Come sturare il lavandino con metodi naturali

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Vi sarà sicuramente capitato, una o più volte, di ritrovarvi con lo scarico del lavandino intasato.
Si tratta di un problema molto comune, che si verifica in tutte le case.  Ed ecco che vi sarete ritrovati alle prese con mille metodi per risolvere la situazione.  Tra i tanti metodi per sturare il vostro lavandino, ci sono quelli naturali, facilmente reperibili.

26

Occorrente

  • Sale e bicarbonato
  • Aceto e acqua bollente
  • Acido citrico
  • Ventosa per lavandini
  • Detersivo per i piatti ecologico
36

Le tubature intasate sono un problema comune che si verifica qualora si accumuli dello sporco in esse.  Un accumulo di pezzi di cibo, capelli, peli, ecc può creare uno sgradevole ingorgo che non permetterà il naturale afflusso dell'acqua, oltre ad arrecarvi cattivi odori.  Per sturare le tubature intasate di un lavandino, e non solo, esistono in commercio molti prodotti chimici: essi sono sicuramente efficaci e vi aiuteranno nel risolvere il problema.  Capita a volte di non disporne nella propria casa, dunque cosa potreste fare qualora vi si presenti anche questo problema?
È molto semplice, potreste adoperare i rimedi naturali.  I rimedi naturali non solo saranno facilmente reperibili o realizzabili, in quanto sfrutterete sostanze di comune uso in tutte le case,  non sono inquinanti.  Vi illustro ora quali sono e come adoperarli.

46

Uno dei primi metodi naturali che vi propongo è molto semplice da realizzare: prendete una pentola e riempitela di acqua, che farete bollire.  Versateci dentro 5 cucchiai di sale e 5 di bicarbonato.  A questa miscela potreste unire anche dell'aceto bianco.  Fate bollire il tutto e versatelo nelle tubature del lavandino.  Sempre restando in tema di bicarbonato, il secondo metodo naturale che vi propongo riguarda l'uso del bicarbonato e dell'aceto.  Versate nello scarico un bicchiere di bicarbonato e a seguire mezzo litro di aceto, seguito dall'acqua bollente.
La terza idea che vi suggerisco riguarda ancora l'uso del bicarbonato, unito stavolta all'acido citrico.  Versate nello scarico un bicchiere di acido citrico, uno di bicarbonato, un litro di acqua bollente, e lasciate agire per quanto più tempo possibile.

Continua la lettura
56

Il quarto metodo naturale per sturare il lavandino è il più antico di tutti: l'uso della ventosa.  Vi basterà far scorrere dell'acqua bollente per lo scarico, posizionare la ventosa all'apertura di esso, e cominciare a "pompare".  Infine, l'ultimo metodo naturale che vi consiglio è il detersivo per i piatti, qualora ne usiate uno ecologico, ovviamente.  Versatene mezza bottiglia nello scarico, misto ad acqua bollente, ed il gioco è fatto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tutti i metodi consigliati hanno bisogno di essere lasciati ad agire per quanto più tempo possibile. E' consigliabile una nottata.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come sturare il lavandino

Ad intasare lo scarico del lavandino possono essere: residui di cibo, pezzetti di verdure, grassi vari, capelli, cellule morte e tanto altro ancora. Prima di chiamare l'idraulico e spendere un sacco di soldi, possiamo provare noi stessi a sturare le tubature,...
Casa

Come sturare il lavandino o il lavello

Sentite un odore molto sgradevole in bagno o in cucina e non ne conoscete esattamente la causa? Dovete sapere che i depositi di grasso, sapone o sporcizia sono capaci di bloccare il drenaggio, andando così a provocare un intasamento a livello dei tubi...
Casa

Come sturare un lavandino, una vasca da bagno ed un bidet

Impariamo insieme come sturare un lavandino otturato, oppure un bidet o ancora una vasca da bagno. Si tratta di un procedimento davvero semplice, alla portata di tutti. Nessun bisogno quindi, di contattare un costoso idraulico. Si tratta inoltre di una...
Casa

Metodi anticalcare naturali

La quantità di calcare (carbonato di calcio) dell'acqua ne determina il grado di durezza. La presenza del calcare si trova dunque su tutte le superfici a contatto con l'acqua. Come in cucina ed in bagno: su piastrelle, rubinetti, lavandini e così via....
Casa

Come sbloccare lo scarico del lavandino

Quando un lavandino è bloccato e proprio non si riesce a liberarlo dall'intasamento nonostante le continue pressioni con la ventosa conviene chiamare un idraulico che venga a ripararlo. Tuttavia, con l'attuale crisi economica, risparmiare un po' di denaro...
Casa

Come sturare le tubature

Molto spesso succede di trovare le tubature dei servizi o della cucina intasati. In questo modo si va a creare un disagio incredibile! Quindi una volta appurato il danno conviene intervenire immediatamente. Per poi, evitare ulteriori conseguenze nelle...
Casa

Come stappare il lavandino della cucina

Il lavandino della cucina è uno degli elementi di essa che ci creano più problemi in assoluto.Lo sporco rilasciato dalle varie pentole o dai vari piatti spesso e volentieri va ad otturare le vie di scarico del nostro lavandino.Cosi facendo il lavabo...
Casa

Come sturare uno scarico intasato

Con il comune uso quotidiano, per quanto possa essere improbabile, gli scarichi di casa tendono ad intasarsi. Questi intasamenti possono essere causati non solo da oggetti gettati accidentalmente negli scarichi ma anche da prodotti per l'igiene quotidiana,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.