Come tingere mobili di legno con metodi naturali

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In questa guida, che stiamo per proporre ai nostri lettori, si è pensato di discutere di un argomento sempre molto bello ed interessante. Stiamo parlando della pulizia ed anche della verniciatura di alcuni mobili che abbiamo in casa e che magari con il passare del tempo si sono anche rovinati e rigati. Nello specifico si vuole capire come e cosa fare per tingere i mobili in legno, però mediante l'utilizzo di metodi, che siano rispettosi dell'ambiente in cui si vive e che ci circonda e quindi del tutto naturali! Proprio così, si cercherà di riuscire a cambiare il colore dei mobili, con degli ingredienti naturali e semplici da reperire. Se siete amanti dei prodotti naturali, molto probabilmente sapete che per colorare i mobili oppure un qualsiasi altro oggetto realizzato in legno esistono in commercio degli smalti ecologici. Questi ultimi, tuttavia, presentano un inconveniente che non deve essere per niente sottovalutato. In pratica, hanno un prezzo superiore rispetto a quelli sintetici. In passato per colorare i tessuti ed altri generi di materiali venivano utilizzati dei pigmenti estratti prevalentemente da alcuni vegetali. Se anche voi desiderate provare ad ottenerli, vi consigliamo di leggere questa semplice ed esauriente in cui troverete tutte le principali indicazioni per preparare, con un po' di pazienza e con le proprie mani, alcuni colori base che si possono usare per tingere con metodi naturali. Vediamo, quindi, come occorre procedere. Buona lettura e buon divertimento a tutti!

27

Occorrente

  • caffè
  • mallo delle noci
  • alcol
  • barbabietole
  • succo di mirtilli
37

Utilizzo del mallo della noce

A questo punto possiamo analizzare da quali vegetali si dovranno estrarre le tinte e quali tipi di colori si possono ottenere da questi. Dal mallo delle noci è possibile produrre un prodotto scurente. Il mallo rappresenta quel uscio esterno verde che avvolge la noce. Il periodo migliore per raccogliere le noci è dopo il solstizio d'estate, quando è già marrone. Dopo averle raccolte, è necessario andare a separare il mallo, per poi schiacciarlo in un barattolo di vetro, aggiungendo un pochino di alcol. A seguire, occorre lasciare macerare il prodotto per almeno una settimana ed utilizzarli, successivamente, per tingere e per scurire. Si potrà produrre un ottimo scurente anche con il caffè, e precisamente sarà sufficiente realizzarne uno bello forte, mettendo poca acqua nella caffettiera. Di seguito, occorre lasciare raffreddare e successivamente utilizzarlo per tingere, ripetendo questo genere di applicazione svariate volte, a seconda della tonalità di marrone che si ha intenzione di ottenere.

47

Impiego delle barbabietole rosse

Se si sta cercando di cercare il colore rosso, è possibile estrarlo dalle barbabietole rosse che si possono reperire già cotte ed in busta nei comuni supermercati. La tinta sarà, in ogni caso, trasparente, non coprente, e si intravederà sempre il legno sottostante. Una volta che è stata aperta la confezione, occorre prelevare la barbabietola, per poi tagliarne una fetta. È buona regola usarla come una sorta di pennello, per poi stendere direttamente il colore sulla superficie. Per rimuovere gli eventuali odori e conservare il colore, occorre dare una spennellata conclusiva con l'alcol diluito in acqua. Praticamente, si deve utilizzare una parte di acqua ed una di alcol. È bene e consigliato, seguire alla lettera, tutti i singoli passaggi, che sono presenti in questa guida, perché solo in questo modo, si potranno ottenere dei colori per mobili in legno, che siano del tutto naturali e privi di conservanti, inquinanti per il nostro mondo!

Continua la lettura
57

Stesura del succo di mirtilli

Per concludere con la nostra procedura, se si desidera realizzare una tinta violacea, anche in questo caso trasparente e non coprente, sarà possibile utilizzare il succo di mirtilli puro e senza additivi. Quest'ultimo è possibile trovarlo facilmente nei negozi dei prodotti biologici. In questo caso, è sufficiente stappare la bottiglietta e con l'ausilio di un pennello, si andrà a stendere il succo. L'effetto ottenuto sarà assolutamente gradevole, oltre che veramente molto profumato. Lasciare, quindi, asciugare all'aria aperta per qualche giorno e procedere con le ulteriori rifiniture. Ed ecco che in maniera molto semplice e grazie all'aiuto di prodotti naturali, che si possono trovare tranquillamente in natura ed anche in casa, sarà possibile avere dei nuovi mobili, tinti completamente in maniera naturale! Il mondo ringrazierà veramente tanto! Buon divertimento! Provar eper credere!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione: per tutte queste procedure i mobili devono essere tutti esclusivamente di legno
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come dipingere i mobili in legno vinilico

I mobili in legno vinilico, vengono ampiamente utilizzati per allestire diverse tipologie di ambienti e rappresentano la soluzione ideale per arredare i locali con costi abbastanza contenuti: vengono infatti realizzati con legno truciolare ricoperto...
Bricolage

Come verniciare i mobili in legno di pino

Il legno di pino è robusto e ricco di calde sfumature, impiegato spesso per la realizzazione dei mobili. Tuttavia, col tempo le intemperie possono intaccare anche questo solido materiale e, che si tratti di un mobile o una libreria, potrebbe essere necessario...
Bricolage

Come tingere la lana con i malli di noce

Ci sono diversi metodi naturali per tingere la lana, questi permettono di evitare l'uso delle comuni colorazioni chimiche. Uno di questi metodi è rappresentato dall'utilizzo del mallo delle noci, che è in grado di conferire alla vostra lana una bella...
Bricolage

Come tingere i filati con il caffè

Esistono dei rimedi naturali davvero molto utili, che ci possono permettere di realizzare sempre qualcosa di speciale, spendendo davvero poco. In questo caso, potremmo utilizzare il caffè per tingere delle stoffe o dei tessuti. Nell'antichità, e anche...
Bricolage

Come tingere i tessuti in modo ecologico

Se sei stanca dei tuoi abiti e vorresti cambiare il loro colore perché è sbiadito o e passato di moda, allora questa è la giuda che fa per te. Ti spiegherò come tingere i tessuti in modo ecologico, e seguendo i miei magnifici consigli scoprirai come...
Bricolage

Come utilizzare l'hennè per tingere la lana

L'hennè è semplicemente la polvere ricavata da una pianta chiamata Lawsonia Inermis. Le foglie di questa pianta vengono essiccate e subiscono un processo di lavorazione molto particolare. Il risultato è un prodotto che tinge e che può essere utilizzato...
Bricolage

Come tingere la lana con la buccia di cipolla

In questo articolo vogliamo dare una mano, a tutti quei lettori, che sono dei veri e propri appassionati delle nostre guide sul fai da te ed anche sul bricolage. Nello specifico vogliamo aiutarli a capire come poter tingere la lana con la buccia di cipolla....
Bricolage

Come verniciare i mobili in travertino

Il travertino è un tipo di legno con il quale sono costituiti i mobili da esterno o da giardino o anche depandance solitamente, a volte però può capitare di averli anche all'interno, magari mobili di vecchia data che quindi necessitano di una riverniciata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.