Come usare il fimo liquido

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il fimo è una pasta modellabile utile per la creazione di piccoli oggetti. Gli amanti di questo materiale avranno sicuramente sentito parlare anche del fimo liquido, che altro non è che è un gel fluido, lattiginoso, utile per le decorazioni, che viene venduto in un barattolino da circa 50 ml. Quest'ultimo può esser usato in svariati modi: la differenza sta nei determinati e differenti obiettivi che si desidera raggiungere. Il fimo liquido è di colore chiaro ma può cambiare colore, diventando addirittura trasparente, dopo la cottura nel forno; quest'ultima stimola anche l'ulteriore capacità di questa pasta di indurirsi. Si fanno davvero molteplici usi del fimo liquido: tra quelli meno diffusi c’è la tecnica di usarlo come ammorbidente per fimo classico, al momento in cui quest'ultimo è ormai diventato secco; mentre, tra quelli più famosi, c'è quello di usare questo gel, in modo particolare, per la famosa tecnica del trasferimento d’immagini (anche detto transfert) e come collante per gli oggetti in fimo. Di seguito andremo ad analizzare entrambe le tecniche cercando di comprenderle al massimo.

26

In primo luogo bisogna sottolineare che il principale scopo del fimo liquido è quello di riuscire ad incollare delle nuove forme di fimo a delle vecchie dello stesso tipo; per riuscire in questo intento basterà spalmare un po' di questo fimo in gel sull’oggetto in fimo classico, già cotto in forno, per poi appoggiare su di esso il pezzo di fimo nuovo, ancora da cuocere. Fatto ciò, il passaggio successivo è quello di accendere il forno ed inserire al suo interno il tutto. A questo punto dovremo aspettare che termini la cotture di questo "nuovo pezzo"; vi ricordo che il forno dovrà essere impostato a 120° per circa 20 minuti.

36

Da questo momento andremo ad analizzare le due tecniche di cui vi ho parlato prima (quella meno usata e quella più famosa). Per quanto riguarda la tecnica del transfert, grazie all’ uso del fimo liquido, saremo in grado di trasferire un’immagine. Ovviamente il primo passo da compiere è trovare delle immagini che vi piacciono e sceglierne una o anche un paio: per facilitarvi la cosa vi consiglio di ricorrere all’ utilizzo di internet. In tutto questo, però, occorre essere al corrente di una cosa molto importante per una buona riuscita dell’operazione: nelle istruzioni di questo gel viene riportata la tecnica del trasferimento di un’immagine, con la possibilità, una volta completato il passaggio, di rimuovere la foto originale in maniera tale che resti solamente l’immagine che è stata impressa sul fimo liquido una volta solidificatosi, dando origine ad una sorta di figurina. In realtà questo passaggio non sempre è possibile, infatti potrà essere fatto solo se le foto o le immagini che più ci piacciono vengono stampate attraverso l’utilizzo di una stampante a laser. In caso contrario, utilizzando le semplici stampanti a getto d’inchiostro, il risultato non sarà perfetto visto che l’immagine avuta risulterà essere molto sbiadita. In questo caso, il consiglio che potrei darvi è quello di stampare le immagini prese da internet su una carta fotografica lucida, per far si che l’immagine creata sia ben distinta e chiara.

Continua la lettura
46

Una volta che avremo stampato o ritagliato l’immagine, potremo finalmente procedere con l’operazione di trasferimento. Se il nostro intento è solamente quello di creare un’immagine rigida abbiamo la possibilità farlo seguendo due motivi differenti: nel primo, che è quello riportato sulle istruzioni, occorrerà prendere un foglio di carta da forno, posare su di essa la nostra foto già ritagliata per bene. Ed iniziare a stendere sopra uno strato di fimo liquido, in modo da creare uno spessore di circa 2 mm.; una volta fatto questo, sarà possibile infornare la nostra immagine e lasciarla cuocere per circa 15 minuti, facendo attenzione a non bruciarla. Dopo averla fatta raffreddare per bene, avremo a disposizione la nostra immaginetta, molto lucida, e con un effetto davvero originale!

56

La seconda tecnica di cui andremo a trattare è quella del posizionamento dell’immagine, o della foto stampata o ritagliata, su un pezzo di vetro, tipo quello usato nelle cornici. Seguendo questo metodo la prima cosa da fare è quella di stendere un po’ di fimo liquido sul vetro per poi andare a posizionare sopra al fimo liquido la nostra immagine, naturalmente dalla parte davanti. Successivamente dovremo stendere per bene l’immagine con le mani, in modo da eliminare le bolle d’aria, ed infornare per 15 minuti. Una volta fatto raffreddare il tutto dovremo staccare delicatamente l’immagine dal vetro, ritagliare per bene i suoi contorni ed applicarla su una qualsiasi base da noi scelta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come realizzare un portapenne Sailor Moon in fimo

Negli ultimi anni la pasta modellante sintetica, meglio conosciuta come pasta fimo, è stata largamente apprezzata dalle amanti del fai da te e bricolage. Il fimo, infatti, si presta a realizzare un'infinità di accessori che spaziano dai gioielli, ai...
Altri Hobby

Come fare collane e accessori in fimo

Il fimo è una pasta polimerica modellabile che si indurisce con il calore, quindi necessita di cottura. Di solito, si vende sotto forma di panetti disponibili in vari colori ed è facilmente reperibile in qualunque negozio che venda pennarelli, fogli...
Altri Hobby

Come fare un gufo con il fimo

Con il fimo, pasta polimerica modellabile, è possibile dare vita a deliziose e originali creazioni, tutte rigorosamente handmade. Un'ottima idea regalo, da confezionare con questa pasta sintetica, è indubbiamente rappresentata da un simpatico gufo,...
Altri Hobby

Come realizzare una cover in fimo

Il fimo è una pasta polimerica, ossia composta da polimeri sintetici, malleabile e modellabile, disponibile in commercio in vari colori, persino glitterati e fluorescenti al buio. A differenza della semplice plastilina (di norma di origine naturale ed...
Altri Hobby

Come creare ciondoli in fimo

Per gli amanti del fai da te, e in particolare, per coloro che amano realizzare in particolare orecchini, collane o ciondoli a mano, l'utilizzo del fimo permette la realizzazione di oggetti di vario genere, vista la sua malleabilità. Infatti il fimo,...
Altri Hobby

Come usare la pasta fimo per creare gioielli

Il fimo è una pasta modellabile che tende a indurirsi con il calore, cioè la sua consistenza cambia a seconda della temperatura. Può assumere svariate forme ed è quindi un materiale che può essere utilizzato per differenti usi, compreso la creazione...
Altri Hobby

Come creare dei gioielli in fimo

Il fimo è una pasta polimerica modellabile, sintetica e termoindurente; si indurisce con il calore, quindi necessita di cottura. La sua consistenza lo rende adatto ad essere trasformato in oggetti rotondi, in fogli sottili o tagliato a strisce con un...
Altri Hobby

Come realizzare un albero porta orecchini in fimo

Siamo in periodo natalizio e tutti stiamo cercando dei regali carini da fare ai nostri amici e parenti. Ma andare in giro per negozi e prendere i pacchetti in offerta già preconfezionati in edizione natalizia è fin troppo facile e banale. Infatti non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.