Come trattare le malattie della pianta di spinacio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Mangiare gli spinaci rafforza le difese del sistema immunitario. Inoltre aiuta a prevenire il rischio di infarto. Sono alimenti ricchi di magnesio e ferro. È una pianta che appartiene alla famiglia delle Amaranthacee, originaria dell'Asia occidentale e centrale. I Saraceni l'hanno introdotta nel Continente Europeo. Molto resistente al freddo, non supera i 30 cm e si pianta anche nella stagione fredda. Come altri vegetali sono soggette a parassiti e a problemi come muffe e funghi. Vediamo nel dettaglio come trattare le malattie della pianta di spinacio.

27

Occorrente

  • Abbigliamento da giardiniere.
  • Guanti appropriati.
  • Protezioni per gli occhi.
37

Purtroppo il "mal bianco" colpisce non solo il radicchio o la cicoria, è un problema anche per gli spinaci. L'oidio si sviluppa a causa dell'umidità troppo elevata. È consigliabile scegliere zone più soleggiate nel momento della coltivazione. Come per l'uomo anche per i vegetali: "prevenire è meglio che curare". Se la contaminazione è avanzata, proviamo a debellare i parassiti usando prodotti naturali. In casi estremi si passa alle sostanze chimiche.

47

In agricoltura biologica è consentito l'uso dello zolfo. Questo elemento è fondamentale per combattere l'oidio. Il trattamento va' diffuso in modo uniforme su tutta la pianta. È meglio agire nelle prime ore del mattino e in primavera ogni 2 settimane. Non superiamo i 5 trattamenti all'anno. Lo zolfo ventilato previene i danni peggiori. È impiegato come terapia con i dovuti accorgimenti. Per ottenere particelle sottili è raccomandabile raffinare la sostanza. Si mescola lo zolfo con il nerofumo per ricavare piccolissime parti.

Continua la lettura
57

Il "mal bianco" si manifesta con una evidente patina bianca sulle foglie, sui fiori e il resto della pianta. Man mano che l'infezione prosegue, se non interveniamo in modo tempestivo, la malattia blocca la crescita della pianta fino a farla morire. I funghi responsabili sono invisibili all'occhio umano. Occorre una buona conoscenza dei vegetali presenti nel proprio orto, per evitare il peggio. Una pianta ammalata non guarisce del tutto. Per questo motivo è opportuno non trascurare il verde.

67

Le lumache sono un altro problema per lo spinacio. Cospargiamo intorno della cenere o del sale. In commercio ci sono delle strisce che vanno disposte sul terreno e cambiate periodicamente. Per gli Agrotidi ricorriamo a trattamenti a base di assenzio. Per difendere il vegetale dalla Peronospora facciamo uso della soluzione Idroalcolica di Propoli. Se il problema è serio eseguiamo terapie curative con Ossicloruro di Rame.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per debellare gli Agrotidi se l'assenzio non basta, usiamo il Rotenone.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Le principali malattie del pomodoro

Il pomodoro è uno degli ortaggi maggiormente coltivati, soprattutto perché è possibile piantarlo direttamente nell'orto oppure in vasi da tenere sulla terrazza. Tuttavia si tratta di una pianta vulnerabile agli attacchi di agenti patogeni, ed è...
Giardinaggio

Le malattie dell'ulivo

L'ulivo è una pianta da frutto originaria del continente Orientale e fin dai tempi più antichi è stata impiegata con finalità alimentari. Produce le olive che sono utilizzate sia per la produzione del celebre olio extravergine di oliva che come alimento...
Giardinaggio

Come identificare e curare le malattie degli alberi

Gli alberi e le piante del nostro giardino possono essere affette da molteplici malattie. Determinate condizioni ambientali, facilitano la diffusione delle malattie degli alberi e il loro contagio. Inoltre anche la carenza di alcuni nutrienti minerali...
Giardinaggio

Come controllare le malattie nelle rose da giardino

La rosa è il fiore per eccellenza e, senza dubbio bellissima da ammirare nei giardini e nelle campagne, dove fa bella mostra di sé durante il periodo della fioritura, che parte sempre dalla primavera inoltrata (mese di Maggio) e si protrae, a seconda...
Giardinaggio

Come Individuare E Curare Le Principali Malattie Dell'Aspidistria

L'Aspidistria è una pianta molto facile da coltivare, perché presenta caratteristiche tali da richiedere pochissime cure. Tuttavia, può capitare che, per svariati motivi, presenti dei sintomi sui quali è necessario intervenire tempestivamente e in...
Giardinaggio

Come evitare le malattie del prato

Un bel prato, verde e rigoglioso, è senza dubbio un segno distintivo per un giardino curato e gradevole. Avere un prato sano e bello può richiedere, però, una manutenzione costante ed intensa. Il prato, infatti, rischia talvolta di manifestare i sintomi...
Giardinaggio

Le principali malattie delle patate

Le patate sono uno degli ortaggi più amati e utilizzati nella nostra cucina, ma quello che non sappiamo è che queste possono detenere alcune malattie.  In commercio troviamo numerose varietà, possono essere di pasta bianca o gialla, di buccia liscia...
Giardinaggio

Come prevenire la morte di una pianta

Le cause di morte di una pianta sono originate da malattie di natura ambientale, da virus, insetti, funghi, da errate o inadeguate tecniche di coltivazione. Tutti questi "fattori di morte" sono spesso tra loro interconnessi. Non ne basta uno solo, cioè,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.