Come tingere i tessuti con il tè

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Se siamo abili nel fai da te, possiamo anche tingere degli abiti il cui colore ormai non ci piace più oppure è passato di moda; inoltre si ha anche la possibilità di indossare dei tessuti del tutto naturali, utilizzando per questa tecnica il tè. Il metodo è infatti, molto indicato soprattutto se si vogliono colorare gli indumenti dei bambini che con la loro pelle delicata, potrebbero essere soggetti a delle allergie, dovute al contatto di sostanze chimiche nel processo di colorazione. In riferimento a ciò, vediamo quindi nei passi successivi come tingere i tessuti con il tè.

26

Occorrente

  • Tessuti naturali 100% cotone e capi d'abbigliamento bianco
  • Pentola
  • Tè nero
  • Sale grosso da cucina
  • Mestolo
36

Acquistare il tè

Innanzitutto dobbiamo procurarci il tè, acquistandolo in un comune supermercato oppure in un'erboristeria. Fatto ciò per iniziare a tingere i tessuti, prendiamo una pentola piuttosto capiente che non utilizziamo spesso, perché dopo la lavorazione il tè tende a lasciare al suo interno un alone nero e preferibilmente anche in alluminio per mantenere costante la temperatura.

46

Immergere il tessuto nella pentola

Adesso riempiamo la pentola interamente d'acqua o comunque con una quantità sufficiente a ricoprire i tessuti, e la portiamo ad ebollizione, immergendo poi 14 filtri di tè nero. Il tè deve essere aggiunto gradatamente, ossia copriamo con un coperchio e poi abbassiamo leggermente la fiamma per lasciare cuocere il tutto. Per fare in modo che la colorazione dei tessuti con il tè dia ottimi risultati, è necessario che il liquido assuma una tonalità quasi nera; eventualmente non fosse così, allora aggiungiamo degli altri filtri, fino al punto in cui il colore diventa intenso. Adesso spegniamo il fuoco e togliamo i filtri rimasti all'interno con un cucchiaio di legno, dopodichè versiamo nell'acqua quattro cucchiai di sale grosso. Rimettiamo a bollire l'acqua e, una volta raggiunta il punto di ebollizione, immergiamo l'abito e procediamo a mescolare continuamente il capo immerso, spegnendo il gas nuovamente. A questo punto, giriamo sempre con un cucchiaio di legno ed ogni tanto tiriamo fuori la maglia per vedere il colore che assume, e poi la rimettiamo lentamente.

Continua la lettura
56

Risciacquare il capo

Dopo circa mezz'ora di miscelazione, il tè si è raffreddato e la maglietta deve aver ormai assimilato il colore. Adesso la togliamo dalla pentola e la strizziamo fino a rimuovere completamente le gocce, per evitare che queste ultime possano macchiare le piastrelle. A questo punto bisogna passare al lavaggio, cioè risciacquando il capo in acqua tiepida ed avendo l'accortezza di non utilizzare alcun sapone. Quando non rilascerà più il colore assunto, potremo strizzarla bene e stenderla in una zona con l'ombra, e non ai raggi diretti del sole perché potrebbe macchiarsi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Serviamoci di un pentolone, che utilizziamo non frequentemente, perché il tè tende a macchiare il suo interno con un alone nero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come tingere i tessuti con il tè

Se siamo abili nel fai da te, possiamo anche tingere degli abiti il cui colore ormai non ci piace più oppure è passato di moda; inoltre si ha anche la possibilità di indossare dei tessuti del tutto naturali, utilizzando per questa tecnica il tè. Il...
Altri Hobby

Come tingere una t-shirt con la tecnica shibori

Con la tecnica shibori è possibile realizzare dei capi d'abbigliamento e accessori per la casa originalissimi. La tecnica di colorazione proviene dal Giappone ed è particolarmente apprezzata dalle fashion victims. Consiste semplicemente nel fare i nodi...
Altri Hobby

Come tingere il cuoio

Il cuoio, chiamato anche pelle, è un materiale ricavato dalla pelle degli animali e viene principalmente utilizzato nel campo dell’abbigliamento, dell'arredamento, nella produzione di interni per auto e per il rivestimento dei libri. Il cuoio è un...
Altri Hobby

Come tingere le scarpe di tela

Le scarpe di tela sono generalmente quelle che vengono maggiormente sfruttate in estate, oppure per fare ginnastica. Naturalmente a seconda dell'uso che se ne fa sono dedite a rovinarsi e scolorirsi. Comunque seguendo delle giuste indicazioni oggi è...
Altri Hobby

Come tingere il legno con il caffè

Se amate fare i lavoretti in casa e vi dilettate con il bricolage e il fai da te sicuramente vi sarà capitato di dover tingere qualche oggetto in legno. Esistono tanti prodotti per colorare il legno e a seconda del risultato che si vuole ottenere si...
Altri Hobby

Come fare stampe per tessuti

Guardandoci attorno, avremo sicuramente notato come la maggior parte degli indumenti utilizzati dalle persone, siano caratterizzati da stampe. I sarti e le aziende produttrici usano sempre stampe originali. E se anche noi volessimo creare su una nostra...
Altri Hobby

Come incollare i tessuti sul legno

Se possediamo dei mobili in legno o ne abbiamo appena costruito uno e, dopo l'eventuale restauro o assemblaggio, intendiamo rifinirlo, lo possiamo fare utilizzando la stoffa, incollandola però con dei materiali appropriati, per evitare che si possa...
Altri Hobby

Come tingere le scarpe in pelle

Con il passare degli anni e il cambio della moda, capita spesso che scarpe ed indumenti finiscano dimenticati in fondo all'armadio, lasciando il posto a nuovi accessori e nuove calzature. Altre volte, invece, le nostre cose sono troppo macchiate, altre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.