Come trasformare le infradito in sandali alla schiava

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo degli infradito e vogliamo indossarli tutti i giorni e non solo per andare al mare o in piscina, possiamo modificarli e renderli delle normali calzature. Il sistema consiste nel trasformare questi infradito in sandali cosiddetti alla schiava; si tratta di un modello che negli ultimi anni, si è ritagliato una fetta importante di popolarità nel settore della moda e soprattutto delle calzature, tanto è vero che viene prodotto dai migliori brand. Ecco come trasformare le infradito in sandali alla schiava.

26

Occorrente

  • Attrezzo per fissare i rivetti
  • Borchie di metallo
  • Lacci di cuoio
36

La prima operazione da fare, è quella di calcolare la lunghezza dei lacci che partendo dai laterali all'altezza del dito centrale, devono estendersi per poi arrotolarsi all'altezza della caviglia. A questo punto, prendiamo l'attrezzo per fissare i rivetti e posizioniamo i due lacci, ancorandoli nel posto giusto, quindi come già accennato, sui due laterali che sostengono la parte dove entrano le dita del piede. Adesso, dopo aver calcolato la giusta lunghezza, (importante per evitare di fare delle antiestetiche giunture), prendiamo i due lacci e li arrotoliamo subito dopo il tallone, raggiungendo l'altezza dello stinco.

46

Una volta ottenuta la calzatura tipica da schiava, non ci resta che trovare il modo per renderla fissa e agganciarla al piede. Per questa operazione, abbiamo bisogno di una borchia di metallo a maschio che possiamo fissare all'estremità del laccio, e di una a femmina che va messa in corrispondenza per rendere agevole la chiusura della calzatura. Ovviamente la misura del laccio, deve essere precisa, per evitare che possa risultare troppo largo e scivolare, oppure stretto tanto da far male.

Continua la lettura
56

In alternativa per trasformare le infradito in sandali alla schiava, prendiamo un paio di infradito (possibilmente in sughero), con delle forbicine ritagliamo leggermente la giuntura del laccetto posto ai laterali. Prendiamo della stoffa del colore che si abbina al laccetto, tagliamola in quattro strisce lunga circa 30 cm. Con ago e filo uniamo la stoffa al capo del laccetto, realizzando una stringa abbastanza lunga. Eseguiamo questo procedimento per tutte e 4 le strisce. Utilizzando la colla a caldo, incolliamo nell'insenatura laterale dell'infradito una striscia e dall'altra parte l'altra striscia. Lasciamo asciugare per una buona mezz'ora e se notiamo che la presa è debole eseguiamo nuovamente un'altra passata di colla. Facciamo lo stesso per l'altra infradito e i nostri sandali alla schiava sono pronti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come trasformare un mobile Ikea

Se per arredare la propria casa si decide di comprare i mobili in legno oppure in altri materiali proposti dal colosso svedese Ikea essi si possono trasformare senza alcun problema. Infatti, con un po' di pazienza e di fantasia si possono rendere consoni...
Bricolage

Come Trasformare E Decorare Una Tegola In Un Originale Portalumi

Nell'ottica del riciclo è possibile trasformare oggetti poco significativi o non più utili, in nuovi e moderni accessori. È possibile, avendo a disposizione una semplice tegola, trasformare l'oggetto in un elegante e originale portalumi, resistente...
Bricolage

Come trasformare le impronte delle mani in simpatici animali

Se vuoi trasformare una noiosa giornata di pioggia in una divertente avventura creativa per te e per i tuoi bambini, ecco un'idea insolita, fantasiosa, coloratissima ed allegra che certamente attirerà la loro attenzione e permetterà all'intera famiglia...
Bricolage

Come trasformare i vecchi collant in decorativi fiori

I Collant sono un accessorio indispensabile per ogni donna. Se ne usano un'infinità e quando si rovinano si gettano via. Una delle causa maggiori è la smagliatura. Questa può verificarsi, anche indossandoli per la prima volta. Un peccato, quindi non...
Bricolage

Come trasformare un tavolo da cucina in una scrivania

Uno dei metodi più semplici per recuperare un tavolo da cucina di qualsiasi materiale, è quello di utilizzare il medesimo come se fosse una scrivania da studio. In questa guida, ci soffermeremo proprio a delineare i punti essenziali per trasformare...
Bricolage

Come Trasformare Una Stampa In Quadro

L'arredamento è un fattore importantissimo per rendere la propria casa non solo esteticamente bella, ma anche più comoda e funzionale per coloro che vivono all'interno di essa. Molto spesso, per soddisfare queste esigenze, si spendono tanti soldi per...
Bricolage

Come trasformare un vecchio maglione in una borsa in feltro

Tutti abbiamo in fondo all'armadio un vecchio maglione che ormai non utilizziamo più. Se non sapete cosa farne ma non riuscite proprio a disfarvene, non dovrete fare altro che trasformarlo in qualcosa di utile, dandogli in questo modo una nuova vita....
Bricolage

Come trasformare una bici normale in ebike

Le biciclette elettriche, rappresentano sicuramente una nuova forma di trasporto urbano, il cui utilizzo si sta rapidamente diffondendo, sopratutto nelle grandi città. Queste ultime ci permettono di fare esercizio, di girare tranquillamente nel traffico,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.