Come tingere la seta e la lana

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

A volte frugando nel baule delle lane e dei cotoni, potreste trovare qualche gomitolo avanzato da lavori precedenti, mediante i quali è possibile realizzare qualche altro lavoretto. L'unica cosa che vi trattiene però è il colore, infatti i gomitoli ripescati sono bianchi mentre invece voi avete in mente di confezionare un capo dai colori caldi e vivaci. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come tingere la seta e la lana con colori naturali.

26

La prima cosa da fare è quella di procurarvi tutti gli ingredienti necessari per il procedimento, in questo caso una grande pentola, aceto, acqua, i gomitoli da colorare e i colori da impiegare. A volte questi ingredienti sono reperibili direttamente nelle vostre dispense, oppure presso un'erboristeria. In questo caso vedrete due varianti, la prima è quella di tingere di giallo la lana con la curcuma e nel secondo caso invece tingerete la seta di rosa con il cavolo nero.

36

La curcuma è una spezia reperibile presso tutti i supermercati, per la quantità invece dovrete usare 60 grammi di spezia per ogni 100 grammi di lana. Prendete una pentola riempitela con una quantità generosa di acqua aggiungete la curcuma e fatela bollire per almeno 1 ora. Terminato il tempo, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare il liquido con colino filtrate, raccogliete l'acqua colorata che vi servirà poi per la tintura. In un'altra pentola mettete 4 parti di acqua e 1 di aceto, aggiungete la lana ridotta in matassa, lasciandola bollire a fuoco basso per 1 ora.

Continua la lettura
46

Una volta che il tempo sarà passato prendete la lana e lavatela accuratamente sotto l'acqua corrente. Mettete ora la lana all'interno della pentola con la curcuma, fate bollire a fuoco basso per 1 ora. Con un termometro accertatevi che la temperatura non superi gli 80 gradi, altrimenti la lana si potrebbe infeltrire. A tempo scaduto aggiungete un pochino di acqua fredda, con l'aiuto di uno scolapasta sciacquate la vostra lana sotto l'acqua corrente. Strizzatela per eliminare l'acqua in eccesso e stendetela all'aria aperta ad asciugare, ma non al sole diretto. .

56

Per la seta di colore rosa, avrete invece bisogno di una cavolo nero, sempre acqua e aceto, un gomitolo di seta bianco. In una pentola mettete a bollire il cavolo, che avrete provveduto a tagliare a pezzi. Dopodiché, con un colino filtrate l'acqua dove metterete a bagno la matassa di seta facendola bollire per 1 ora a fuoco basso. La procedura è praticamente la stessa di quella descritta nei passi precedenti, l'unica differenza sarà quella del colore ottenuto. Infatti con l'uso del cavolo nero, la seta assumerà un bellissimo colore rosa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come tingere i tessuti

Quando si comprano delle stoffe, solitamente si preferisce acquistarle già colorate, ma comprarle di colore neutro e provvedere a casa alla loro colorazione può essere una valida alternativa per tutti coloro che soffrono di allergie alla tinture industriali,...
Bricolage

Realizzare La Tintura Naturale Di Un Tessuto

La tintura dei tessuti è un'arte antica e piuttosto affascinante. Essa si basa sull'impiego di materiali di origine vegetale che danno colore alla stoffa mediante un articolato procedimento. Con un po' di pazienza è però possibile acquisire questa...
Casa

Consigli per tingere i tessuti in modo ecologico

Quante volte aprendo il vostro armadio vi siete imbattuti in vestiti che avete dimenticato persino di possedere? Le ragioni di un simile abbandono sono varie e spaziano dall'essere un capo d'abbigliamento fuori moda ad un semplice problema di misura....
Bricolage

Come tingere le stoffe con frutta e verdure

Facendo un cambio di stagione o sistemando l'armadio, di tanto in tanto vi sarà capitato di trovare una serie di magliette che ormai non utilizzate più, o perché il colore non vi piace o perché le avevate messe nel dimenticatoio. Molti non sanno che...
Bricolage

Come tingere la lana con la buccia di cipolla

In questo articolo vogliamo dare una mano, a tutti quei lettori, che sono dei veri e propri appassionati delle nostre guide sul fai da te ed anche sul bricolage. Nello specifico vogliamo aiutarli a capire come poter tingere la lana con la buccia di cipolla....
Bricolage

Come Eseguire Un Disegno A Spina Di Pesce Su Tessuto Con La Tintura

Colorare gli indumenti utilizzando la tintura è per molti un'operazione divertente e gratificante, inoltre, se il lavoro viene compiuto correttamente, i decori ottenuti sapranno sicuramente risultare graziosi e decisamente originali. Si possono così...
Bricolage

Come utilizzare l'hennè per tingere la lana

L'hennè è semplicemente la polvere ricavata da una pianta chiamata Lawsonia Inermis. Le foglie di questa pianta vengono essiccate e subiscono un processo di lavorazione molto particolare. Il risultato è un prodotto che tinge e che può essere utilizzato...
Bricolage

Come tingere la lana con i malli di noce

Ci sono diversi metodi naturali per tingere la lana, questi permettono di evitare l'uso delle comuni colorazioni chimiche. Uno di questi metodi è rappresentato dall'utilizzo del mallo delle noci, che è in grado di conferire alla vostra lana una bella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.