Come tinteggiare i mobili in teak

Tramite: O2O 22/05/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

I mobili in teak vengono utilizzati da chi ha deciso di regalare all'arredamento della propria abitazione uno stile etnico ed al contempo raffinato. Tuttavia, il teak è un tipo di legno utilizzato perlopiù per la realizzazione di mobili da esterno, poiché grazie alla presenza di una particolare resina oleosa, risulta essere molto resistente alle intemperie ed impermeabile. Inoltre, la bellezza di questo legno è data dalle sue venature dorate e rossastre. Ma, a causa dell'usura, tende a cambiare colore e ingrigirsi. In questa guida vedremo allora come tinteggiare i mobili in teak.

28

Occorrente

  • Carta vetro da 120 grammi
  • Carta vetro da 220 grammi
  • Stucco per legno
  • Primer
  • Vernice
38

Rimozione dei pomelli e stuccatura

Innanzitutto occorre posare il mobile su un piano da lavoro. Dopodiché procediamo ad una pulitura superficiale ed alla rimozione di eventuali pomelli e maniglie metalliche, o di tutto ciò che non si desidera tinteggiare. Se notaste la presenza di eventuali parti mancanti o scheggiate, o più semplicemente voleste cambiare la posizione delle maniglie e utilizzarne di nuove, potreste ricostruire la zona danneggiata utilizzando uno stucco per legno.

48

Levigatura della superficie

In seconda fase occorre levigare il legno utilizzando dapprima della carta vetrata da 120 grammi, al fine di rendere omogenea tutta la superficie, successivamente una carta vetrata da 220 grammi. Durante questa operazione fate attenzione a carteggiare la superficie seguendo il verso delle venature del mobile e aiutatevi con la mano per cogliere eventuali punti non levigati a sufficienza.

Continua la lettura
58

Rimozione della polvere

Fatto questo, spolverate il mobile, in modo da rimuovere ogni residuo dell'operazione precedente. Se ne avete la possibilità utilizzate una pistola per soffiaggio, altrimenti utilizzate un panno morbido. A questo punto, il mobile è pronto per essere tinteggiato.

68

Stesura del primer protettivo

L'operazione di tinteggiatura è la più complessa e delicata, poiché richiede attenzione e pazienza. Iniziamo quindi stendendo un primo strato di primer rigenerante e protettivo per il legno; una volta asciutto, levighiamo la superficie con della carta vetro a grana fine e rimuoviamo i residui dell'operazione.

78

Tinteggiatura

Applichiamo allora una prima mano di vernice specifica per il legno teak, che sarà in grado di rigenerare il caratteristico colore dorato. Attendiamo circa 6 ore perché asciughi (il tempo per l'asciugatura varia a seconda del prodotto utilizzato) e successivamente levighiamo ancora una volta con la carta vetro. Infine stendiamo la seconda e ultima mano di vernice, quindi attendiamo che asciughi. Per concludere, effettuiamo i fori e procediamo all'installazione delle nuove maniglie e pomelli scelti. Non ci resta quindi che metterci all'opera.

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come tinteggiare dopo un'infiltrazione d'acqua

I danni provocati da un'infiltrazione d'acqua, come le comuni macchie gialle sulle pareti, sono di solito il risultato di un tetto o di un apparecchio idraulico che perde. I danni di lieve entità e le macchie possono essere facilmente riparate attraverso...
Bricolage

10 idee per trasformare in pochi passi i tuoi vecchi mobili

Prendere casa, si sa, è un'occasione importante e curare i minimi dettagli è d'obbligo. Scegliere l'arredamento giusto, definire un design ed esprimere il proprio gusto all'interno della casa può essere tanto complesso quanto divertente. Purtroppo...
Bricolage

Come decorare vecchi mobili

Quante volte vi è capitato di mettere in ordine sgabuzzini, cantine, soffitte, vecchie case di nonne e zie ed imbattervi in vecchi mobili che, nonostante l'età e l'usura, non riuscite proprio a gettare via? In questo caso, potrebbe essere un'ottima...
Bricolage

Come dipingere i mobili in bambù

I mobili in bambù non solo sono belli, sono durevoli, dei veri e propri pezzi da battaglia. Capita, però, che col tempo si rovinino nonostante la loro resistenza. Tuttavia la loro forza stilistica e la stabilità del materiale, ci spingono a trovare...
Bricolage

Come rinnovare vecchi mobili

Spesso con il passare del tempo, alcuni oggetti di uso domestico come i mobili, vengono accantonati in garage o in soffitta, perché mal si adattano ai rinnovamenti di arredo. Ma c'è da dire che, i mobili vecchi, con un po' di pazienza e un pizzico di...
Bricolage

Come costruire alcuni mobili per la casa delle bambole

La casa delle bambole costituisce un oggetto che, nel corso degli anni, si è arricchito di numerosi particolari, finendo per appassionare non solo i bambini ma anche gli adulti. Nel giocare con le bambole, le nostre bambine potrebbero desiderare avere...
Bricolage

Come dipingere i mobili in pelle

I mobili in pelle aggiungono un tocco classico agli arredamenti moderni, ma necessitano di cura costante altrimenti possono rovinarsi. Ma se ciò dovesse accadere, la verniciatura rappresenta un rimedio efficace ed economico. Tuttavia, dipingere i mobili...
Bricolage

Come trasformare dei bancali in mobili da giardino

I bancali in legno meglio conosciuti come pallet, oggi vengono utilizzati sia in casa che all'aperto per creare delle eleganti strutture che in taluni casi possono diventare anche dei funzionali mobiletti. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.