Come sostituire un termostato non programmabile

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molti di noi posseggono una caldaia magari di quelle vecchio modello. Per intenderci, stiamo parlando di quelle con termostato vecchio non programmabile e talune volte con un cattivo funzionamento. Nel momento in cui si dovesse presentare questo problema, l'unica alternativa che ci rimane sarà quella di acquistarne uno che sia programmabile. Bisognerà, quindi, sostituire quello vecchio e mettere il nuovo in modo che la nostra caldaia possa di nuovo essere al top. Se cercate delle utili informazioni su come sostituire un termostato non programmabile non dovete fare altro che seguire quest interessante articolo.

26

Documentarsi prima della sostituzione del termostato

Prima di cominciare l'operazione di sostituzione, sarà necessario sapere che un termostato non programmabile ha il compito di far partire la caldaia o di interromperne la funzione in modo automatico, una volta che la temperature ideale viene raggiunta. Il termostato programmabile, invece, svolge molte altre funzioni come quella di programmare la caldaia per avere ad esempio I riscaldamenti accesi solo per poche ore durante la notte. Inoltre, questo tipo di termostato possiede una batteria a litio di lunga durata.

36

Staccare l'interruttore generale

Se abbiamo a che fare con un vecchio sistema, l'alimentazione è collegata direttamente alla fonte energetica, quindi bisognerà staccare l'interruttore generale. Oltre ai tubi idraulici, la caldaia è dotata di un cavetto con guaina molto spessa, da cui sono visibili all'estremità un filo rosso, uno nero ed uno giallo con filetti verdi. Si tratta del cavo di alimentazione, ed i colori servono ad indicare la polarità, e la massa dell'impianto. Il nero corrisponde al negativo, il rosso al positivo e il giallo/verde alla massa. Se non riusciamo a trovare il libretto d'istruzione, uno schema generalmente si trova, dietro lo sportello che chiude la caldaia frontalmente.

Continua la lettura
46

Rimuovere il vecchio termostato

Smontando i vari fili possiamo agevolmente rimuovere il vecchio termostato e collegare la plancia di quest'ultimo con i rispettivi fili, agganciandoli ai tre del vecchio sistema. A questo punto, il termostato che andrà fissato (ad incastro) sulla plancia, ci consentirà di impostare diverse fasce orarie per l'accensione e lo spegnimento della caldaia. L'orologio di cui è dotato e, il termometro che indica costantemente la temperatura raggiunta dalla caldaia, oltre quella esterna, ci consentirà di farlo partire automaticamente appena il freddo scenderà al di sotto di essa. Il vantaggio di questo termostato asportabile, è quello di non dover più accedere a fili elettrici in caso di mancato funzionamento, ma basterà aprire il piccolo cassettino contenente la pila al litio che svolge tutte le sue funzioni.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come risolvere i problemi di un termostato

Quando il termostato ha problemi di riscaldamento o raffreddamento, di solito si opta per la soluzione più ovvia: quella di chiamare del personale specializzato per risolvere l'inconveniente. Ma se si desiderano risparmiare un bel po' di soldi e prima...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire la lampadina in un forno a microonde

Come ben sappiamo i forni a microonde sono provvisti di una lampadina che si accende quando si apre lo sportello. Essa oltre ad indicarci l'apertura della porta ci permette anche di capire quando il forno è in funzione. Oppure spegnendosi quando la cottura...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire il vetro di una finestra

Quando si rompe un vetro di una finestra, la prima cosa che si pensa di fare è portare il vetro rotto da un vetraio. Come tutti ben sappiamo i vetri non hanno un costo bassissimo. Ma con questa guida andrò a spiegarvi come sostituire un vetro di una...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire la motopompa della lavastoviglie

La lavastoviglie, dapprima simbolo di modernità e di emancipazione, è ora un elettrodomestico immancabile all'interno delle case. Ma come ogni altro strumento che semplifica la vita di tutti i giorni, necessita di manutenzione e particolari attenzioni....
Materiali e Attrezzi

Come sostituire le valvole e i detentori dei termosifoni

I termosifoni, tramite l'utilizzo di acqua calda o vapore che circola nell'impianto costantemente, forniscono calore all'ambiente. Principalmente funzionano per mezzo di un singolo tubo nel quale scorre il fluido che viene portato al radiatore tramite...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire il volano su un cambio automatico

Il volano è collegato all’albero motore e ha lo scopo di accumulare energia cinetica per poi restituirla in maniera passiva. In passato il volano era un semplice disco e quindi praticamente indistruttibile. Con il progredire della tecnologia il volano...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire un pluviale in rame

Se all'esterno della nostra casa notiamo che quando piove l'acqua anzichè convergere nel pluviale, fuoriesce all'esterno dell'apposito convogliatore in rame (a forma di imbuto), non è difficile capire che si tratta di una lesione o di un foro, per cui...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire i fusibili termici

I fusibili termici sono dei dispositivi atti a prevenire il surriscaldamento. Si trovano nella maggior parte dei comuni elettrodomestici. Insomma proteggono gli apparecchi da cortocircuiti e alte temperature. I fusibili termici possono essere sia monouso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.