Come si coltiva l’insalata

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'insalata è uno degli alimenti più comuni che si gusta. Si utilizza come contorno oppure può coronare la fine di un abbondante pasto per aiutare la digestione. Coltivare questa verdura permette di sapere cosa si mangia e di averla a disposizione nel proprio orto. A tal proposito, nella seguente guida vi sarà spiegato come si coltiva l'insalata, fornendovi inoltre tutte le informazioni necessarie e qualche utile suggerimento su questa particolare quanto conosciuta pianta. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • semi in bustina
  • rastrello
  • terreno
36

Utilizzate dei semi contenuti in apposite bustine

Come prima cosa è necessario distinguere due diverse tipologie di insalata esistenti. Esse rientrano in due grandi categorie: l'insalata da taglio e l'insalata da cespo. La prima tipologia si sviluppa tutta intorno a un globo interno che solitamente resta intatto. Il secondo tipo, invece, si sviluppa soprattutto in altezza e si raccoglie tagliando le foglie alla base ed esse si rigenereranno più volte nell'arco della stessa stagione. Per la coltivazione si possono utilizzare dei semi contenuti in apposite bustine acquistabili da qualsiasi rivenditore specializzato. In alternativa è possibile utilizzare delle piccole piantine acquistabili presso i consorzi oppure i vivai.

46

Mantenete il terreno umido

Se deciderete di servirvi dei semi, essi devono essere sparsi manualmente, avendo cura di distanziarli bene gli uni dagli altri. Devono essere gettati sulla superficie del terreno e in seguito si devono ricoprire leggermente con della terra utilizzando un rastrello. Il terreno deve essere sempre mantenuto umido e già dalla prima settimana si comincerà a notare la crescita delle prime foglioline. Questa operazione può essere fatta all'interno di apposite scatole oppure direttamente sul terreno. Nel caso in cui la semina sia avvenuta all'interno delle scatole, oppure se sono state acquistate direttamente le piantine, è necessario trapiantarle sul terreno.

Continua la lettura
56

Separate le piantine

Le piantine devono essere separate facendo attenzione a non rovinare le radici. Devono essere realizzati dei piccoli buchi nel terreno in cui inserire le piantine. Successivamente è necessario compattare il terreno intorno ad esse. È necessario innaffiarle subito senza bagnare le foglie. A questo punto ogni giorno è certamente possibile osservazione la crescita delle piantine. Le piantine devono essere diradate in modo da consentire una crescita ottimale. Seguendo queste utili e semplici mosse, riuscire a coltivare l'insalata sarà davvero un gioco da ragazzi. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le piantine devono essere diradate in modo da consentire una crescita ottimale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come si coltiva la coffea

La Coffea, in Europa, viene spesso utilizzata nelle case a scopo decorativo. La Coffea è una pianta tropicale e viene coltivata prevalentemente in Etiopia poiché predilige un clima arido e caldo in tutti i mesi dell'anno. Inoltre essa è conosciuta...
Giardinaggio

Come Si Coltiva La Kalanchoe

La kalanchoe sono delle pianta succulente dalle foglie che si vedono spesso nei negozi di fiorista o garden center. La maggior parte di esse finisce come piante in vaso, ma le aree che possono mimare la loro terra nativa del Madagascar sono esclusivamente...
Giardinaggio

Come coltivare l'insalata belga

L'insalata belga viene denominata anche indivia ed è un ortaggio a foglia appartenente alla famiglia delle margherite. Questa pianta ortense, abbastanza tenera e deliziosa, è oggi disponibile in tutto il mondo. Numerosi ristoratori si rivolgono direttamente...
Giardinaggio

Come e quando seminare l'insalata

Ultimamente si sta avendo un sensibile interesse per la creazione di orti sui balconi. Le persone che scelgono di utilizzare il loro tempo libero per l'agricoltura sono tantissime. Esse cercano di diventare dei provetti contadini, pur non avendo delle...
Giardinaggio

Come Evitare Di Far Marcire Le Tue Insalate Da Orto

Coltivare il proprio orto, è sicuramente un qualcosa di molto bello, di appassionante e di divertente. In molte infatti sono le piante che possiamo coltivare nell'orto che vanno per esempio dalla pianta di pomodoro fino ad arrivare alle piante di fagioli...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Di Fico

Il Fico è un albero avente delle origini provenienti dall'Asia, specialmente nella sua zona ovest. Per quanto riguarda l'Italia, esso è facilmente visibile al sud, specie in Puglia, in Calabria e in Campania. Lo troviamo nei frutteti, negli orti, come...
Giardinaggio

Come coltivare la calceolaria

La calceolaria è un tipo di pianta che forma un fiore dalla forma e dai colori insoliti: ha una particolare forma a palloncino o a fagiolo, e possiedono una certa consistenza perché il petalo, unico, è piuttosto gonfio. Si tratta di una pianta di origine...
Giardinaggio

Le 10 più belle piante rampicanti per il giardino

Se state mettendo su un giardino tutto vostro e non volete rivolgervi ad un giardiniere esperto, allora potrebbero tornarvi utili alcuni consigli. Quello che vi mostreremo in questa guida, è una raccolta di quelle che sono, a nostro avviso, le 10 più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.