Come tingere la lana con la buccia di cipolla

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In questo articolo vogliamo dare una mano, a tutti quei lettori, che sono dei veri e propri appassionati delle nostre guide sul fai da te ed anche sul bricolage. Nello specifico vogliamo aiutarli a capire come poter tingere la lana con la buccia di cipolla. Potrebbe a prima vista apparire qualcosa di anomalo, ma in realtà è tutto possibile, grazie al fai da te, mediante il quale saremo in grado di mettere in pratica la nostra manualità e voglia di creare. Iniziamo subito con il dire che quando si cucinano le cipolle normalmente si butta via la loro buccia perché, non essendo commestibile, si pensa che non possa essere riutilizzata in nessun modo. Tuttavia è possibile usare la buccia delle cipolle per tingere e colorare tante cose come la lana. In questa guida vogliamo appunto spiegare a tutti voi, come fare. Pronti per iniziare? Buon lavoro e buon divertimento a tutti!

27

Occorrente

  • pentola per cuocere, bucce di cipolla (preferibilmente rossa), un po' di aceto, lana, uova comuni
37

La prima cosa che dobbiamo sapere è che Pasqua si sta avvicinando e possiamo di certo approfittarne per riutilizzare la buccia delle cipolle rosse, per tingere proprio le uova pasquali. Per farlo procediamo in questo modo: procuriamoci una mezza casseruola di bucce di cipolla e versiamole in una pentola con un po' di acqua; aggiungiamoci le uova ed anche una goccia di aceto. Facciamo cuocere il tutto per una buona mezz'ora; al termine della cottura noteremo subito che le nostre uova pasquali, hanno assunto un bel colore fra il rosso e il marrone.

47

Possiamo cercare di riutilizzare la buccia delle cipolle anche per tingere la lana; per fare questo procediamo in questo modo e cioè procuriamoci parecchie bucce di cipolle e prendiamo anche la lana che dobbiamo cercare di tingere, facendo attenzione alle proporzioni. Infatti dobbiamo assicurarci di tingere sempre la stessa quantità di lana, con la stessa quantità di bucce.
Facciamo cuocere le bucce di cipolla per circa un'ora a fiamma bassa, quindi lasciamo raffreddare il tutto in modo preciso.

Continua la lettura
57

A questo punto togliamo anche le bucce dall'acqua, aiutandoci magari con un colino; quindi bagniamo la lana che dobbiamo tingere ed immergiamola nell'acqua colorata. Facciamo riscaldare bene il tutto. Lasciamo nuovamente raffreddare il tutto, questa volta in modo molto lentamente, quindi procediamo al risciacquo della lana: dobbiamo risciacquarla per almeno tre volte. Durante l'ultimo dei tre risciacqui, possiamo anche versare nell'acqua qualche goccia di aceto.
Se non vogliamo che la lana infeltrisca e che diventi dura, dobbiamo cercare di farla riscaldare e raffreddare lentamente, perché la lana non tollera i passaggi violenti di temperatura.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Basta davvero poco e con un pò di pazienza e tanta buona volontà, saremo in grado di realizzare un lavoro davvero unico e molto originale!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come utilizzare l'hennè per tingere la lana

L'hennè è semplicemente la polvere ricavata da una pianta chiamata Lawsonia Inermis. Le foglie di questa pianta vengono essiccate e subiscono un processo di lavorazione molto particolare. Il risultato è un prodotto che tinge e che può essere utilizzato...
Bricolage

Come tingere i tessuti in modo ecologico

Se sei stanca dei tuoi abiti e vorresti cambiare il loro colore perché è sbiadito o e passato di moda, allora questa è la giuda che fa per te. Ti spiegherò come tingere i tessuti in modo ecologico, e seguendo i miei magnifici consigli scoprirai come...
Bricolage

Come eliminare la buccia d'arancia in modo naturale

La presenza della cosiddetta buccia d'arancia sulla pelle, è il tipico risultato di una infiammazione del tessuto adiposo. Si tratta infatti di un problema estetico molto frequente soprattutto nelle donne, che però è facilmente risolvibile. In riferimento...
Bricolage

Come tingere i filati con il caffè

Esistono dei rimedi naturali davvero molto utili, che ci possono permettere di realizzare sempre qualcosa di speciale, spendendo davvero poco. In questo caso, potremmo utilizzare il caffè per tingere delle stoffe o dei tessuti. Nell'antichità, e anche...
Bricolage

Come effettuare la finitura a buccia d'arancia

La finitura a buccia d'arancia, detta anche "a fondo ruvido", consiste nell'applicazione di una particolare miscela di tinta, mischiata a una colla vinilica molto plastica. La miscela può essere applicata con una specifica macchina per finiture, oppure...
Bricolage

Come tingere mobili di legno con metodi naturali

In questa guida, che stiamo per proporre ai nostri lettori, si è pensato di discutere di un argomento sempre molto bello ed interessante. Stiamo parlando della pulizia ed anche della verniciatura di alcuni mobili che abbiamo in casa e che magari con...
Bricolage

Come fare le palline di lana per l'albero di Natale

Usando un po' di fantasia e concentrandosi un po' utilizzando pochi materiali è possibile addobbare l'albero di Natale spendendo veramente pochissimo. Vi basterà avere della colla, un gomitolo di lana e dei semplici palloncini. Seguendo il procedimento...
Bricolage

Come realizzare una borsa in lana cotta

La trasformazione della lana in lana cotta è una delle più antiche lavorazioni dei tessuti. Si tratta infatti, di un procedimento semplice, attraverso il quale la lana vergine e, non filata, viene lavorata con acqua calda e sapone, toccandola maneggiandola...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.