Come separare le piantine per il rinvaso

Tramite: O2O 22/03/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il giardinaggio è un'attività che può dare molta soddisfazione sotto tutti i punti di vista, Nel ciclo vitale delle piante capita di doversi cimentare nella separazione delle piante attraverso i vari metodi di moltiplicazione. Esistono differenti tecniche che sono valide, ma talvolta possono condurre a risultati differenti. Ad esempio, in base alla pianta che si deve trattare, si può preferire un metodo piuttosto che un altro. Leggendo questo tutorial si possono avere dei consigli su come è possibile separare le piantine per il rinvaso.

27

Occorrente

  • Un vaso;
  • Del terriccio universale o della terra comune;
  • Un paio di forbici;
  • Del fil di ferro o dello spago;
  • Acqua.
37

Divisione delle piantine

Questo tipo di divisione avviene nel seguente modo. Bisogna tagliare un rametto con qualche gemma dalla pianta madre e si rinvasa nella sabbia umida o nella terra. Lo sviluppo della nuova piantina deve avvenire al riparo dalle correnti d'aria, dal freddo e dal sole. Questo mezzo di divisione generalmente è utilizzato per: gerani, garofani, dalie, ortensie, crisantemi ecc. Per ottenere un buon risultato finale bisogna prelevare le talee nel periodo adatto; esso varia in funzione della pianta da trattare. Per i garofani il periodo indicato è quello invernale, per le ortensie la primavera (talea erbacea) oppure l'autunno (talea legnosa), per le dalie aprile, per i gerani agosto.

47

Varie forme di talea

La talea può essere legnosa, fogliare, o erbacea. Quella legnosa si utilizza per separare le piantine di ortensie e rose. Bisogna riunire una ventina di mazzetti, si legano con rafia oppure un rametto di salice e si sotterrano a testa in giù. In questa posizione, durante l'inverno i tessuti delle talee si rimarginano dove sono stati tagliati e si forma una specie di "callo". A marzo si tolgono i mazzetti dal posto di svernamento e si piantano le talee dalla parte del callo, a 10 centimetri l'una dall'altra ed interrandole per due terzi.

Continua la lettura
57

Come avviene la riproduzione

Nei casi delle talee di foglia, ad esempio nelle begonie, basta una foglia per ottenere tantissime piantine. A tale scopo si fanno tanti taglietti sulle nervature della foglia e si fa aderire al terriccio utilizzando un pezzetto di legno, di filo di ferro oppure ancora di una spina. In corrispondenza dei tagli sulle nervature si sviluppano, dopo un po' di tempo, tanti germogli che danno origine a nuove piante; quelle che si formano devono poi essere rinvasate.

67

Consigli per la moltiplicazione delle piante

Le talee erbacee sono utilizzate per la moltiplicazione dei garofani e dei gerani. Si devono staccare da piante sane, devono essere lunghe 10/12 centimetri e private di parte delle foglie. Il taglio deve essere netto per evitare che la talea marcisce. Quando le talee sono pronte si rinvasano per 2/3 centimetri dentro la sabbia. Esistono in commercio dei preparati chimici che aiutano la formazione delle radici. Le talee vanno messe a bagno in una soluzione di tali preparati per alcune ore e poi piantate. A radicamento avvenuto le nuove piantine si sistemano in vasetti o in campo aperto.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come travasare le piantine di basilico

Con l'arrivo della primavera cominciano a deliziarci anche i profumi delle erbe aromatiche che crescono negli orti. Il basilico ad esempio è una di queste, ed è proprio in primavera che le piantine devono essere accuratamente travasate. In riferimento...
Giardinaggio

Come conservare le piantine di fragole in inverno

L'inverno, a causa dei suoi climi rigidi, è spesso nemico di molte piante, soprattutto di quelle più delicate. Tra queste, senza dubbio, vi sono anche quelle delle fragole, un frutto sano ed appetitoso che mai dovrebbe mancare sulle nostre tavole. Come...
Giardinaggio

Come preparare le piantine per gli altari di Pasqua

Seconda soltanto al Natale, la Pasqua è la festività religiosa più attesa da bambini e adulti. All'avvicinarsi di questa ricorrenza, ciò che risalta subito alla mente è il tradizionale uovo o i coniglietti di cioccolata; ma se volgiamo lo sguardo...
Giardinaggio

Come seminare le viole del pensiero

Le viole del pensiero sono fiori vellutati e coloratissimi. Appartengono alla famiglia delle Violaceae ed essendo delle piante perenni hanno un'ottima resistenza anche al gelo. Possiedono foglie ovali contornate da una forma dentata. Mentre i fiori vengono...
Giardinaggio

Come rinvasare la lavanda

Se amate i profumi, i detersivi ed altri articoli simpatici al profumo di lavanda, potrebbe venirvi anche voglia di avere delle piante in casa di cui prendervi cura. La lavanda è una pianta rustica che si adatta a diversi climi e in Italia meridionale...
Giardinaggio

Come trapiantare un bonsai

Il rinvaso di un bonsai è un' operazione molto delicata che va eseguita più volte nell'arco della vita di un bonsai. Di solito, viene fatta in primavera, alla ripresa vegetativa, oppure in autunno, al momento della pausa vegetativa e quando la pianta...
Giardinaggio

Come coltivare i frutti di bosco

Tra le numerose piantine che è possibile coltivare nel proprio giardino, ce ne sono alcune molto belle e particolari che spesso vengono tenute in scarsa considerazione, ad esempio le piantine dei frutti di bosco. Coltivare le piantine dei frutti di bosco...
Giardinaggio

Come rinvasare i ciclamini

L'hobby del giardinaggio, oggi, accomuna moltissime persone di ogni età, perché viene visto oltre che come un modo di abbellire le proprie abitazioni o giardini, come una soddisfazione nel pensare di creare una pianta con le proprie mani fin dall'inizio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.