari? Il prato infatti oltre ad abbellire la nostra casa, è capace di donare serenità e senso di naturalezza, aspetti fondamentali per accrescere la qualità della vita. In questa guida mostreremo in pochi e semplici passi come seminare il prato in modo da avere uno splendido tappeto verde, da fare invidia perfino alle tanto blasonate country houses inglesi.

26

Il terreno

Se sul terreno è presente ancora il vecchio prato, occorre estirparlo completamente, ed insieme ad esso le eventuali essenze infestanti che si sono andate formando nel tempo. A tal scopo una valida soluzione è l'uso di un diserbante sistemico da utilizzare almeno due settimane prima della nuova semina. Questo sarà in grado di eliminare completamente gli apparati radicali ancora vegeti nel terreno. Anche altri residui inorganici come scarti di muratura, rocce affioranti e ceppi di alberi ormai tagliati devono essere accuratamente rimossi. Il manto erboso gradisce un ph del terreno sostanzialmente neutro, pertanto l'ideale sarebbe far fare delle analisi chimico fisiche in laboratori specializzati per individuare il ph del vostro terreno di base. Se dalle analisi risulta un terreno piuttosto acido (ph inferiore a 5) occorre spargere una sostanza basica che lo neutralizzi.

36

Il rullaggio del terreno

Concluse le operazioni preliminari e fresato il terreno per aerarlo, occorre dunque rullarlo. A tal scopo sono disponibili nei centri specializzati dei piccoli rulli trainati a mano che ben si prestano all'utilizzo nei piccoli prati. Tale operazione dev'essere eseguita più volte incrociando la direzione di passaggio in modo da ottenere una superficie quanto più regolare possibile e con delle zolle frantumate in piccole dimensioni.

Continua la lettura
46

La scelta di semenza

La scelta del tipo di semenza dipende fondamentalmente dal clima della zona in cui si dovrà andare a realizzare il prato. In commercio si trovano 5-6 varietà, diversificate anche in baso all'uso del prato stesso, ovvero se calpestabile oppure ornamentale. Resta scontato il discorso relativo alla qualità dei semi, fondamentale per non ritrovarsi chiazze vuote nel vostro giardino.

56

La rastrellatura

Operazione finale è la rastrellatura del terreno. Infatti il seme appena gettato dev'essere ricoperto da un sottile strato di terra, il quale favorisce l'uniformità delle nascite e dunque della tessitura del manto erboso. Per consentire una crescita regolare, almeno fin quando lo stelo erboso non sarà alto almeno due centimetri, il terreno deve essere sempre costantemente umidificato attraverso regolari irrigazioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come seminare l'erba con la carta straccia

Se siamo appassionati di giardinaggio o desideriamo prenderci cura del nostro prato o del nostro giardino, ci servirà sapere come riuscire a seminare bene l'erba e quali metodi utilizzare.In questo settore possiamo provare mille tecniche, anche molto...
Giardinaggio

Come riseminare il prato in giardino

Un prato pulito, fresco e libero da erbacce infestanti è un una delizia per gli occhi e per il cuore. Purtroppo, per lo sporco che si accumula e la crescita di fastidiose erbe invasive, il prato si riempie facilmente di elementi fastidiosi che ostacolano...
Giardinaggio

Consigli per realizzare un prato inglese

Un prato verde e rigoglioso, come quello inglese, in giardino non possiede solamente un valore estetico. Possiamo definire questo manto erboso il polmone verde della nostra casa: la nostra fonte di ossigeno. Nei mesi più caldi, inoltre, garantisce un...
Giardinaggio

10 consigli pratici per un prato perfetto

Sognate da sempre un prato come quelli che si vedono nei giardini delle case inglesi o americane? Avete provato più volte a far crescere nel vostro giardino un prato verde e brillante ma non avete ottenuto i risultati sperati? Allora questa è proprio...
Giardinaggio

Come avere un prato rigoglioso

Chi possiede un giardino sa bene quanto sia difficile mantenere in perfetta salute le piante che lo popolano e lo abbelliscono. In questa guida ci focalizzeremo su un elemento molto particolare soprattutto molto sollecitato, ovvero il prato. Avere la...
Giardinaggio

Come scarificare e arieggiare il prato verde

Con la scarificazione, si rimuove il muschio che è cresciuto nel periodo estivo. Se il muschio e le erbacce vengono rimossi correttamente, l'erbetta del prato, riceve più aria e più luce e dunque presenta una maggiore durata. Dopo scarificazione, è...
Giardinaggio

Come seminare le viole del pensiero

Le viole del pensiero sono fiori vellutati e coloratissimi. Appartengono alla famiglia delle Violaceae ed essendo delle piante perenni hanno un'ottima resistenza anche al gelo. Possiedono foglie ovali contornate da una forma dentata. Mentre i fiori vengono...
Giardinaggio

Come far crescere rigoglioso il tuo prato

Un prato bello e rigoglioso è il miglior modo di "arredare" il proprio giardino. Crescere un prato non è difficile, e curarlo è un modo salutare di rilassarsi nel tempo libero. Un bel manto erboso uniforme regala luce ed allegria agli spazi all'aperto....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.