Come strutturare un impianto elettrico domestico

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Tra le più grandi conquiste degli ultimi 200 anni, una delle più importanti è quella dell'elettricità. E forse si tratta della più rilevante in assoluto. Grazie all'elettricità si poterono sviluppare in modo esponenziale le maggiori tecnologie del secolo scorso. La diffusione di tale energia in ambito domestico fu una grande conquista per i popoli. Oggi, ogni abitazione possiede un impianto elettrico. Grazie ad un contatore, è possibile distribuire la corrente in ogni stanza. Per avere questi risultati è necessario strutturare in modo preciso e meticoloso un impianto. Ma come svolgere questo lavoro? Naturalmente è necessaria dell'esperienza nel campo e dimestichezza con gli strumenti del mestiere.

25

Studiare la planimetria dell'appartamento

Come prima cosa consultiamo la planimetria dell'abitazione. La distribuzione dei punti luce dipenderà anche dal tipo di arredamento che vorremo installare. Il posizionamento di mobili ed elettrodomestici giocherà un ruolo nella scelta dei punti luce e delle prese. In cucina, per esempio, ne serviranno diverse. Consigliamo di installarne almeno una per ogni elettrodomestico in uso. È necessario scegliere il tipo di presa più adatta agli apparecchi in commercio nel nostro paese. In Italia si utilizza la presa di tipo C, la presa di tipo F e quella di tipo L. La più comune è la presa italiana a tre fori. Tuttavia si diffonde rapidamente anche la presa schuko a due contatti.

35

Scegliere la soluzione più adatta

Ci sono due tipi di impianti, che si differenziano per costi ed estetica. Tuttavia assolvono la stessa funzione. L'impianto incassato è sicuramente quello più costoso. Ha però il grande vantaggio di nascondere tutti i fili e i cavi. È consigliabile per le strutture in costruzione o durante le fasi di ristrutturazione. Per una manutenzione improvvisa, l'ideale risulta l'impianto con canaline a vista. Saranno visibili i collegamenti, ma non saranno necessari interventi murari. Il costo, inoltre, sarà notevolmente più basso. In un impianto elettrico domestico c'è un punto di consegna della corrente, dove si installa un contatore e un limitatore di corrente. Ciò serve ad impedire prelievi superiori a quelli stabiliti per contratto con l'ente erogatore.

Continua la lettura
45

Adottare le misure di sicurezza

Questo interviene anche in caso di sovraccarico o di un cortocircuito. Sulla tavola del gruppo di misura si trovano i morsetti della fase del neutro. Da qui la corrente passa al quadro di distribuzione dell'utente, che deve avere per legge un interruttore generale. Quest'ultimo è munito di un dispositivo di distribuzione, attraverso il quale la corrente giunge ai diversi circuiti della casa. Contiene dei sensori magnetici e termici che, in caso di cortocircuito o di sovraccarico, fanno scattare l'interruttore e interrompono il passaggio di corrente, impedendo ai conduttori un surriscaldamento tale da poter provocare un incendio. Gli interruttori automatici dotati di alta sensibilità che intervengono anche su correnti minime si chiamano salvavita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come installare un interruttore magnetotermico

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire come poter installare, nella maniera più semplice e facile possibile, un interruttore magnototermico.Cerchermeo, anche in questo caso, di realizzare il tutto, mediante e grazie al classico...
Casa

Come progettare l'impianto elettrico

Quando ci si accinge a costruire una nuova abitazione, o semplicemente ad una ristrutturazione, uno degli aspetti che non può passare di certo in secondo piano è proprio l'impianto elettrico. La sua progettazione deve essere eseguita alla perfezione,...
Casa

Come installare un impianto elettrico

Per installare un impianto elettrico è necessario partire dalla conoscenza della rete di distribuzione e lavorare sempre nel pieno di rispetto delle norme di sicurezza, staccando la corrente prima di iniziare qualunque tipo di operazione all'impianto...
Casa

Come posare le piastrelle di un pavimento

La piastrellatura di un'abitazione può subire un processo di degrado nel corso degli anni. Può incorrere a dei danneggiamenti a causa di urti o semplicemente essere vittima di usura. Per questo, alcune volte, è necessario effettuare una sostituzione...
Materiali e Attrezzi

Come laminare la vetroresina

La vetroresina risulta essere un un materiale estremamente affascinante e resistente. Per creare delle forme solide e durature nel tempo è necessario eseguire una laminazione sulla propria resina e scegliere esattamente il materiale migliore per eseguire...
Altri Hobby

Come creare delle montagne in un plastico

In questo articolo, si vuole proporre il modo per imparare come poter creare, con le proprie mani e grazie alla propria fantasia, delle bellissime montagne in un plastico, in modo tale da poterlo riproporre e farlo vedere ai proprii amici e parenti, ma...
Giardinaggio

5 specie di orchidee rare da coltivare in casa

Le Orchideo sono divise in circa seicentocinquanta generi e oltre ventimila specie. Si tratta di un fiore molto bello, decorativo e molto utilizzato per fare un regalo al proprio partner e nei matrimoni. Sono anche dei fiori molto costosi, quindi vengono...
Giardinaggio

Come coltivare alberi di mele nani

La coltivazione di alberi di mele nani è abbastanza decorativa, nonché semplice sia dal punto di vista logistico che da quello del mantenimento. La fruttificazione, inoltre, è davvero intensa. L'altezza dell'albero, di circa 3 metri, è contenuta e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.