Come sturare un lavandino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Un lavandino intasato è una situazione abbastanza comune che può divenire problematica se non risolta in tempo. Con l'uso quotidiano, i detriti lentamente si accumulano nei tubi di scarico del lavello arrivando ad intasare il lavandino. La prima cosa che si pensa di fare è quella di chiamare un idraulico o comprare un costoso prodotto chimico di pulizia di scarico. Sturare personalmente un lavandino eliminando i detriti non è però una procedura difficile. Nella seguente guida, passo dopo passo, spiegheremo come sbloccare un lavello iniziando con il metodo più semplice e procedendo ad altri per blocchi difficili. Vediamo insieme come fare.

27

Occorrente

  • Prodotto chimico
  • ventosa
  • olia di vasellina
  • straccio
  • filo d'acciaio
37

Per sturare un lavandino intasato, provate innanzitutto con un apposito prodotto chimico che va versato nel lavandino stesso. Solitamente si versa metà prodotto, poi si lascia agire per circa 10-15 minuti. Se il lavello non si è liberato potete provare a ripetere l'operazione con la metà rimanente del barattolo, rispettando gli stessi tempi. Se questo procedimento non funziona procuratevi una ventosa e olio di vasellina che potete acquistare rispettivamente in ferramenta ed in farmacia. Dopo aver fatto questo dovrete prendere la ventosa, spalmarci intorno l'olio di vasellina in modo tale da non far passare l'aria. Successivamente riempite il lavandino con acqua, senza riempirlo fino all'orlo altrimenti rischiate di bagnarvi.

47

Tappate con uno straccetto il buco che si trova nel lavandino per far passare l'aria. Prendete, poi, la ventosa e posizionatela direttamente sopra lo scarico avendo cura di coprire completamente il foro. Utilizzate entrambe le mani per applicare la massima forza possibile all'aspirazione, tirando e spingendo su e giù. Dopo aver spinto e tirato più volte, togliete la ventosa completamente fuori lo scarico. Dovrete ripetere quest'operazione almeno tre o quattro volte, poi fate scorrere l'acqua nel lavandino per verificare se siete riusciti nell'intento.

Continua la lettura
57

Se nonostante le operazione eseguite il lavandino risulta ancora otturato, dovrete utilizzare un apposito filo d'acciaio acquistabile in ferramenta. Usato in maniera corretta questo attrezzo può diventare uno strumento molto efficace e vi permetterà di sbloccare i problemi più comuni del lavello.
Se il problema persiste, dovrete smontare la curva del sifone avendo cura di posizionare un secchio sotto per la raccolta dell'acqua e detriti. In questo modo avrete accesso diretto al blocco.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non avete manualità con tale genere di lavori, è bene rivolgersi ad un idraulico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come sturare il lavandino

Ad intasare lo scarico del lavandino possono essere: residui di cibo, pezzetti di verdure, grassi vari, capelli, cellule morte e tanto altro ancora. Prima di chiamare l'idraulico e spendere un sacco di soldi, possiamo provare noi stessi a sturare le tubature,...
Casa

Come sturare il lavandino o il lavello

Senti un odore molto sgradevole in bagno o in cucina e non ne conosci la causa? I depositi di grasso, sapone o sporco bloccano il drenaggio e c'è un intasamento nei tubi di scarico. Può succedere che il tubo di scarico di un lavandino o lavello si otturi....
Casa

Come sturare un lavandino, una vasca da bagno ed un bidet

Impariamo insieme come sturare un lavandino otturato, oppure un bidet o ancora una vasca da bagno. Si tratta di un procedimento davvero semplice, alla portata di tutti. Nessun bisogno quindi, di contattare un costoso idraulico. Si tratta inoltre di una...
Casa

Come sbloccare lo scarico del lavandino

Quando un lavandino è bloccato e proprio non si riesce a liberarlo dall'intasamento nonostante le continue pressioni con la ventosa conviene chiamare un idraulico che venga a ripararlo. Tuttavia, con l'attuale crisi economica, risparmiare un po' di denaro...
Casa

Come stappare il lavandino della cucina

Il lavandino della cucina è uno degli elementi di essa che ci creano più problemi in assoluto.Lo sporco rilasciato dalle varie pentole o dai vari piatti spesso e volentieri va ad otturare le vie di scarico del nostro lavandino.Cosi facendo il lavabo...
Casa

Come sturare uno scarico intasato

Con il comune uso quotidiano, per quanto possa essere improbabile, gli scarichi di casa tendono ad intasarsi. Questi intasamenti possono essere causati non solo da oggetti gettati accidentalmente negli scarichi ma anche da prodotti per l'igiene quotidiana,...
Casa

Come sturare le tubature

Molto spesso succede di trovare le tubature dei servizi o della cucina intasati. In questo modo si va a creare un disagio incredibile! Quindi una volta appurato il danno conviene intervenire immediatamente. Per poi, evitare ulteriori conseguenze nelle...
Casa

come recuperare qualcosa nello scarico del lavandino

Sarà capitato un po a tutti che, un oggetto sia andato a finire accidentalmente nello scarico del lavandino. Tante sono le ragioni affinché possa verificarsi questo tipo d'incidente, le più probabili: quando abbiamo troppa fretta o perché non abbiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.