Come testare un fusibile

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I fusibili sono dei piccoli dispositivi che vengono utilizzati per fornire una protezione ai circuiti elettrici. Essi includono un filo molto sottile, che si fonde o si vaporizza quando il flusso di corrente che passa attraverso è superiore rispetto agli standard di fabbrica. Mentre i fusibili di vetro sono facilmente ispezionabili, quelli con corpi solidi e non trasparenti non lo sono affatto perché nascondono l'elemento (filo) alla vista. Quindi, per verificare se il fusibile è bruciato, abbiamo bisogno di un multimetro, il quale, una volta configurato, può misurare la resistenza del fusibile. Il filo di un fusibile può essere in alluminio, rame stagnato o nichel. Nelle apparecchiature elettroniche, la maggior parte dei fusibili sono di forma cilindrica di vetro o in ceramica, e hanno un tappo di metallo a ciascuna estremità. Ad ogni modo, testare un fusibile non è un compito difficile e nella seguente guida vedremo come farlo.

26

I fusibili per buona norma, andrebbero verificati spesso per constatarne la continuità. Per questi test preventivi o a seguito di interruzione improvvisa di alimentazione in un qualsiasi circuito, bisogna innanzitutto, se si tratta di pannello del contatore energetico, abbassare la leva di comando generale.

36

Mettiamo il fusibile sul piano di un tavolo, bloccandolo con un po' di scotch in modo che rimanga ben fermo e colleghiamolo ad un tester. Le due sondine di cui i tester sono dotate le appoggiamo alle due estremità del fusibile, evitando di toccare le punte metalliche con le mani, perché potrebbero falsarne la lettura. Se il fusibile è buono, il tester mostra una lettura pari a zero, ed in alcuni modelli vi è anche un segnalatore acustico che ne indica la piena efficienza.

Continua la lettura
46

Se invece il tester comincia a leggere una misura infinitesimale, fatta di cifre con tanti zeri e molte virgole, allora significa che il fusibile è da sostituire. A questo punto, dopo averlo testato, non ci resta che inserirlo nel suo alloggio. Se il fusibile è invece di tipo moderno, ovvero inserito in un'ampollina di vetro, per testarlo è sufficiente afferrarlo con le dita, ed estrarlo dalla sua calettatura, che può essere un pannello di controllo di un impianto elettrico o una scheda di un qualsiasi macchinario. In questo caso, la lettura con il tester è molto più veloce in quanto l'ampollina è corredata di due bussolotti in rame che toccati con i sondini, ne trasmettono al misuratore l'effettiva efficienza o meno.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come realizzare un fusibile semplice

Il fusibile è un elemento semplice, ma anche indispensabile in quanto dà la possibilità di poter proteggere un circuito. Infatti, senza la sua installazione si corre il rischio di rovinare in modo definitivo l'impianto elettrico. Il fusibile è presente...
Materiali e Attrezzi

Come verificare un fusibile termico

Quando un elettrodomestico smette di produrre calore, un elemento riscaldante subentra immediatamente nella lista dei sospetti. Ma prima di prendervi la briga di sostituire un elemento riscaldante, testate il fusibile termico dell'apparecchio, un dispositivo...
Materiali e Attrezzi

Come controllare un fusibile termico

Per chi non lo sapesse il fusibile termico è una sorte di dispositivo elettronico in grado di proteggere da eventuali cortocircuiti. È infatti adibito ad interrompere il flusso di corrente elettrica eventualmente se questo supera una data soglia prestabilita....
Materiali e Attrezzi

Come funziona un fusibile termico

Tutti quanti gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche di buona qualità, sono provviste di un fusibile termico, ossia di quel dispositivo di emergenza utilizzato per prevenirne il surriscaldamento, e la conseguente fusione dei vari componenti....
Materiali e Attrezzi

Come reimpostare un fusibile termico

Un fusibile termico, detto anche TCO (Thermical Cut Offs) è una sorta di dispositivo di tipo elettronico capace di bloccarsi non appena la sua temperatura raggiunge una determinata soglia, proteggendoci così da possibili cortocircuiti. Il valore di...
Materiali e Attrezzi

Come testare un condensatore con un tester digitale

Gli apparecchi elettronici per funzionare hanno bisogno di alcuni componenti. Per accorgersi di questo, basta aprirli con cura e osservarne il contenuto di un apparecchio qualsiasi. In questo caso vedrete una basetta di plastica dove sono disposte delle...
Materiali e Attrezzi

Come testare l'oro con un ohmmetro

L’ohmmetro è un congegno elettronico che permette di misurare il grado di resistenza di un apparecchio elettrico o di un circuito. La sua unità di misura è l'ohm (Ω); Tale denominazione deriva dal fisico tedesco Georg Simon Ohm. Questo genere di...
Materiali e Attrezzi

Come testare un reattore magnetico

Il reattore magnetico è un monoblocco dotato internamente di una bobina e avvolto sopra un nucleo magnetico a base di ferrite, il quale è utile per creare l’innesco dello starter e regolare la tensione espressa in "Volt" dopo l’accensione del neon,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.