Come smaltire l'idropittura

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L’ idropittura è un prodotto molto utilizzato tra i privati. Esso è adoperato per proteggere le strutture dagli agenti atmosferici, i metalli dalla ruggine e per aggiungere colore e vivacità a pareti e mobili. Molti proprietari di casa, a lavoro di verniciatura completato, si ritrovano in garage o nelle cantine, decine di barattoli di cui disfarsi. Secondo alcuni sondaggi, 69 milioni di litri di vernice vengono gettati via ogni anno. Le idropitture a base d'acqua realizzate dopo il 1992 non sono considerate pericolose e possono essere smaltite come qualsiasi altro rifiuto. Tuttavia, dovete seguire alcune regole fondamentali prima di smaltire tali prodotti.

27

Occorrente

  • Lettiera per gatti, segatura o qualsiasi materiale assorbente
37

Vernici a base d’olio. L’idropittura a base oleosa, a differenza di quella a base d’acqua, deve essere smaltita necessariamente in un centro di raccolta specializzato, a causa dell’alto contenuto di sostanze nocive e dell’elevato grado di infiammabilità. Per questo motivo non potete asciugare la pittura all'aperto, ma dovete recarvi in un’isola ecologica, cioè un’area ben attrezzata in cui i cittadini possono portare i rifiuti voluminosi o pericolosi.

47

Per le grandi quantità di vernici, dovrete procedere come indicato di seguito. Aprite il coperchio e aggiungete del materiale assorbente come, ad esempio, polvere di cemento, lettiera per i gatti, gesso, pezzi di carta o segatura e mescolate bene il tutto. In alternativa, considerate l’acquisto di uno speciale agente indurente che potete comperare in qualsiasi ferramenta o sito internet. In questo modo, con una piccola quantità di soluzione indurente (circa mezza tazza) potrete solidificare 2/3 litri di vernice nel giro di poche ore.

Continua la lettura
57

Prima di gettare via una vecchia lattina di vernice, valutate attentamente la possibilità di riutilizzarla per progetti futuri. La tonalità della tintura non sarà quella desiderata, ma potrete comunque impiegarla per dare la prima mano di vernice o per dipingere mobili. In alternativa, potete donare tutto a enti di beneficenza, scuole o artisti.

67

Idropittura a base d’acqua. La vernice a base d’acqua può essere smaltita gettandola semplicemente nella pattumiera, solo se completamente solida. Questo a causa delle restrizioni sullo smaltimento dei rifiuti chimici liquidi. Per asciugare piccole quantità di tintura, togliete il coperchio dal barattolo e lasciatela seccare in luogo ben ventilato (preferibilmente all'aperto) e lontano dalla portata di animali o bambini. Questo processo, solitamente, richiede una settimana di tempo affinché la vernice si asciughi completamente. Una volta che la pittura è stata seccata all'aria, chiudete saldamente la lattina e smaltirla nel bidone.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non versate la vernice sul suolo o nelle fognature, poiché potrebbe contaminare le falde acquifere e creare danni all'ecosistema locale.
  • Una volta che avete asciutto la vernice, se possibile, pulite il barattolo e riciclatelo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come smaltire i calcinacci

Quando si svolgono lavori di ristrutturazione è inevitabile la creazione di ingenti quantità di calcinacci. Negli anni passati purtroppo si è assistito ad un continuo disseminare di tali rifiuti nella natura. Ancora oggi capita spesso di vedere ammassati...
Materiali e Attrezzi

Come Smaltire Il Mercurio

Il mercurio fino a poco tempo fa era un materiale utilizzato nei termometri, grazie alla sua capacità di reagire al calore e quindi di indicare la temperatura corporea. È tuttavia risaputo che tale sostanza è tossica e a causa di questo fattore progressivamente...
Materiali e Attrezzi

Come conservare la pittura avanzata

Sono davvero tante le persone che, pur non essendo particolarmente esperte in fatto di pittura, per risparmiare si dedicano autonomamente a questa attività per tinteggiare le pareti di casa propria. Solitamente, infatti, il lavoro viene effettuato per...
Materiali e Attrezzi

Come creare un cesto usando vecchie riviste

Se in casa possedete un po' di carta da smaltire, soprattutto le riviste, potete riciclarle per realizzare qualcosa di utile per la casa, come ad esempio un cesto da utilizzare come contenitore per i giocattoli dei bambini, oppure per inserirvi dei fiori...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare il calcestruzzo già verniciato

Dipingere il calcestruzzo è tutto sommato un compito semplice, ma il discorso cambia quando la superficie è stata già verniciata in passato. Le superfici in calcestruzzo sono abbastanza comuni nelle strutture moderne, in particolar modo sulle pareti...
Materiali e Attrezzi

Come installare un sistema di scarico su un doppio lavello

Se in cucina avete un lavello e volete cambiarlo con uno a due vasche, il procedimento e le operazioni non saranno complicate, siccome ci sono delle tubazioni in PVC pratiche ed economiche che si possono incastrare assemblandole, perciò senza l'occorrenza...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere il pennello da imbianchino

Spesso per risparmiare ed imparare un'utile attività si può pensare a tinteggiare le pareti di casa con il fai-da-te. Inutile dire che la pratica è fondamentale: chi si accinge a farlo le prime volte, potrebbe non avere i risultati sperati per tutta...
Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per eternit

L'Eternit è un fibrocemento brevettatato nel 1901 da Ludwig Hatschek, un materiale prevalentemente a base di amianto che oggi non è più in commercio, sostituito da altri materiali non cancerogeni. Il suo nome deriva dal latino "aeternitas", ovvero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.