Come spurgare un calorifero

Tramite: O2O 26/08/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Lo spurgamento di un calorifero, o termosifone, consist nell'espellere l'aria che è rimasta intrappolato all'interno. Quest'ultima provoca la formazione di punti freddi, riducendo la loro efficicenza. È possibile eseguire questa operazione da soli, senza richiedere l'intervento di un idraulico, migliorando così notevolmente l'efficienza dell'intero sistema di riscaldamento domestico. Ciò significa che la casa sarà più calda e le bollette energetiche meno costose. Vediamo allora come spurgare un calorifero.

26

Occorrente

  • Bacinella
  • Cacciavite
36

Individuare la causa del malfunzionamento

Innanzitutto, sarebbe bene individuare la causa di questo malfunzionamento. Infatti, un termosifone che non riscalda può essere il segnale di una scorretta distribuzione del calore nell'intero impianto, ma più probabilmente il problema potrebbe essere frutto di una presenza di bolle d'aria che ostacolano la libera circolazione dell'acqua. Quindi, per eliminare eventuali bolle nei termosifoni, inizia spegnendo la caldaia.

46

Aprire la valvola di spurgo

A questo punto, recati al termosifone non funzionante, e apri la valvola di spurgo. La trovi quasi sempre nella parte alta del calorifero, e può essere di tre tipi: a rondella, a vite, oppure potrebbe servirti la sua chiave per aprirla. Se la tua casa è disposta su due piani, incomincia dai caloriferi posti al piano terreno, per poi spurgare quelli del piano superiore, così da non portarti in giro bolle per tutto il circuito. Quando allenti una valvola di sfiato, ricorda sempre di farlo lentamente, in quanto la pressione dell'impianto potrebbe far schizzare l'acqua, magari sporcando mobili o intonaci. Eventualmente copri la parte di muro più prossima alla valvola con uno straccio. Ricordati anche di collocare sotto allo sfiato un recipiente che possa raccogliere l'acqua che uscirà.

Continua la lettura
56

Svitare la valvola di spurgo

Svita molto lentamente la valvola di spurgo, lasciando uscire abbastanza acqua fino a quando non sentirai più il rumore dell'aria all'interno del calorifero. Terminato lo spurgo, riavvita la valvola e ripeti lo stesso procedimento per tutti i caloriferi del tuo impianto, procedendo da quello più vicino alla caldaia fino a quello più lontano. Quando avrai finito, controlla il livello dell'acqua nell'impianto e, se necessario, aggiungine dell'altra fino a raggiungere il livello corretto (di solito di 0.8 - 1 bar), dopodiché riavvia la caldaia. Se la pressione del sistema è sufficiente, ricontrolla nuovamente il calorifero per assicurarti che non ci siano rimanenti zone fredde sui pannelli.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Questa operazione di spurgo dei caloriferi sarebbe opportuno effettuarla ogni anno, prima della stagione fredda ed ogni volta che aggiungi acqua all'impianto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come smontare un calorifero

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di dover eseguire alcuni piccoli lavoretti di manutenzione per la nostra casa e, sopratutto se non siamo degli esperti con il mondo del fai da te, di rivolgerci ad operai esperti per essere sicuri di ottenere...
Casa

Come fare la manutenzione del calorifero

Orma, quasi tutte le abitazioni, vengono riscaldate attraverso piastre radianti, le quali prendono il nome di caloriferi. In genere sono alimentati da una caldaia a gas, e posizionati nelle varie stanze dove irradiano il loro calore. Accesi oppure spenti,...
Casa

Come spurgare una caldaia combinata

Se in casa avete una caldaia di tipo combinato ovvero che funziona sia a legna che a pellet, è importante periodicamente effettuare lo spurgo, affinché il calore si diffonda in modo uniforme nelle condotte distribuite lungo il perimetro delle pareti...
Casa

Come fare uscire l'aria dal radiatore della caldaia

Sono davvero in tanti coloro i quali, grazie al metodo classico del fai-da-te, sono in grado di porre rimedio ai problemi casalinghi, che spesso sono soliti presentarsi, proprio quando non dovevano. Ecco perché abbiamo pensato di creare questa guida,...
Casa

Come chiudere un termosifone che perde acqua

Uno degli inconvenienti domestici più comuni e fastidiosi è senza dubbio rappresentato dalla perdita di acqua da un termosifone. Soprattutto durante la stagione invernale, periodo nel quale il calorifero svolge la sua funzione più importante, avere...
Casa

Come rimuovere un termosifone

I termosifoni o caloriferi sono elementi che fanno parte dei più comuni sistemi di riscaldamento casalinghi. Sono generalmente collegati ad una rete idraulica che trae calore da una caldaia, alimentata da vari combustibili come gas, legno, eccetera....
Casa

Come estrarre un termosifone dal muro

Se siete in procinto di ristrutturare la vostra casa e avete la necessità di rifare anche l'impianto del riscaldamento, sarà sicuramente necessario smontare i vecchi termosifoni in modo tale da poter installare quelli nuovi. L'operazione che bisogna...
Casa

Dove e come stendere quando piove

Le casalinghe di tutto il mondo odiano l'autunno e l'inverno a causa dei panni. Infatti quando piove o fa freddo far asciugare la biancheria diventa una vera e propria missione speciale. Spesso quando si intravvede un raggio di sole si stende all'aperto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.