Come stagnare una pentola di rame

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molto tempo fa, le pentole che le nostre nonne usavano in cucina erano in rame. Questo pregiato metallo dal colore rosato ha conducibilità elettriche e termiche elevatissime, tuttavia presenta un difetto molto scocciante, vale a dire quello di diventare opaco al seguito dei numerosi utilizzi. Quando una pentola di rame si rovina all'interno, l'unica soluzione possibile è quella di stagnarla. In questa guida vi sarà spiegato, a tal proposito, come stagnare una pentola in rame in modo semplice ed efficacie. Vediamo quindi insieme come procedere.

26

Occorrente

  • Cotone
  • Acido muriatico
  • Pinze
  • Verghe di stagno
36

Pulire l'interno della pentola

Innanzitutto bisogna sapere che con questo processo non solo pulirete la pentola, ma andrete a rivestire l'interno con dello stagno. Il primo passo da fare è quello di pulire accuratamente l'interno della pentola. Mettete quest'ultima sul fuoco e fatela scaldare per bene. Mi raccomando, prestate molta attenzione nel fare questa operazione, altrimenti rischierete di scottarvi data la grande conduttività termica del rame. Una volta che la pentola sarà piuttosto calda, prendete un batuffolo di cotone e impregnatelo di acido muriatico per iniziare la pulizia. Nel fare questa operazione indossate dei guanti, poiché l'acido, a contatto con la pelle, è molto corrosivo e dunque pericoloso.

46

Lavare l'interno della pentola con acido muriatico

Con l'aiuto di un paio di pinze tenete il batuffolo di cotone impregnato di acido muriatico e lavate accuratamente tutta la superficie interna della pentola, in modo tale da eliminare tutte le tracce di grasso oppure di qualunque altra impurità che ostacoli la presa dello stagno. Ricordatevi sempre di utilizzare una mascherina protettiva quando effettuerete questo passaggio, poiché mentre userete l'acido muriatico sulla pentola potrebbero sprigionarsi vapori nocivi che non vanno assolutamente inalati.

Continua la lettura
56

Scaldare e stagnare la pentola

Dopo che la pentola sarà ben pulita, dovrà essere scaldata nuovamente. Successivamente iniziate l'operazione di stagnatura. Prendete un pezzetto di stagno; utilizzate quello puro al 100% Dopo aver avvolto anche esso accuratamente in un batuffolo di cotone, passatelo con grande velocità e forza su tutto l'interno della pentola. A questo punto lo stagno si scioglierà e si mescolerà al cotone formando un tampone che rilascerà poco a poco lo stagno. Fate asciugare lo stagno e alla fine avrete una pentola lucidissima, quasi come uno specchio, che sembrerà come nuova. 

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate asciugare lo stagno e alla fine avrete una pentola lucidissima, quasi come uno specchio, che sembrerà come nuova.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come sostituire gli anelli di gomma su una pentola a pressione

Il caos della vita moderna ci costringe a correre in ogni momento della giornata. Tuttavia, per evitare di mangiare piatti pronti e poco salutari, il consiglio è quello di utilizzare la pentola a pressione. Si tratta di un utensile che, grazie alle alte...
Materiali e Attrezzi

Come usare lo spray fissativo sul rame

Il rame è un metallo duttile e malleabile e possiede alcune affinità chimiche con l'argento. Oltre ad essere molto resistente e riciclabile, il rame risulta anche un ottimo conduttore di calore ed elettricità e per queste sue caratteristiche viene...
Materiali e Attrezzi

Come smaltare il rame

Quando decidiamo di fare dei lavori con il rame, come ad esempio creare dei bracciali o delle collane, prima di smaltare la superficie, abbiamo la necessità di adottare alcune importanti tecniche per disossidarlo, onde evitare che in fase di cottura...
Materiali e Attrezzi

Come ossidare il rame verde

Ci sono vari metodi per ossidare e di conseguenza cambiare colore al rame. A differenza del ferro che quando si ossida comincia a diventare ruggine, il rame invece reagisce formando una patina sulla superfice a cui seguirà il cambiamento di colore. L'esempio...
Materiali e Attrezzi

Consigli per curvare i tubi in rame

Se abbiamo deciso di installare una condotta idrica per irrigare ad esempio il giardino, ed intendiamo utilizzare dei tubi in rame, sorge il problema su come piegarli per creare le opportune curve o gomiti. Tuttavia ci sono alcune tecniche ben precise,...
Materiali e Attrezzi

Come curvare il rame

Negli impianti idraulici i tubi di rame cotto (o ricotto) sono di gran lunga il materiale più usato per via dello loro duttilità, ovvero la capacità di un corpo di deformarsi senza rompersi. Il rame infatti, oltre ad essere un materiale leggero, si...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare il rame

Se intendiamo verniciare il rame, è importante sapere che essendo un metallo molto ossidabile, non è prudente rivestirlo con qualsiasi tipo di vernice, poiché a lungo andare, l'ossido riesce a trapassare attraverso il colore, facendolo diventare...
Materiali e Attrezzi

Come fare la piegatura dei tubi di rame

I tubi di rame vengono spesso utilizzati per la realizzazione di impianti idrici o per i discendenti e le canaline dei tetti. Tuttavia anche per il gas il loro uso è abbastanza frequente, e nel 90% dei casi sono ricoperti da una guaina in gomma. Premesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.