Come testare un fusibile di ceramica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Insieme ai fusibili in vetro, quelli in ceramica sono tra i più comunemente utilizzati negli elettrodomestici, in particolar modo nei forni a microonde, i quali sono inclini a corto circuito causato da fluttuazioni di tensione. La presenza di un fusibile di ceramica assicura che un impulso elettrico anomalo non danneggi i componenti interni degli elettrodomestici; questi fusibili contengono al loro interno del materiale speciale riempitivo a base di sabbia. Quando la corrente elettrica tenta di superare il fusibile, la sabbia si surriscalda e interrompe il circuito; questo perché la sabbia è un cattivo conduttore di elettricità. Inoltre, i fusibili in ceramica hanno un punto di rottura più elevato poiché la sabbia può sostenere il calore supplementare in misura maggiore. Tuttavia, anche questo componente può bruciarsi. Vediamo allora come testare un fusibile di ceramica.

25

Occorrente

  • Multimetro analogico o digitale
35

Un fusibile in ceramica viene così definito, in quanto viene riempito un tubicino di questo materiale con della sabbia, e in caso di improvviso corto circuito, ne salvaguarda l'impianto elettrico collegato. Un fusibile del genere è particolarmente indicato per macchinari industriali, o per contatori elettrici che hanno una potenza superiore ai 3 kW. In presenza di anomalie all'impianto elettrico o a seguito di un sovraccarico di corrente, il fusibile si brucia, facendosi quindi carico del problema.

45

Se ci troviamo in presenza di un modello abbastanza grande che è sigillato, l'unico modo per controllarne l'efficienza, è di ricorrere ad uno strumento elettrico di misurazione della resistenza. In questo caso, dopo aver staccato tutti i collegamenti elettrici dalla fonte energetica, prendiamo il fusibile di ceramica e con esso un multimetro, che ci consente di misurare la resistenza. Per procedere con il test, usiamo le due sondine in dotazione, appoggiandole alle due estremità del fusibile. Adesso bisogna controllare se l'ago magnetico si muove, ed eventualmente ne rileviamo l'eventuale misurazione.

Continua la lettura
55

Se ovviamente l'ago rimane sullo zero, allora significa che il fusibile funziona molto bene, in quanto non vi è alcuna presenza di resistenza elettrica, e se utilizziamo un multimetro digitale sul display devono apparire due o più zeri, che ci fanno dedurre allo stesso modo, che il fusibile in ceramica funziona correttamente. Contrariamente, le letture dell'ago magnetico o del display che ci indicano valori superiori allo zero assoluto, allora significa che non ci sono più dubbi ed il fusibile va sostituito, in quanto irrimediabilmente bruciato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come realizzare un fusibile semplice

Il fusibile è un elemento semplice, ma anche indispensabile in quanto dà la possibilità di poter proteggere un circuito. Infatti, senza la sua installazione si corre il rischio di rovinare in modo definitivo l'impianto elettrico. Il fusibile è presente...
Materiali e Attrezzi

Come verificare un fusibile termico

Quando un elettrodomestico smette di produrre calore, un elemento riscaldante subentra immediatamente nella lista dei sospetti. Ma prima di prendervi la briga di sostituire un elemento riscaldante, testate il fusibile termico dell'apparecchio, un dispositivo...
Materiali e Attrezzi

Come controllare un fusibile termico

Per chi non lo sapesse il fusibile termico è una sorte di dispositivo elettronico in grado di proteggere da eventuali cortocircuiti. È infatti adibito ad interrompere il flusso di corrente elettrica eventualmente se questo supera una data soglia prestabilita....
Materiali e Attrezzi

Come funziona un fusibile termico

Tutti quanti gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche di buona qualità, sono provviste di un fusibile termico, ossia di quel dispositivo di emergenza utilizzato per prevenirne il surriscaldamento, e la conseguente fusione dei vari componenti....
Materiali e Attrezzi

Come reimpostare un fusibile termico

Un fusibile termico, detto anche TCO (Thermical Cut Offs) è una sorta di dispositivo di tipo elettronico capace di bloccarsi non appena la sua temperatura raggiunge una determinata soglia, proteggendoci così da possibili cortocircuiti. Il valore di...
Materiali e Attrezzi

Come testare un condensatore con un tester digitale

Gli apparecchi elettronici per funzionare hanno bisogno di alcuni componenti. Per accorgersi di questo, basta aprirli con cura e osservarne il contenuto di un apparecchio qualsiasi. In questo caso vedrete una basetta di plastica dove sono disposte delle...
Materiali e Attrezzi

Come testare l'oro con un ohmmetro

L’ohmmetro è un congegno elettronico che permette di misurare il grado di resistenza di un apparecchio elettrico o di un circuito. La sua unità di misura è l'ohm (Ω); Tale denominazione deriva dal fisico tedesco Georg Simon Ohm. Questo genere di...
Materiali e Attrezzi

Come cuocere la ceramica secondo il metodo etrusco

Cuocere la ceramica è un bellissimo passatempo adatto a tutti: adulti e piccini, uomini e donne, e persino persone con una limitata manualità che hanno bisogno di una particolare attività manuale per risolvere alcuni problemi di salute e motricità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.