Come smontare un bancale di legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Un bancale di legno è una struttura portante costituita da una serie di pezzi di pellet che serve quasi spesso a sostenere degli oggetti posati sulla sua parte superiore. Infatti, sono spesso usati nelle fabbriche, nelle industrie, nei depositi e nei supermercati. Sono molto comodi ma a volte bisogna liberarsene, perché si vuole ricavare spazio, perché si vuole riciclare il legno per fare qualcos'altro. Insomma, i motivi possono essere tanti, ma non è questo il punto fondamentale. Anzichè buttarlo e quindi rovinare i soldi spesi precedentemente per il suo acquisto lo si ricicla, e per fare ciò è necessario smontarlo pezzo dopo pezzo. Quindi, scopriamo insieme come smontare un bancale di legno.

28

Occorrente

  • Pallet, forca, martello di acciaio e di gomma, martello, tenaglia, morsetti, contenitore porta chiodi e tappi per le orecchie
38

Posizionare il bancone sopra un piano da lavoro

Come primo passo da compiere, è necessario posizionare il vostro bancone sopra un piano da lavoro per compiere un lavoro più agevole. Per tenerlo fermo, potete utilizzare dei morsetti, in modo da far venire meno complesso e fastidioso il lavoro.

48

Togliere i piedi del bancone

Per prima cosa, conviene togliere i piedi del bancone, perché se si prova a togliere al contrario, la testa del chiodo rimarrà dentro l'asse, e facendo leva si romperebbe l'asse di legno. Quindi usate la forca, poggiando la parte inferiore sul legno, applicate una pressione abbastanza elevate più volte sugli stessi punti, in modo da poter sollevare le assi di legno.

Continua la lettura
58

Togliere i chiodi dalle assi di legno

Quindi girate il bancone e continuate il lavoro, che risulterà molto faticoso e complesso, e impiegherete anche un bel po' di letto. Adesso, anzichè rompere il legno, indebolite l'unione delle assi stesse in modo da ottenere solo le assi di legno e poter togliere tranquillamente i chiodi per poi posizionarli nel contenitore prima preparato.

68

Togliere le assi di legno

Riposizionate i morsetti dopo aver girato nuovamente il bancone. Adesso è necessario togliere le assi di legno con l'aiuto della mazzetta do gomma, che farà tanto rumore, ed è proprio per questo che dovreste aver già indossato i tappi per le vostre orecchie.

78

Smontare i piedi

L'ultimo passo consiste nel togliere i chiodi rimasti, e poi smontare i piedi, che è la parte più complicata. Continuate ad aiutarvi mediante l'uso della forca, della tenaglia e della mazzetta. Quindi picchettare sulla parte inferiore del piedi in modo da spostarsi pian piano fino al complesso distacco dall'asse di legno. Finalmente il vostro lavoro, dopo tanta fatica, è stato ripagato, quindi potete rimuovere i tappi dalle orecchie. Avete smontato il vostro bancone in semplici passaggi per poter realizzare ciò che desiderate.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Avere pazienza

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un bancale shabby chic

L'arredamento rappresenta il cuore di ogni casa. Non sempre è pero necessaria una grande cifra per renderla calda ed accogliente. In contrapposizione ai mobili e ai complementi di arredo fatti in serie, nasce lo stile Shabby Chic, che, traducendolo letteralmente...
Bricolage

Come smontare un divano letto

Se si dispone di un divano dotato di un letto estraibile e si presenta la necessità di dover riparare per futili motivi la rete, oppure ci troviamo costretti a doverlo spostare in caso di trasloco, è probabile che sia necessario smontarlo facendo attenzione...
Bricolage

Come smontare un armadio a ponte

Il fai da te è oggi molto di moda: un modo davvero originale di agire su oggetti e attrezzature di prima necessità senza rivolgersi a personale specializzato. Con un pizzico di buona volontà ed alcune conoscenze appropriate, oggi è possibile fare...
Bricolage

Come smontare e togliere un vecchio telaio di una porta dal muro

Se nella nostra casa abbiamo intenzione di rimodernare le porte, bisogna agire sul vecchio telaio per fare posto a quello nuovo, e con esso anche alla porta che abbiamo scelto. Per questa operazione, è dunque necessario smontare e togliere un vecchio...
Bricolage

Come smontare la cornice di un dipinto

La rimozione della cornice di un quadro è un'operazione necessaria prima di procedere al restauro, o alla pulitura, del dipinto. Si tratta di un intervento non particolarmente complesso ma abbastanza delicato, che viene effettuato anche nel caso in cui...
Bricolage

Come smontare una cartuccia termostatica

Quando si parla di miscelatore termostatico si fa riferimento a un elemento che permette di riuscire a regolare la temperatura e il flusso dell'acqua. Questa funzione viene svolta attraverso l'utilizzo di due manopole: la prima consente di regolare la...
Bricolage

Come smontare un armadio con ante scorrevoli

Se occorre smontare un armadio con ante scorrevoli, non dobbiamo pensare che l'unica soluzione sia chiamare una ditta specializzata in traslochi, e ovviamente pagarla. Con un po' di buona volontà e di attenzione, e seguendo i consigli di qualcuno che...
Bricolage

Come smontare un frigorifero da incasso

Tra tutti gli elettrodomestici della nostra cucina, il frigorifero è sicuramente quello più importante. Ciò che caratterizza un buon frigo riguarda la qualità, la capacità di mantenere fresco il cibo contenuto, la longevità nel tempo, i consumi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.