Come stendere un tappeto erboso in rotoli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

L'installazione di un tappeto erboso rappresenta una soluzione ottimale per disporre di un prato sempre pulito, liscio e completamente uniforme. Trattasi di un procedimento facile da attuare e da mantenere, ma è bene sapere che tale lavoro deve essere compiuto nelle prime ore del mattino, prima che il calore dei raggi solari asciughi il terreno sottostante. Nello srotolamento del tappeto, occorre prestare particolare attenzione affinché non rimangano zolle rialzate dal suolo, che oltre ad essere antiestetiche nel giardino potrebbero risultare al quanto pericolose per camminarci su. Vediamo allora come stendere un tappeto erboso in rotoli.

25

Occorrente

  • motocoltivatore
  • sabbia
  • vanga o rastrello
  • picchetti
35

Preparazione del terreno

La posa del tappeto erboso a rotoli richiede prima di tutto un'accurata preparazione del terreno sottostante. Infatti tutto ciò fa fatto con largo anticipo specie se è la prima volta che viene usata una tecnica del genere. Il terreno deve essere zappato a circa 15 cm di profondità, togliendo a mano le pietre o i sassi più grandi. Se vi trovate a trattare un terreno particolarmente duro potreste aggiungere della sabbia nella percentuale di un metro cubo ogni cento mq di superficie. Dopo avere ripulito il terreno bisogna rullarlo ottenendo così una superficie uniforme e ottimale per la posa del tappeto erboso a rotoli. Semplici e pochi passi da non dimenticare e da attuare altrimenti avrete uno scarso risultato.

45

Posizionamento del tappeto

Per una migliore resa del tappeto erboso è consigliabile posarlo entro 48 ore dall'acquisto, prima della posa, si consiglia di aggiungere al terreno circa trenta grammi al metro quadro di concime chimico a base di fosforo, il quale aiuta l'arricchimento della radici.
Successivamente metterete quattro picchetti agli angoli del terreno e gli unirete con una corda: in questo modo quando metterete le prime strisce di prato saranno ben allineate e cominciate in questo modo il lavoro di estensione del rotolo d'erba.

Continua la lettura
55

ultimazione della messa in posa

È bene sapere che i tappeti erbosi si posano cominciando prima dalla zona più distanti fino ad arrivare a quelle presenti nelle zone più interne, in questo modo infatti si evita di andare a pestare con i piedi la parte gia posizionata. Evitate di sovrapporre le zolle una sopra l'altra, ma nello stesso tempo state attenti a non lasciare spazi tra un rotolo e l'altro, potrebbero causare dei rigonfiamenti sotto il rotolo d'erba. Terminata la posa, si effettua la rullatura e un'irrigazione che manterrà il terreno costantemente umido, sopratutto durante la prima settimana. Una volta seguito tutto ciò passo per passo avrete completamente posto a terra il vostro tappeto d'erba e non vi resta che godervelo comodamente!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare un manto erboso

Con il sopraggiungere della primavera, osservava Carducci, tutto è del color di prato. Non appena inizia la bella stagione si può incominciare finalmente a godere dei propri prati verdi. Ma come bisogna fare per raggiungere questo invidiabile risultato?...
Giardinaggio

Come curare il tappeto erboso

Il prato come cornice del giardino: è proprio così! Anche se il giardino presenta delle belle piante sia da foglia che da fiore, ma il prato o tappeto erboso non è ben curato, l'impressione è di disordine, di incuria. Il giardino (e quindi il prato)...
Giardinaggio

Come preparare il terreno per un tappeto erboso

Volete ottenere il prato dei vostri sogni? Niente paura, questa guida fa certamente al caso vostro! Infatti, con pochi e semplici passaggi ma soprattutto con i miei infallibili consigli, vi spiegherò nella maniera più chiara e comprensibile possibile...
Giardinaggio

Come Fare Un Prato In Zolle

Il prato in zolle permette di realizzare, in breve tempo, un tappeto erboso pronto, calpestabile da subito, senza fallanze. Anticipa i tempi, permettendo di accorciare notevolmente le lavorazioni agronomiche di preparazione del terreno e, bonifica dalle...
Giardinaggio

Metodi per rizollare il prato

Se nel giardino abbiamo un prato abbastanza verde, ma il nostro sogno è di tenerlo liscio ed uniforme quindi in stile tipicamente inglese, occorrono molti interventi di manutenzione. Tra i principali per massimizzare il risultato, troviamo la posa di...
Giardinaggio

Come allestire un prato a rotoli

Immaginiamo un'ampia dimora con giardino, in cui passare gradevoli momenti di relax. Il contesto ideale per chiunque volesse godere del tempo libero senza allontanarsi dalla sicurezza di casa. Respirare i profumi di una ricca vegetazione, su un rigoglioso...
Giardinaggio

Come Utilizzare Un Diserbante

Il diserbante, noto anche come erbicida, combatte la malerba. Utilizzato dopo gli anni Cinquanta, sostituisce egregiamente l'estirpazione manuale o la pacciamatura. Agisce per assorbimento fogliare o direttamente sulle radici. Tuttavia, quest'ultima tipologia...
Giardinaggio

Come effettuare la manutenzione del prato

In molti pensano che la manutenzione del prato sia una pratica da effettuare solo durante la primavera e l'estate. Invece non è cosi, per avere un bel prato verde e curato in ogni suo aspetto ha bisogno di cure anche durante l'autunno e l'inverno, oltre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.