Come trattare il legno di pino con la borace

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nel settore del fai da te e, più in generale, in materia di manutenzione degli arredamenti in legno un ruolo molto importante è assunto da quei prodotti che sono finalizzati alla conservazione del legno senza che ciò possa comprometterne l'aspetto naturale. In genere si parla di sostanze impregnanti, proprio perché non rivestono il legno ma agiscono in profondità nel materiale, secondo un processo di assorbimento che non lascia alcuna pellicola superficiale. Questi prodotti impregnanti permettono di preservare il legno dagli attacchi di funghi, muffe e insetti come i tarli. Tali composti rendono inoltre il legno idrorepellente, senza pregiudicare la porosità del tipo di legno, lasciando quindi che la fibra possa avere un contatto diretto con l'ossigeno presente nell'aria e quindi continuare a "respirare". Il trattamento permette al legno di resistere ad agenti esterni usuranti come il vento e il sole, anche in località con condizioni climatiche più intense come il mare e la montagna. Infine, i prodotti impregnanti non sono soggetti all' esfoliazione, problema invece tipico delle vernici e che comporta sempre un costante ciclo di raschiamento, carteggio e riverniciatura. In questa occasione vedremo come realizzare un impregnante fai da te con la borace per trattare il legno di pino. Il procedimento sarà mediamente complesso e non richiede alcuna particolare capacità tecnica.

27

Occorrente

  • 100 g di borace per 1 L di acqua
  • Secchio
  • Acqua tiepida
  • Pennello piatto per legno
  • Guanti da lavoro
37

In passato il borace veniva utilizzato normalmente come detersivo. Oggi la sua reperibilità è drasticamente diminuita. Potete trovarlo ancora solo in grandi drogherie o nei negozi di bioedilizia col nome di "sali di boro". Una volta che avete acquistato il borace, preparate un secchio e aggiungete dell'acqua calda dal rubinetto.

47

Ricordate che le proporzioni sono di circa 90-100 g di borace per 1 L d'acqua. Ciò farà in modo di realizzare una soluzione satura; in ogni caso non vi preoccupate poiché l'eventuale eccesso di borace si depositerà semplicemente sul fondo del vostro recipiente. Ricordate di utilizzare dell'acqua calda dato che ciò favorirà maggiormente l'assorbimento dell'impregnante da parte del legno.

Continua la lettura
57

Per tenere il composto realizzato ad una temperatura costante potete pure versarlo, man mano che vi servirà, in un pentolino posto sopra uno scaldavivande a candela. Utilizzare un pennello piatto per legno e applicate il composto impregnante sul legno, facendo scorrere il pennello prima nel senso della vena, poi trasversalmente alla vena in modo da favorire l'assorbimento dell'impregnate dall'intera superficie.

67

Lasciate asciugare il legno all'ombra e, se dovete lavorarlo, attendete sempre che siano trascorse almeno un paio di settimane in modo che la fibra di legno si possa acclimatare. Una volta che avete effettuato il trattamento protettivo con borace, il legno può essere lasciato "nudo" o essere sottoposto a ulteriore trattamento per la finitura.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzare sempre dei guanti protettivi da lavoro

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Consigli per fare lo slime senza borace

Lo slime è una sostanza appiccicosa, elastica e deformabile, particolarmente adatta per il divertimento di tutti i bambini che adorano giocarci. Si può facilmente trovare in commercio nei negozi di giocattoli, tuttavia questo tipo di slime può contenere...
Materiali e Attrezzi

Come fare lo slime senza il borace

Lo slime era un giochino per bambini, commercializzato sin dagli anni 70. Si trattava di un liquido viscido, in grado di colare ma, allo stesso tempo, di attaccarsi alle superfici. Si poteva acquistare in tutti i negozi di giocattoli, ma destò particolare...
Altri Hobby

Come fare una pallina antistress

Al giorno d'oggi, il lavoro, lo studio o la semplice vita quotidiana, ci costringono ad affrontare situazioni che mettono a dura prova i nostri livelli di stress. Lo stress non è un effetto da sottovalutare, infatti, il corpo reagisce alle sollecitazioni...
Bricolage

Come Fare Lo Slime

Questo breve tutorial ha lo scopo di dare delle corrette informazioni sul procedimento che consente la realizzazione dello Slime. Quest'ultimo è stato lanciato sui mercati nel 1976 riscutendo immediatamente un grande successo. È un semplice e viscoso...
Casa

Come fare un detersivo per lavastoviglie fai da te

In commercio oggi giorno esistono una miriade di prodotti per la lavastoviglie a volte anche molto costosi. Se invece vogliamo risparmiarde del denaro possiamo fare un detersivo fai date allo stesso tempo efficace appunto per questo in questa guida vedremo...
Bricolage

Come saldare il rame

Rame e leghe (nichel) sono spesso saldati con il processo manuale di saldatura ad arco utilizzando un elettrodo di ferro ricoperto di materiale fondente e borace solida. Questo metodo è poco costoso, può essere praticato senza pericoli e la saldatura...
Bricolage

Come fare una saldatura ad oggetti delicati

In questa bella guida, che stiamo per proporre, vogliamo dare una mano concreta a tutti coloro i quali, amano cimentarsi nel metodo del fai da te, in particolar modo nell’ambito che compete e concerne la saldatura. Si sa bene che la saldatura non è...
Bricolage

Come essiccare fiori e foglie con sostanze essiccanti

Il piacere che un mazzo di fiori freschi può donarci è purtroppo di breve durata. Grazie a delle semplici tecniche di essiccazione e all'uso di sostanze essiccanti molto facili da reperire, potete però prolungarlo nel tempo. La sostanza naturale comunemente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.