Come Sostituire La Batteria Di Una Lampada Di Emergenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tutte le luci di emergenza utilizzano una batteria per alimentare le lampade per assicurare la disponibilità continua del dispositivo. Queste batterie sono ricaricabili e possono essere di due tipi: batterie al piombo ermetico (simili a quelle utilizzate nelle automobili), batterie al nichel-cadmio e batterie al piombo sigillate; queste ultime sono le più antiche batterie ricaricabili disponibili oggi. Esse sono composte da due piastre in lega di piombo immerso in acido, il quale rompe le piastre producendo elettroni che danno origine all'energia elettrica. Più recentemente, la tecnologia delle batterie al piombo è migliorata, consentendo di avere unità completamente sigillata che non richiede l'aggiunta di acqua per mantenere equilibrato il livello di acido. Tuttavia, è necessario provvedere alla sostituzione periodica. Vediamo allora come sostituire la batteria di una lampada di emergenza.

26

Occorrente

  • Cacciavite italiano
  • Cacciavite a croce
  • Batteria di ricamio
36

Come prima cosa ci sarà bisogno di staccare la lampada al posto a cui è fissata, quindi svitate le viti, per poi smontarla. Una volta smontata, accedete alla batteria e segnate i valori della tensione e della corrente. Prendete anche la misura della dimensione, staccate i morsetti dalla batteria. Togliete la plastica trasparente, il neon e prendete un cacciavite italiano.
Con tale cacciavite separate il fondo della lampada dal corpo della lampada stessa, individuando così la batteria. Accedendo a quest'ultima, segnate ora i valori della tensione e della corrente.

46

Utilizzando un cacciavite a croce, smontate il sostegno della batteria.
Togliete dai due poli, rosso e nero, rispettivamente positivo e negativo, i cavetti di alimentazione e, quindi, rimuovete fisicamente la batteria esausta dal suo alloggiamento.
La batteria guasta andrà buttata nell'apposito cassonetto contenente solamente batterie esauste e non nel cassonetto generico.

Continua la lettura
56

Ora prendere la batteria nuova e collegate i cavetti nero e rosso esattamente ai poli nero e rosso senza invertirne la polarità (rosso con nero, ad esempio), lampada e batteria si guasterebbero. Riposizionate la batteria nel proprio posto, inserite un sostegno e avvitate le sue viti con il cacciavite a croce.

66

Una volta riposizionato il tutto ed avvitate le viti, bisogna rimontare la lampada: accoppiate il fondo della lampada di emergenza, inserite il neon, mettete la plastica trasparente e ricollocate la lampada nella sua posizione originaria e lasciatela in carica per almeno 12 ore. Passate le 12 ore potrete finalmente staccare la corrente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fissare una lampada di emergenza in casa

Qualora intendiate montare una qualunque lampada di emergenza nella vostra abitazione principale e non sapete assolutamente come bisogna procedere per farlo in maniera efficace e nel miglior modo possibile, questa guida fa al caso vostro! Non vi rimane...
Bricolage

Come fare una candela d’emergenza con il burro

Quante volte vi sarà capitato di restare senza luce durante un blackout, magari nel bel mezzo di un temporale invernale? In questi casi se non si ha una lampada d'emergenza né candele a disposizione, bisogna ingegnarsi per illuminare l'ambiente. Benché...
Bricolage

Come riparare una lampada al neon

Al giorno d'oggi moltissime persone hanno in casa propria una lampada al neon. Si tratta di un tipo di lampada piuttosto particolare che tende ad emettere una luce abbastanza debole e quindi viene utilizzata principalmente per una funzione di segnalazione....
Bricolage

Come realizzare una torcia a batteria

Le torce sono da sempre un'utile strumento per poter illuminare la strada o i luoghi bui, e poter vedere così dove poter mettere i piedi, senza il rischio di inciampare o sbattere da qualche parte. In commercio esistono moltissime torce, ma alle volte,...
Bricolage

Come creare una lampada riciclando un imbuto

Se siamo amanti del riciclo, tra i tanti oggetti che abbiamo in casa, possiamo creare dei simpatici ed eleganti complementi d'arredo. Infatti, utilizziamo un imbuto di plastica o di metallo (il rame è l'ideale), per realizzare una lampada da appoggio...
Bricolage

Come realizzare una lampada riciclando bottiglie usate

Realizzare una lampada non è una cosa molto complicata. Occorrerà scegliere un oggetto che possa funzionare come base per il portalampada, acquistare quest'ultimo nei negozi appositi per ottenere delle lampade da tavola molto originali. L'originalità...
Bricolage

Come Realizzare Una Lampada Con Una Bottiglia

Spesso e volentieri, in casa, capita di avere degli oggetti inutilizzati che, inevitabilmente, finiscono nella pattumiera. Tra questi, le bottiglie di vetro sono, di certo, tra i più numerosi: dal momento che bevande, alcolici, salse e conserve vengono...
Bricolage

Come Creare Una Lampada Con Vecchi Cd

Alcune volte ci capita di perdere molto tempo girando per i vari negozi alla ricerca di un regalo unico e particolare per i nostri amici o parenti e spesso dopo tanta fatica per la ricerca il suo costo risulta anche molto elevato. Potremo quindi provare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.