Come sigillare il tetto del vivaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se nel nostro giardino abbiamo deciso di allestire un vivaio, indipendentemente dalla grandezza, è importante sigillarlo adeguatamente per due motivi fondamentali, ovvero per evitare che possa entrare del freddo e soprattutto dell'acqua piovana. In questa guida, vediamo dunque nel dettaglio, come sigillare il tetto del vivaio.

25

Occorrente

  • Stucco epossidico
  • Tela lucida
  • Collante specifico
35

In genere il tetto di un vivaio, si compone di una serie di aste orizzontali e verticali che fungono da telaio portante delle lastre in vetro, plastica o dei teloni trasparenti. In tutti i casi, dopo averlo creato, la sigillatura deve avvenire su tutti i lati dei supporti utilizzando del silicone trasparente, sicuramente uno dei migliori prodotti per garantire il top dal punto di vista dell'impermeabilità.

45

Questo accorgimento potrebbe tuttavia non rivelarsi efficace, se il vivaio lo abbiamo inserito in un contesto dove il sole (anche forte) batte per molte ore al giorno; infatti, l'eccessivo calore potrebbe far sciogliere il silicone o quantomeno farlo crepare, rendendolo quindi poco impermeabilizzato. Per evitare questo inconveniente, specie se abbiamo deciso di creare il tetto di vetro, è di utilizzare dello stucco epossidico bianco che oltre a tenere compattate le parti da unire, garantisce una certa durabilità nel tempo, ed è esente dai suddetti rischi dettati dall'eccessivo calore dei raggi solari. Un altro rimedio molto funzionale per sigillare il tetto di un vivaio, è quello di utilizzare dell'apposita tela lucida vendibile nei centri di termoidraulica, e che in genere serve proprio per la coibentazione di tubazioni e condotte idriche. L'applicazione può avvenire a spirale, interponendo tra ogni giro del silicone, in modo da creare alla fine un manicotto a prova di intemperie.

Continua la lettura
55

Se il tetto del vivaio lo abbiamo invece creato con del materiale plastico come ad esempio lastre in plexiglass, è importante sapere che per sigillarlo nelle giunture, necessita di collanti specifici evitando invece quelli a base acrilica o di acetone, che rischierebbero di dissolvere le particelle di cui si compone il prodotto. L'uso quindi del collante giusto ci consente di massimizzare il risultato, e soprattutto di garantirci una perfetta impermeabilizzazione del tetto del vivaio. Questa condizione è fondamentale, specie se abbiamo optato per la coltivazione di alcune piante esotiche che com'è noto, richiedono un clima decisamente umido, dettato proprio dalla tenuta stagna della struttura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come gestire un vivaio

Avere il pollice verde e amore per le piante non basta. Per esempio gestire un vivaio richiede anche competenze imprenditoriali e spirito di iniziativa non indifferenti, trattandosi di un'azienda a tutti gli effetti. Nel caso poi la vostra, sia un'attività...
Giardinaggio

5 consigli per la scelta di una pianta in vivaio

Se per il nostro terrazzo o giardino abbiamo bisogno di acquistare una pianta e ci rechiamo in un vivaio, è importante accertarci di alcuni fattori, legati a grandezza, specie, metodo di coltivazione, struttura e tanto altro. In riferimento a ciò, ecco...
Giardinaggio

Come disporre le piante in un vivaio

In questo articolo vorrei parlarvi di come disporre le piante in un vivaio. La produzione commerciale delle piante e la produzione commerciale dei fiori avvengono nelle aziende specializzate di piante e di fiori. Aprire delle aziende specializzate di...
Giardinaggio

Come sigillare la serra

Il freddo o un'improvvisa tempesta possono causare danni in una serra che non risulta adeguatamente sigillata. Piccole fessure in prossimità di aree come porte, quadri elettrici e fondazioni possono rendere difficile mantenere la perfetta temperatura...
Giardinaggio

Come far germogliare i semi di glicine secchi

Il glicine, altrimenti conosciuto sotto il nome di "Wisteria", è una pianta dal bel colorito violaceo, che risulta perfetta per pergolati robusti a cui farla aggrappare, è adornare così il vostro balcone, terrazzo o il giardino. Ovviamente, è possibile...
Giardinaggio

Come coltivare il crinum

Con il termine "Crinum" (tradotto dal greco "krinon" significa giglio) si fa riferimento a delle piante bulbose che fanno parte della famiglia delle Monocotiledoni. Si tratta di piante che provengono dall'Africa, dall'Asia, dall'America e dall'Australia,...
Giardinaggio

Come far crescere un nespolo in vaso

Il nespolo, contrariamente a quanto si possa pensare, possiamo facilmente coltivarlo in un vaso. In un vivaio possiamo trovare una varietà nana, che si presta molto alla coltivazione in vaso, magari collocando quest'ultimo nel balcone o in terrazzo....
Giardinaggio

Bonsai: 10 consigli per principianti

Con il termine bonsai si definisce l'arte di coltivare miniature di alberi. Questa caratteristica tendenza è nata in Cina per poi svilupparsi in tutto il mondo. Tuttavia sono ancora numerosi i neofiti che si avvicinano all'arte bonsai, senza sapere esattamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.