Come travasare una pianta grassa

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le piante grasse quando vengono acquistate generalmente si presentano di piccole dimensioni e anche i loro vasi lo sono, quindi per una crescita più accelerata sarebbe opportuno sostituire subito il vaso con uno più grande. Tuttavia, alcune dopo un determinato periodo sviluppano un apparato radicale sostanzioso e vanno quindi travasate, altrimenti corrono il rischio di seccarsi a causa della mancanza di sali minerali e di spazio insufficiente, che ne strozzerà le radici. Continuando nella lettura di questo tutorial troverete degli utili consigli su come travasare una pianta grassa.

27

Occorrente

  • Vaso di medio-grandi dimensioni
  • Foglio di giornale
  • Composta comune
37

Chiedere informazioni sulla pianta al personale del vivaio

È fondamentale, il momento in cui si vuole sostituire il vaso, informarsi con il personale del vivaio dove si andrà ad acquistare la pianta sulla specie di pianta che abbiamo acquistato e, se questa crescerà molto o poco. Poi, in base alle utili informazioni che ci fornirà l'esperto, andremo a scegliere la pianta. Tenendo conto che quelle grasse non raggiungono mai una dimensione notevole, ma si sviluppano principalmente dal punto di vista dell’apparato radicale, ecco allora che è sufficiente un vaso di circa 25 centimetri di altezza e di un diametro più o meno uguale.

47

Invasare prima della fioritura

Premesso che il periodo ideale per il travaso è a fine dell'inverno, nei mesi che vanno da marzo a maggio, è bene come regola generale invasarle prima della fioritura, non tutte fioriscono nello stesso periodo. Una volta acquistato il vaso dalle dimensioni ideali bisogna utilizzare del terriccio adatto in cui inserire la piantina dopo averla bagnata in modo da estrarre dal vecchio contenitore le radici compattate e, con una buona quantità di terriccio. In questo modo non si correrà il rischio di spezzare le radici e il travaso non comprometterà la salute della pianta. È importante in questa fase di estrazione fare riposare la piantina in un luogo asciutto dai 3 ai 20 giorni, anche lasciandola su un foglio di giornale. Questa fase dell'attesa è importante per far cicatrizzare le eventuali radici spezzate.

Continua la lettura
57

Attendere qualche giorno prima di innaffiare

Per il terriccio si utilizza generalmente una composta comune che conterrà il 40% di terra e il 60% di inerti. Dopo circa una settimana si può procedere ad una prima fase di concimazione, per cui ci preoccuperemo di ristabilire il terriccio idoneo alle piante grasse, che deve essere povero di azoto o se ne potrà acquistare uno specifico per piante grasse. Dopo l'invasatura è bene attendere qualche giorno prima di innaffiare. È consigliabile cominciare col nebulizzatore e poi gradualmente aumentare la dose di acqua. In genere nel travaso di tutte le piante ed in particolare di quelle grasse, se non si usano alcune precauzioni, si potrebbe provocare una reazione, per cui è opportuno non toccare mai le radici a mani nude soprattutto se sudaticce, in quanto la sensibilità delle piante genererà una reazione di autodifesa.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

5 errori da evitare nella cura di una pianta grassa

Se abbiamo intenzione di coltivare e curare una pianta grassa, è importante conoscerla a fondo per evitare di commettere degli errori, che potrebbero vanificare il lavoro. Si tratta infatti, di una tipologia di pianta che richiede una cura appropriata...
Giardinaggio

Come travasare una pianta di limone

Curare un giardino è un hobby interessante ed anche rilassante, anche se non tutti ne possiedono uno. Coloro che non dispongono dello spazio necessario per un giardino ma possiedono un certo pollice verde, possono optare per delle piante da balcone....
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Grassa Portulaca

La portulaca è una pianta grassa dalle coloratissime fioriture, che durano fino ad inizio autunno, Questa pianta, può essere tranquillamente coltivata in vasi e vaschette, su terrazze o in balcone. Non teme il caldo, anzi, la luce del sole le fa più...
Giardinaggio

Come travasare un arancio

Chi desidera coltivare aranci ed altri agrumi ma non possiede un ampio terreno, opta spesso per la coltivazione in vaso. Questa soluzione permette di raccogliere della frutta genuina proprio nel cortile di casa e consente di far crescere queste piante...
Giardinaggio

Come Curare La Pianta Calibanus Hookeri

La pianta Calibanus Hookeri è una bellissima pianta grassa originaria del nord del Messico. La pianta Calibanus Hookeri non si trova facilmente, se non in un vivaio ben fornito e, forse proprio per questo può essere considerata una pianta unica nel...
Giardinaggio

Come travasare le piantine di basilico

Con l'arrivo della primavera cominciano a deliziarci anche i profumi delle erbe aromatiche che crescono negli orti. Il basilico ad esempio è una di queste, ed è proprio in primavera che le piantine devono essere accuratamente travasate. In riferimento...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come rinvasare una pianta di aloe

L'aloe, o aloe vera, è una pianta grassa perenne che viene utilizzata per diversi scopi, come il trattamento delle ustioni, le punture di insetti e piccoli tagli superficiali. Inoltre, può anche essere consumata sotto forma di tè grazie ai suoi benefici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.