Come simulare la naturale vernalizzazione del bulbo

Tramite: O2O 23/09/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Al giorno d'oggi, la forzatura si attua su molte specie di piante, per ottenere una fioritura precoce. Lo stesso procedimento, può essere adottato per tutte le bulbose anche se, alcune specie, sono più adatte a questo tipo di coltivazione. La forzatura si pratica sottoponendo i bulbi ad un periodo di vernalizzazione: tale operazione, consiste nel collocare i bulbi dapprima in un ambiente freddo e buio e successivamente in una posizione calda e luminosa. In questa guida, vi insegnerò, attraverso tre semplici passi, come simulare la naturale vernalizzazione del bulbo. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • vaso da 12 cm di diametro
  • argilla espansa o ghiaia di piccole dimensioni
  • terriccio
  • sabbia grossolana
  • bacinella
36

Come prima cosa, potrete procurarvi tutto il materiale necessario nei vivai, o in alcuni supermercati molto forniti. Vi servirà un vaso da 12 cm di diametro al quale dovrete chiudere il foro di scolo. Dopo aver fatto ciò, stendete sul fondo uno strato di 4-5 cm di argilla espansa o di ghiaia di piccole dimensioni, dopodiché aggiungete circa 10 cm di terriccio universale, miscelato a sabbia grossolana di fiume. Appoggiate un solo bulbo di giacinto o due di narciso. La parte dei bulbi deve emergere dal terriccio di riempimento misto a ghiaia. Attenzione a posizionare i bulbi per il verso giusto, in modo da favorirne la radicazione. Dopo averli piantati, immergete il vaso in una bacinella piena di acqua, quindi lasciatelo in questa posizione per un paio di ore almeno.

46

Successivamente, dovrete posizionare il vaso con i bulbi in un luogo fresco e riparato, dove non vi sia pericolo di gelate e la temperatura non scenda troppo (in casa staranno bene, ma scegliete comunque un posto non riscaldato come un sottoscala, un androne, una cantina e così via). Ricopritelo con un cono di cartone per mantenere il bulbo al buio, ed ogni qualvolta il terriccio si asciugherà, annaffiatelo. Mantenete il vaso al buio per almeno un mese, tuttavia fate molta attenzione a non fare entrare luce nel cono. In seguito, vi accorgerete che all'apice del bulbo, saranno comparsi i primi germogli, e sarà arrivato il momento di rimuovere il cono di cartone.

Continua la lettura
56

Non appena i getti avranno raggiunto i 5 centimetri di altezza, portate il vaso in un ambiente tiepido. Oltre a ciò, annaffiate costantemente, mantenendo umido il terriccio, e nebulizzate fino a quando compariranno i boccioli fioriferi. In questo momento, le piante avranno maggior bisogno di linfa per portare al massimo sviluppo le corolle. Al termine della fioritura, i bulbi dovranno essere piantati in una cassetta e portati all'esterno o in un giardino, ricoprendo la superficie di terreno con della pacciamatura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare uno spray repellente naturale contro gli insetti

Non appena arriva l'estate è facile che si riscontri il problema degli insetti, soprattutto perché si sta più frequentemente fuori casa, o si tengono le finestre aperte più a lungo per arieggiare i locali. Quindi si deve necessariamente trovare una...
Giardinaggio

Come preparare un insetticida naturale

Chi ha il pollice verde, conosce bene il pericolo degli insetti. Capita infatti, che dopo tante cure e tempo dedicato alle nostre piante, tutto venga vanificato dall'attacco di questi parassiti. Invece di fare uso dei classici insetticidi che si trovano...
Giardinaggio

Come preparare un concime naturale per le piante

Le piante hanno bisogno di molte attenzioni e sopratutto di accorgimenti particolari. Ma quando si decide di coltivare qualcosa nel proprio orto, la prima cosa da fare è quella di utilizzare dei concimi per proteggerli. L'orticoltura è un'attività...
Giardinaggio

Come preparare un fungicida naturale

Le malattie fungine possono essere molto difficili da controllare e una volta che infettano una pianta, non è per nulla facile eliminarle. Se non è correttamente trattata, la malattia può diffondersi non solo su tutta la pianta, ma anche sulle piante...
Giardinaggio

Come difendere gli agrumi dalla carenza di potassio in modo naturale

Gli agrumi non sono mai semplici da coltivare, è necessaria molta attenzione e pazienza per poterli far crescere al meglio e senza troppi problemi. A volte inoltre è necessario effettuare delle operazioni per poterle rinvigorire e curarle da possibili...
Giardinaggio

Come sbarazzarsi delle lumache in modo naturale

Ritrovarsi i fiori, le piante, i cespi di lattuga o altre varietà di verdure coltivate con amore e dedizione nel proprio orto di casa costantemente rovinati dalle lumache è sempre una grande e fastidiosa sconfitta! Eppure tale irritante situazione è...
Giardinaggio

Come eliminare le erbacce in modo naturale

Tutti i giardinieri, i professionisti e quelli che curano le piante per hobby, hanno l'incubo delle erbacce da eliminare. Anche voi avete questo problema che vi toglie il piacere di avere il pollice verde? Togliere le erbacce non è difficile se sapete...
Giardinaggio

Come propagare i bulbi per divisione

Il bulbo o tubero è un organo proprio di alcune piante, come: la patata, l'aglio e i gigli. Avendo a disposizione uno solo di questi bulbi, si può effettuarne la divisione al fine di propagare e formare delle piante uguali alla pianta "madre", quella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.