Come spostare un acquario nel modo corretto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Un acquario rappresenta un oggetto molto pesante da trasportare, oltre che un complemento di arredo da trattare in modo molto delicato. Quando si rende necessario, per una qualsivoglia ragione, lo spostamento di un acquario, occorre sempre sapere in quale modo bisogna procedere per realizzare questa operazione nel modo migliore possibile. In questa guida vogliamo illustrarvi come spostare un acquario nel modo più corretto.

25

Occorrente

  • Acquario
  • Pompe ad aria
  • Batterie rilascianti ossigeno
  • Recipiente opaco
  • Cavi d'estensione (eventuali)
  • Controlli di manutenzione
35

Effettuate il drenaggio dell'acqua

Prima di procedere con lo spostamento del serbatoio, dovrete eseguire il drenaggio dell'acqua e per non stressare troppo i pesci vi consigliamo di usare delle pompe ad aria alimentate da batterie che rilasciano ossigeno.
Successivamente togliete i pesci dall'acquario e metteteli immediatamente dentro un comodo recipiente, provando a replicare il loro habitat: il contenitore da usare deve essere opaco, per evitare che i pesci fuoriescano: infatti questi sono meno attivi nel buio e quindi meno soggetti a sollecitazioni.

45

Togliete la ghiaia

Il trasporto degli acquari determina dei gravi rischi per l'integrità del sigillante che mantiene i pannelli di vetro assieme, per cui bisogna sollevarli con estrema cautela: qualora il serbatoio è di grandi dimensioni, saranno necessarie quattro persone per il sollevamento dell'acquario da spostare. Le operazioni che dovrete compiere sono le seguenti: scollegare e rimuovere tutti gli allegati esterni che si potrebbero rompersi, togliere anche la ghiaia e le piante dal serbatoio per evitare che il loro peso possa spaccare il fondo dell'acquario durante il trasferimento, verificare la disponibilità delle prese di corrente nella nuova postazione e preparare i cavi d'estensione eventualmente necessari.

Continua la lettura
55

Reinstallate i collegamenti

Dopodichè, le operazioni finali da compiere sono le seguenti: reinstallare i vari collegamenti, i riscaldatori, le luci e l'aeratore, verificare la temperatura, il pH, la salinità ed il contenuto di cloro dell'acqua, rimettere i pesci nel serbatoio usando una rete, quando le condizioni dell'acquario avranno raggiunto la normalità. Infine dovrete introdurre le piante e le varie decorazioni, lasciare che l'acquario riposi per almeno 30 minuti affinché le temperature possano pareggiare prima d'accendere il riscaldamento e per ultimo effettuare periodicamente dei controlli di manutenzione, accertandosi che le pompe ed i filtri funzionino regolarmente (essendo fondamentali per la salute dei pesci). Avrete così effettuato uno spostamento dell'acquario seguendo le giuste procedure, senza intaccare l'incolumità dei pesci e sistemando il tutto in modo corretto, preciso ed ordinato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

5 accessori indispensabili per l'acquario

Il mondo acquatico ha, da sempre, attirato e affascinato l'uomo. Qualcuno ha provato a ricrearlo e così sono nati gli acquari. Contrariamente a quello che si può pensare, allestire un acquario degno di essere chiamato con questo nome, non è così facile...
Altri Hobby

Come scegliere il fondo per un acquario

Un acquario può diventare un meraviglioso e sorprendente elemento di arredo per un appartamento moderno ed affascinante. Curare un acquario con tanti pesci colorati è rilassante ed interessante, e di certo un acquario curato e ben decorato può veramente...
Altri Hobby

Come fertilizzare le piante dell'acquario

Chi non vorrebbe un bell'acquario pieno di pesci tropicali? Per molti rappresenta un sogno! Ancora meglio, un acquario pieno di pesci e piante rigogliose. Mica vorrete usare delle orribili piante finte, vero? Come per le piante da terra, però, anche...
Altri Hobby

Come potare le piante d'acquario

Le piante d'acquario sono un elemento decorativo d'importanza biologica. Si sviluppano in altezza ed abbastanza rapidamente, pertanto vanno controllate con regolarità. L'eccessiva crescita renderebbe il paesaggio poco attraente e pieno di insidie per...
Altri Hobby

Come scegliere l'acquario

Molte sono le persone appassionate di pesciolini da tenere in casa e se ci piace l'idea di voler arredare un angolo della nostra casa con un acquario di piccole, medie o grandi, non dobbiamo fare altro che leggere questa guida per sapere come sceglierlo,...
Altri Hobby

Acquario: manutenzione e pulizia

L'acquario è l'habitat naturale per i pesci che vivono in cattività. I pesci rossi sono piuttosto semplici da curare, non richiedono particolari manutenzioni, per cui la pulizia si può limitare al solo cambio dell'acqua. L'acquario tropicale, invece,...
Altri Hobby

Come montare il filtro interno dell'acquario

Chiunque ha la passione per gli acquari, conosce bene, che questo ha bisogno sempre di molta manutenzione e soprattutto di un'accurata progettazione. Difatti, per poter scegliere tutto il "contenuto" del nostro futuro acquario, dovremo fare una scrupolosa...
Altri Hobby

Come misurare il PH in un acquario

Un acquario grande e ricco di pesci presuppone una grande cura da parte del suo proprietario. Egli dovrà infatti, necessariamente, tenere sotto controllo la temperatura, la limpidezza dell'acqua, il suo livello di acidità/basicità, per far sì che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.