Come smontare un giunto omocinetico

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se sulla nostra auto intendiamo eseguire un intervento di manutenzione di tipo professionale ovvero smontare un giunto omocinetico, possiamo farlo senza necessariamente rivolgerci ad un tecnico specializzato. Fondamentale è tuttavia utilizzare un estrattore specifico che seppur apparentemente complicato nell'uso, ci consente di ottimizzare il risultato in poco tempo e con il minimo sforzo. A tale proposito, ecco una guida su come smontare il suddetto giunto.

25

Occorrente

  • Estrattore
  • Trapano elettrico (a cavo o a batteria)
35

Procurare gli attrezzi

Il giunto omocinetico come si evince dal nome stesso, funge da braccetto di sostegno tra il semiasse e la ruota, e si compone di una parte cilindrica dotata di un cappuccio su cui va poi ad alloggiare una cuffia di gomma che serve ad impedire la fuoriuscita dell'olio lubrificante. Premesso ciò, come già accennato in fase introduttiva ci procuriamo gli attrezzi necessari, ovvero un estrattore specifico e un trapano elettrico o a batteria, con delle chiavi tubolari di diverse dimensioni del tipo che si usano per svitare i bulloni delle ruote.

45

Rimuovere i bulloni del disco ruota

Il primo intervento da eseguire, consiste nell'utilizzare il trapano per rimuovere i 4 bulloni che sostengono la ruota, in modo da poter accedere all'apparato che sorregge quest'ultima, e che è collegata al semiasse dell'auto tramite il suddetto giunto omocinetico. Adesso sempre con il trapano, si rimuovono anche i bulloni del disco ruota che consentono di asportare quest'ultimo totalmente, e mettere a nudo il giunto cinetico da sostituire. Fatto ciò, entra in scena l'estrattore preposto a questa funzione. La preparazione è piuttosto semplice; infatti, l'attrezzo si compone di due blocchi che vanno applicati in perpendicolare al giunto stesso, sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Una volta fissati, si usano altri due blocchi che servono a formare una sorta di cornice che funge da freno al giunto, consentendoci poi di poter eseguire la manovra di smontaggio senza che possa girare.

Continua la lettura
55

Estrarre il giunto

Una volta completata l'operazione preliminare, prendiamo il trapano elettrico e nel mandrino inseriamo la chiave corrispondente all'imboccatura del giunto omocinetico, che si trova in bella evidenza proprio verso la nostra persona. Il trapano essendo di tipo avvita e svita, è dotato di un regolatore di tensione che ci consente di eseguire l'operazione in modo preciso e lento. Per concludere il lavoro, il bullone grazie proprio al suddetto trapano viene estratto totalmente, favorendo la fuoriuscita della parte conica del giunto sul proprio asse. Fatto ciò, si procede al contrario per montare poi quello nuovo appena acquistato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come smontare la falsa maglia della bicicletta

Se avete una bicicletta ed intendete periodicamente eseguire degli interventi di manutenzione, vi basta usare alcuni attrezzi ed avere un minimo di praticità nel fai da te. Per esempio potete smontare la cosiddetta falsa maglia di cui tutte le due ruote...
Materiali e Attrezzi

Come smontare e sostituire il mandrino del trapano

Il trapano elettrico ha in dotazione un mandrino, che apparentemente è fisso. In realtà si tratta di un elemento che è possibile smontare e sostituire, soltanto che per ottenere ciò, è necessario utilizzare un apposito strumento ed alcuni attrezzi....
Materiali e Attrezzi

Come cambiare l'olio della motosega

La motosega è un attrezzo fondamentale per andare a tagliare tronchi e rami presenti nel nostro giardino, proprio perché riesce a farci raggiungere questo fine, in un tempo limitatissimo, attraverso dei tagli netti. Di fondamentale importanza è tenere...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare uno stoppino per saldature

Tutti coloro che si cimentano nelle saldature, devono conoscere le basi di come utilizzare uno stoppino, che non è altro che un filo di rame intrecciato in grado di rimuovere il materiale saldante dai punti di saldatura; è particolarmente utile per...
Materiali e Attrezzi

Come cablare un doppio interruttore

Quando si parla di elettricità la costante sempre presente deve essere quella della sicurezza. Basta infatti un cavo non sistemato o una messa a terra sbagliata per far verificare un pericoloso incidente. Per questo, intale utile guida, vedremo insieme...
Materiali e Attrezzi

Come saldare la ghisa sferoidale

I metalli presenti in natura sono molteplici e, grazie all'intervento dell'uomo e allo sviluppo delle tecnologie industriali, sono variamente combinati per ottenere materiali di particolare qualità. La ghisa sferoidale ne è un esempio, con le sue caratteristiche...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire il compressore di un frigorifero

Se il frigorifero inizia ad emettere una specie di ronzio continuo e smette di refrigerare come dovrebbe, vuol dire che con molta probabilità il compressore ha smesso di funzionare correttamente. Quando accade questo inconveniente la scelta migliore...
Materiali e Attrezzi

Come costruire colonne di pietra

Le colonne sono elementi architettonici verticali e portanti, composti solitamente da 3 elementi: base, fusto e capitello. Esse hanno in genere una forma circolare e vengono usate da molti millenni per realizzare costruzioni monumentali, come templi ed...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.