Come Trasformare Un Bidoncino In Un Porta Pianta

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

È una cosa davvero molto rara ma allo stesso tempo originale poter trasformare un oggetto di poco valore in uno davvero molto affascinante e con un valore molto più elevato: è il caso di questo stupendo porta pianta da esporre in giardino che andremo a realizzare insieme! La sua struttura interna non è altro che un semplice bidoncino in plastica. Ed ecco illustrato in questa guida come trasformare un bidoncino in un porta pianta.

26

Occorrente

  • 1 Bidoncino in plastica
  • Assi di legno
  • Spara chiodi
  • Seghetto elettrico
  • Trapano
  • Ghiaia
  • Terra
36

Come prima cosa dobbiamo prendere un bidoncino di plastica e tracciare una linea al centro: lo scopo è quello di tagliare il bidoncino in due parti uguali in modo da poter creare due porta pianta invece di uno solo (ma se dovessimo preferirne uno solo più alto al posto di due bassi possiamo saltare questo passaggio).
Una volta realizzata la linea iniziamo a ritagliare il bidoncino a metà adoperando un seghetto elettrico. Se il taglio non dovesse uscire perfetto non dobbiamo assolutamente preoccuparci!

46

Ora dobbiamo capovolgere le due parti del bidoncino: prendiamo un trapano e con una punta sufficientemente spessa effettuiamo diversi buchi sul fondo, i quali serviranno per far fuoriuscire l'acqua in eccesso presente nella pianta.
Per consentire all'acqua di uscire dal bidoncino è fondamentale sollevare quest'ultimo dal terreno e per farlo possiamo avvalerci di due assi di legno che sistemeremo sul fondo con l'utilizzo di alcuni bulloni o della colla specifica.

Continua la lettura
56

Adesso dobbiamo adoperare le assi di legno, le quali devono necessariamente avere un'altezza uguale a quella del bidoncino, quindi, nel caso non possediamo tali strumenti di taglio potremmo farci aiutare da un falegname.
Una volta ottenute le assi di legno il nostro compito sarà quello di fissarle intorno al bidoncino utilizzando una spara chiodi.
Dobbiamo fare la stessa cosa anche per la parte superiore utilizzando listelli di legno un po' più piccoli, fino a completare il giro, pertanto inseriamo la ghiaia all'interno del bidoncino.

66

La maggior parte del lavoro è stata fatta, l'ultima cosa che ci rimane da fare è piantare la nostra pianta. Per poterla piantare dobbiamo aggiungere della terra nel bidoncino fino a riempirlo circa a metà, successivamente inseriamo la pianta e copriamo con altra terra in modo da sotterrare adeguatamente le radici e, per concludere, come decorazione facoltativa, potremmo mettere dei pezzi di corteccia di qualsiasi tipo in superficie, così da mascherare la terra. Una cosa importante che dobbiamo ricordarci è che prima di aggiungere la terra dobbiamo posizionare il porta pianta nel luogo in cui desideriamo che rimanga.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare la talea di una pianta

Quante volte hai pensato di clonare una pianta che ami particolarmente, ma non sapendo da dove iniziare, hai rinunciato subito? Questo tutorial ti permette di apprendere una tecnica denominata talea. Il termine indica un frammento di pianta, opportunamente...
Giardinaggio

Come Curare La Pianta Calibanus Hookeri

La pianta Calibanus Hookeri è una bellissima pianta grassa originaria del nord del Messico. La pianta Calibanus Hookeri non si trova facilmente, se non in un vivaio ben fornito e, forse proprio per questo può essere considerata una pianta unica nel...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come verificare se una pianta ha mancanza di azoto

Le piante attingono dal terreno le sostanze nutritive necessario per vivere. L'azoto è sicuramente l'elemento più importante, perché partecipa alla sintesi proteica, alla costituzione degli acidi nucleici e di tutti gli altri costituenti cellulari....
Giardinaggio

Come Crescere Una Pianta Di Curcuma

La curcuma è una spezia molto pregiata ed utilizzata soprattutto sia nella cucina italiana che in quella europea. Essa è riconoscibile principalmente dal suo colore bene acceso, ed è l'arancione. E'nativa dei paesi indiani e quindi di conseguenza,...
Giardinaggio

Come riconoscere la pianta del castagno

Il castagno è una bellissima pianta. I suoi frutti, le buonissime ed autunnali castagne, sono una gioia per il palato di molti. Un castagno è il simbolo dell'autunno, dei suoi colori caldi e dei suoi profumi accoglienti. Un castagno è una pianta davvero...
Giardinaggio

Pianta bio: consigli per riconoscerla

Una pianta, di qualunque specie sia, per crescere sana, forte e rigogliosa necessita della corretta cura e del giusto nutrimento, il tutto nel rispetto della pianta stessa e della natura. Questo significa che per mantenere in salute una pianta bisogna...
Giardinaggio

Come Eliminare I Parassiti Dalla Pianta Di Limone

La pianta di limone, oltre a essere una straordinaria pianta da esterno dove ci sono climi miti e ad emanare anche un buon odore, produce dei frutti buonissimi, quindi è opportuno curarla con attenzione e darle le cure dovute. Può accadere che la pianta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.