Come trasformare un terrario in acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se in casa avete un terrario ed intendete trasformarlo in acquario, potete farlo purché le misure siano adeguate; infatti, è importante sottolineare che specie per i pesci tropicali, deve essere di almeno 60X50X50 riferite rispettivamente ad altezza, larghezza e profondità. Se dunque le dimensioni non sono inferiori, ecco allora come procedere per trasformare il terrario in acquario.

25

Occorrente

  • Sabbia e ghiaia
  • Acqua decalcificata
  • Filtro biologico esterno
  • Set per il controllo del pH
  • Pesci e piante
35

Lavare il terrario con acqua bollente

In riferimento a quanto accennato in fase introduttiva di questa guida, è importante sottolineare che più l’acquario è grande e tanto più semplice risulterà allestirlo e soprattutto gestirlo. Premesso ciò, dopo aver rimosso tutto il terriccio, lavatelo con acqua bollente aiutandovi magari con del bicarbonato di sodio e con aceto, in modo da eliminare ogni rischio di contaminazione dell'acqua che andrete in seguito ad inserire.

45

Applicare un filtro esterno

Un altro importante particolare da non sottovalutare in fase di trasformazione di un terrario in acquario riguarda il filtro biologico; infatti, se le dimensioni sono minime o comunque non superiori a quelle citate in precedenza, il sistema di filtraggio conviene applicarlo esternamente per non limitare ulteriormente lo spazio interno da dedicare a pesci e piante. Detto ciò, acquistate della sabbia mista a ghiaia e dopo averla fatta bollire per sterilizzarla, versatela nel terrario vasca e poi aggiungete circa un terzo dell'acqua che può contenere. Quest'ultima deve essere decalcificata, e va cambiata almeno tre o quattro volte nel giro di una settimana. Trascorso tale periodo e controllando ogni giorno il PH con l'apposito set di provette, potete inserire le piante ovvero quando l'acidità dell'acqua si attesta su valori accettabili tra 6.9 e 7,2. Soltanto adesso, potete aggiungere dell'altra acqua decalcificata, e lasciare che il tutto si amalgami alla perfezione, dopodichè procedere con la posa delle piantine da acquario.

Continua la lettura
55

Inserire i pesci

A questo punto finalmente il vostro terrario può definirsi acquario, e quindi giunge il momento di inserire i pesci che maggiormente vi soddisfano, tenendo però in considerazione sempre il fattore spazio; infatti, un ex terrario adibito ad acquario se non troppo grande non è adatto a pesci di grosse dimensioni, che tra l'altro possono raggiungere anche 15 centimetri di lunghezza. In tal caso preferite sempre quelli che rimangono con una forma più meno stabile, come ad esempio i coloratissimi e piccoli Neon e i vellutati Black Molly. Se tuttavia non riuscite a resistere al fascino degli Scalari, almeno una coppia la potete inserire tenendo conto che seppur tendenzialmente diventano abbastanza grandi, hanno una crescita in termini di dimensioni molto lenta. A lavoro ultimato non dimenticatevi di corredare l'acquario di una luce adeguata, indispensabile per il processo di fotosintesi clorofilliana delle piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come fertilizzare le piante dell'acquario

Chi non vorrebbe un bell'acquario pieno di pesci tropicali? Per molti rappresenta un sogno! Ancora meglio, un acquario pieno di pesci e piante rigogliose. Mica vorrete usare delle orribili piante finte, vero? Come per le piante da terra, però, anche...
Altri Hobby

Come spostare un acquario nel modo corretto

Un acquario rappresenta un oggetto molto pesante da trasportare, oltre che un complemento di arredo da trattare in modo molto delicato. Quando si rende necessario, per una qualsivoglia ragione, lo spostamento di un acquario, occorre sempre sapere in quale...
Altri Hobby

Come potare le piante d'acquario

Le piante d'acquario sono un elemento decorativo d'importanza biologica. Si sviluppano in altezza ed abbastanza rapidamente, pertanto vanno controllate con regolarità. L'eccessiva crescita renderebbe il paesaggio poco attraente e pieno di insidie per...
Altri Hobby

Come scegliere l'acquario

Molte sono le persone appassionate di pesciolini da tenere in casa e se ci piace l'idea di voler arredare un angolo della nostra casa con un acquario di piccole, medie o grandi, non dobbiamo fare altro che leggere questa guida per sapere come sceglierlo,...
Altri Hobby

5 accessori indispensabili per l'acquario

Il mondo acquatico ha, da sempre, attirato e affascinato l'uomo. Qualcuno ha provato a ricrearlo e così sono nati gli acquari. Contrariamente a quello che si può pensare, allestire un acquario degno di essere chiamato con questo nome, non è così facile...
Altri Hobby

Come pulire l'acqua di un acquario

Possedere un acquario è il sogno di molti. Chi non vorrebbe una splendida e decorativa vasca colma di pesciolini dai colori sgargianti? Ma mantenere un acquario non è uno scherzo, anzi, è quasi una missione. Specialmente se si tratta di pesci esotici...
Altri Hobby

Acquario: manutenzione e pulizia

L'acquario è l'habitat naturale per i pesci che vivono in cattività. I pesci rossi sono piuttosto semplici da curare, non richiedono particolari manutenzioni, per cui la pulizia si può limitare al solo cambio dell'acqua. L'acquario tropicale, invece,...
Altri Hobby

Come montare il filtro interno dell'acquario

Chiunque ha la passione per gli acquari, conosce bene, che questo ha bisogno sempre di molta manutenzione e soprattutto di un'accurata progettazione. Difatti, per poter scegliere tutto il "contenuto" del nostro futuro acquario, dovremo fare una scrupolosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.