Come trasferire un disegno su una maglia di lana

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il ricamo non è un'arte semplice da imparare, essa richiede tempo ed esperienza, ma ripaga sempre col risultato ogni fatica impiegata. Sin dai nostri più anziani parenti il ricamo ha permesso di raggiungere il perfezionamento dell'arte decorativa delle fibre tessili e dei tessuti in generale. Ci sono però molte tecniche che possono essere utilizzate, permettendo forme e decoraziono diverse pure dal senplice ricamo. Ad esempio esistono diverse tecniche per riportare una precisa immagine su un indumento di lana. In questa occasione vedremo quindi come trasferire un disegno su una maglia di lana. I diversi metodi elencati potranno essere usati per qualsiasi tipo di stoffa.

25

Occorrente

  • carta velina, teletta termoadesiva, cartoncino, spolvero chimico, borotalco, alcool, matita, spilli.
35

Procedimento di riporto lettere

In base alla grandezza del disegno puoi optare per la soluzione migliore. Se per esempio devi riportare delle lettere, copiale singolarmente, della grandezza desiderata, su un foglio di carta, e posizionale sul tessuto di lana ben steso. Per tenerlo bene fermo, conviene impuntare con gli spilli il lembo di tessuto interessato, facendo attenzione a non tiralo troppo per non deformare le maglie. Ferma con gli spilli anche le lettere, poi tratteggia con la punta della matita colorata tutto il contorno della lettera; togli la lettera di carta e avrai la sagoma della lettera da ricamare. Detto ciò auguro a tutti una buona lettura e un buon lavoro!

45

Utilizzo della teletta termoadesiva

>Un altro metodo è l'uso della teletta termoadesiva: si calca il disegno, si stira la teletta sul tessuto, poi si ricama sopra la teletta il soggetto ricalcato. Una volta terminato il ricamo, la teletta resta all'interno del ricamo è non è visibile all'esterno. Un'altra opzione è riportare le lettere su carta velina, puntare la carta sul tessuto di lana con gli spilli, prendendo bene le misure e ricamare prendendo con il cotone sia la stoffa che la carta velina. A lavoro ultimato si tira via la carta, agevolmente, data la sua struttura delicata.

Continua la lettura
55

Metodo classico delle sarte

Infine c'è il metodo che usavano una volta le sarte: si traccia il disegno scelto su un cartoncino o su carta da lucido, si praticano dei fori tutto sul disegno con un punteruolo o un ago un po' più grande della norma, e poi si mette il foglio sul tessuto, nella posizione destinata. A questo punto si butta suoi fori un tipo di polvere che si chiama "spolvero da ricamo o chimico" (sostituibile anche con il borotalco). Infine si toglie il foglio rigido con il disegno e si spruzza l'alcool con lo spruzzino. In questo modo la polvere aderirà al tessuto permettendo che si ricami.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come fare dei calzettoni a maglia

La lavorazione a maglia è un'arte molto antica e non esclusiva del genere femminile. Infatti fino al XIX secolo erano gli uomini a eseguire questo tipo di lavoro. Essa si realizza con strumenti detti "ferri" che possono essere di diverso materiale (alluminio,...
Altri Hobby

Come realizzare una sciarpa con lana cardata

Realizzare una sciarpa con la lana cardata, è possibile grazie alla lavorazione all'uncinetto. Questo tipo di sciarpa può essere realizzato grazie alla tecnica a filet. La lavorazione è molto semplice, basta seguire alla lettera le istruzioni riportate...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia tricot

I lavori a maglia sono tornati molto di moda in questi ultimi anni. Danno la possibilità di creare qualsiasi tipo di indumento. Partendo da un semplice paio di calze per arrivare sino a complicati vestiti da sera passando per maglie di tutti i tipi,...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia con la tecnica Entrelac

L'Entrelac è una tecnica di lavorazione utilizzata per creare ai ferri un modello di diamante o rombo ben strutturato. Mentre il risultato assomiglia a delle strisce con tessuto a maglia, il materiale utilizzato comprende delle piazze interconnesse su...
Altri Hobby

Come iniziare a lavorare a maglia

Saper realizzare dei piccoli accessori lavorando ai ferri è davvero un passatempo utile oltre che divertente e distensivo. Lavorare a maglia infatti vi permetterà di rilassarvi e al tempo stesso creare degli indumenti utili per tutta la famiglia. Inoltre,...
Altri Hobby

Come lavorare a maglia jacquard con i ferri

Esistono diversi tipi di lavori eseguibili attraverso l'utilizzo dei ferri. Un tipo di lavorazione in particolare permette di realizzare maglioncini, maglioni, cardigan o quello che più vi piace da indossare in qualsiasi occasione. La tipologia di tessitura...
Altri Hobby

Come fare una mantellina a maglia

Il lavoro a maglia permette di creare degli orginali capi di abbigliamento, come sciarpe, cappelli e maglioncini. Chi è abile in quest'arte può realizzare soprattutto per il periodo invernale indumenti personalizzati spendendo pochi soldi. Una volta...
Altri Hobby

Come rivestire una tazza con la lana

La fantasia non ha proprio limiti, ed allora anche gli oggetti comuni usati quotidianamente per mangiare e bere possono diventare protagonisti della nostra creatività. Un'idea davvero simpatica è confezionare con della lana colorata dei copri-tazza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.