Come si utilizza la molla sturalavandini

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le molle sturalavandini sono dei dispositivi che racchiudono una molla all'interno di una capsula filettata. Gli idraulici, ma non solo, le utilizzano al fine di risparmiare tempo e lavoro, in quanto garantiscono una tensione positiva e controllata quando vengono impiegate per favorire il deflusso dell'acqua dal tubo di scarico. Inoltre, forniscono una forza sufficiente anche nel caso in cui bisogna recuperare qualche oggetto caduto accidentalmente nel tubo. Questo attrezzo è abbastanza semplice da utilizzare e, grazie ad esso, è possibile anche evitare dei costosi interventi idraulici. Ma ora vediamo come si utilizza una molla sturalavandini.

25

La molla sturalavandini è generalmente in fibra metallica. Ha una pratica manovella con la quale si manovra l'oggetto. La parte che andrà inserita nello scarico è composta da due tubature intrecciate. Queste riescono a penetrare in profondità nei tubi grazie alla loro flessibilità. Scegli la molla sturalavandini nella misura che si adatta meglio alla dimensione del lavandino da sturare e controlla che sulla confezione ci sia il marchio CE, che comprova la sicurezza e l'omologazione in base alle norme europee in vigore.

35

Solitamente, si utilizza la molla sturalavandini per liberare gli scarichi di piccola dimensione. Sfruttala se altri metodi non hanno sortito effetto, come ventose o acidi disgorganti. Procedere è abbastanza semplice. Per prima cosa, fai scorrere l'acqua nel lavandino. Elimina con le mani i residui più in vista nello scarico. A questo punto, inserisci delicatamente nello scarico la punta dell'attrezzo. Tienila parallela alla tubatura. Gira la manovella, in modo da far penetrare in profondità i due tubi incrociati. Continua a muovere la manopola, fino a quando non si bloccherà.

Continua la lettura
45

Ora la molla avrà catturato la maggior parte dell'ostruzione. Gira in senso contrario la manovella. Ritrai con delicatezza l'attrezzo. Elimina i residui e ripeti l'operazione, se necessario. Perché lo scarico sia perfettamente libero, effettua una pulizia straordinaria. Prendi dell'aceto bianco e preparane un misurino. Travasa il liquido in una bacinella, aggiungendo due dita di acqua. Immergi poi uno straccio pulito. Arrotola il panno su se stesso, fino a formare un cono molto stretto. Inserisci lo straccio nello scarico. Lascia agire per tutta la notte, senza utilizzare il lavandino. Trascorso il tempo necessario, togli il panno e lascia scorrere l'acqua molto calda.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Olia regolarmente l'attrezzo, in modo che funzioni sempre in maniera ottimale

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come installare una cerniera a molla

Generalmente le cerniere hanno lo scopo di avvicinare due oggetti in modo che riescano a fare un unico e limitato movimento. Installare o cambiare questo tipo di attrezzatura è estremamente semplice. In questa guida vi spiegheremo come installare una...
Materiali e Attrezzi

Come si utilizza l'avvitatore ad impulsi

Chi ama il fai da te non può fare a meno di un avvitatore ad impulsi. Stiamo parlando di un attrezzo in grado di semplificare ogni sorta di lavoro. Esso consente di avvitare e svitare viti e bulloni senza alcuna difficoltà e in tempi rapidi. La sua...
Materiali e Attrezzi

Come si utilizza la carta catramata

Oggi, in questo articolo, vogliamo proprio proporvi una valida guida, riguardo un argomento che interessa tutti coloro che sono amanti del fai da te.Nello specifico vogliamo aiutarvi a capire come si utilizza, nella maniera corretta ed efficace, la carta...
Materiali e Attrezzi

Come Misurare La Forza Con Il Dinamometro

Nella seguente semplice e rapida guida che vi andrò ad enunciare immediatamente nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, come bisogna misurare efficacemente e senza nessunissima difficoltà una forza (che,...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere un coltello balistico

Tra le armi da fuoco e le armi da taglio ne esistono alcune veramente particolari, una di queste è senz'altro il coltello balistico. I coltelli balistici vengono utilizzati con la tecnica di lancio a propulsione e andranno scelti tenendo conto di alcuni...
Materiali e Attrezzi

Come fare la piegatura dei tubi di rame

I tubi di rame sono spesso utilizzati per la realizzazione di impianti idrici o per i discendenti e le canaline dei tetti. In commercio esistono numerosi modelli di giunti che consentono di effettuare qualsiasi tipo di collegamento ad angolo, tuttavia...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare e unire i fogli di lamiera

Alcune volte c'è necessità di utilizzare dei fogli di lamiera per dei lavori piuttosto delicati. Ma tagliare la lamiera ed unirla ad altri fogli dello stesso materiale potrebbe rivelarsi alquanto difficile e complicato se non si possiedono i giusti...
Materiali e Attrezzi

Come regolare la tensione dei chiudiporta

Se abbiamo appena montato un chiudiporta, e non ci soddisfa la tensione con cui agisce in fase di chiusura o di apertura del serramento, non è il caso di preoccuparci e nemmeno di rivolgerci al venditore. Si tratta infatti, di agire in determinati punti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.