Come staccare un oggetto di argilla secco dal gesso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Staccare un oggetto di argilla secco dal gesso non è affatto difficile, se tutta la procedura precedente è stata eseguita nel modo corretto. Riassumerò allora brevemente le tappe precedenti. La tecnica è quella famosa del colaggio, per cui si fa la barbottina (sciogliendo l’argilla in acqua e aggiungendo una sostanza che ne favorisce la fluidità, ottenendo una specie di fango). Lo scopo è quello di realizzare oggetti complicati, bassorilievi di vario tipo, come foglie o decori, mani, piedi e persino personaggi di cartoni animati. Si pone dunque questo impasto, versandolo grazie a un mestolo, nello stampo in gesso già pronto. Le pareti assorbiranno l'acqua della barbottina. Il gesso infatti ha la proprietà di essere idro-assorbente. Le particelle di argilla intanto si stratificano, facendo spessore. Raggiunto quello desiderato si toglie poi l'eccesso di barbottina, inclinando semplicemente lo stampo. Ma è ora di passare ai fatti: ecco qui dunque cosa fare per staccare un oggetto di argilla secco dal gesso.

26

Occorrente

  • argilla apposita dalle proprietà plastiche, che secchi senza creare crepe
  • talco
  • stampo negativo di gesso
  • forno da ceramica
  • mestolo
36

Ovviamente, prima di utilizzare lo stampo bisognerà sempre togliere le tracce di polvere e ripassare con una spugna lievemente umida, specie se è inutilizzato da molto tempo. Asciugatelo con cura. Poi iniziate a cospargere la superficie dello stampo con un separatore, il talco, distribuendolo uniformemente con l'aiuto di un pennello asciutto, insistendo nelle zone degli interstizi, ma senza formare accumuli.
La fase dell'asciugatura è delicatissima. Dopo un arco di tempo di alcuni giorni, si può finalmente estrarre l'oggetto, che dovrà essere solido al punto di non sfaldarsi in seguito alla pressione manuale. Quando l'oggetto è essiccato, praticamente si distacca da solo dalle pareti dello stampo, in modo netto. Questo perché la creta indurendosi si restringe, quindi si toglierà facilmente.

46

Se ciò non dovesse avvenire, la colpa può essere o della barbottina, che non è stata fatta correttamente, o dello stampo, troppo vecchio e umido. Inoltre è importante che il modello originale per gli stampi non presenti degli spigoli aventi un angolo maggiore di 90°. La conseguenza sarebbe che il modello essiccato resterà incastrato nello stampo e bisognerà purtroppo rompere uno dei due per separarli. Non vedo altra soluzione. In questo caso si ricorre prima a degli stampi particolari, realizzati in più parti ad incastro.

Continua la lettura
56

Il vostro oggetto in creta così ottenuto, ora libero dalla sua armatura di gesso, sarà da rifinire levando ogni eventuale sbavatura presente. Grazie all'ausilio dello stampo in gesso si potranno replicare più volte i modelli in terracotta. Proprio per questo è sempre buona norma ricordare di ripulirlo sempre da eventuali residui argillosi, usando un pennello bagnato di acqua e aceto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • l'ambiente non deve essere tropo caldo o ventilato
  • la parte superiore e quelle sottili si asciugano più velocemente di quelle spesse, creando così tensioni interne e rotture

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come staccare il silicone dal legno

Rinnovare l'appartamento può essere un'operazione molto divertente e creativa, apportando modifiche ai mobili ed agli elementi di arredo, ma è molto importante fare attenzione a non creare danni durante le operazioni di smontaggio e di assemblaggio...
Materiali e Attrezzi

Come impastare e modellare l'argilla

Argilla è il termine che definisce un sedimento non litificato estremamente fine (le dimensioni dei granuli sono inferiori a 2 μm di diametro) costituito principalmente da allumino-silicati idrati appartenenti alla classe dei fillosilicati. I minerali...
Materiali e Attrezzi

Come colorare oggetti in gesso

Se abbiamo appena realizzato delle sculture in gesso e intendiamo colorarle, per massimizzare il risultato, è necessario seguire delle regole specifiche affinché la vernice scelta attecchisca perfettamente. In riferimento a ciò, nei passi successivi...
Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire l'argilla espansa

L'argilla espansa è un ottimo materiale molto utile per creare una base quando si piantano fiori e piante. Infatti l'argilla espansa consente di creare una base per il terreno in cui l'acqua possa defluire, di modo che le radici non si impregnino eccessivamente...
Materiali e Attrezzi

Come eliminare le bolle d'aria nella preparazione del gesso

Con l'utilizzo della polvere di gesso potete fare tanti lavoretti originali usando la tecnica del fai da te. Ad esempio usando degli stampini come quelli che solitamente si usando per fare i dolci, si possono creare fantastiche formine da usare come sopra...
Materiali e Attrezzi

Come rendere impermeabile il gesso

Il gesso è un materiale che può trovarsi sia all'interno che all'esterno delle abitazioni. Quello utilizzato all'esterno si presenta sotto forma di intonaco, e non necessita di essere impermeabilizzato, in quanto è un materiale abbastanza robusto e...
Materiali e Attrezzi

Gesso in polvere: consigli per la scelta

Se siete amanti del bricolage e del fai da te e vi dilettate con piccoli lavoretti realizzati in casa, sicuramente conoscerete la polvere di gesso, un materiale piuttosto versatile che si utilizza per moltissimi scopi differenti. La polvere di gesso può...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare il gesso in polvere

Se il vostro hobby è il bricolage, sicuramente conoscete il gesso come materiale. Usato anche in edilizia, il gesso (costituito da solfato di calcio) è uno dei materiali più utilizzati per le decorazioni. È disponibile in commercio sotto forma di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.