Come usare il fissante per eternit

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Eternit è un fibrocemento brevettatato nel 1901 da Ludwig Hatschek, un materiale prevalentemente a base di amianto che oggi non è più in commercio, sostituito da altri materiali non cancerogeni. Il suo nome deriva dal latino "aeternitas", ovvero "eternità", infatti è un materiale indistruttibile ma le sue polveri se inalate sono altamente rischiose per la salute e per questo motivo in Italia è stato vietato l'utilizzo già dal 1994. Ancora oggi ci sono numerosi oggetti facenti parte della nostra vita quotidiana realizzati proprio in fibrocemento, per renderli sicuri per la nostra salute sarebbe meglio eliminarli, ma se in caso contrario non si possono smaltire si può passare alla tecnica di bonifica mediante incapsulamento usando delle sostanze sintetiche. Vediamo insieme, nei prossimi passi come usare il fissante per l'incapsulamento dell'eternit.

26

Occorrente

  • Fissativo
  • Pennello
  • Tuta
  • Guanti
  • Mascherina
36

La prima cosa da fare per poter passare il fissativo è quella di pulire accuratamente, mediante lavaggio, i manufatti che devono essere bonificati. Per effettuare questo passaggio è fondamentale proteggersi per non correre rischi. Bisognerà quindi usare delle tute specifiche che possono essere sia in cotone lavabile oppure usa e getta, esse devono avere un cappuccio ed elastici sia sui polsi che sulle caviglie. Procurarsi anche dei guanti e mascherine, questi ultimi due oggetti sono fondamentali in quanto con le mani useremo il pennello e le mascherine ci aiuteranno a non inalare le polveri sprigionate.

46

Dopo essersi muniti degli oggetti preventivi di cui sopra, passiamo al lavaggio del manufatto. Usando una idropulitrice incominciamo a lavare tutta la superficie, facendo attenzione però all'acqua che defluirà, dobbiamo mettere al di sotto un recipiente in modo tale da raccogliere tutta l'acqua inquinata e non disperderla nell'ambiente. Successivamente portarla nelle apposite discariche per i rifiuti speciali. Una volta fatto questo dobbiamo aspettare che la superficie si asciughi bene, infatti dev'essere ben asciutta per poter passare il fissativo.

Continua la lettura
56


Quando la superficie è completamente asciutta, passiamo alla preparazione del fissativo. Questo andrà diluito al 50% con un diluente sintetico. Iniziamo la diluizione a piccole quantità e mescolando sempre fino a raggiungere la percentuale ottimale. Una volta raggiunta la diluizione corretta, con un pennello incominciamo a passare il fissativo su tutta la superficie e lasciamo asciugare bene. Se il manufatto si trova all'esterno, non applicarlo in presenza di vento e all'esposizione del sole diretto, quindi dovremmo tenere sotto controllo le condizioni climatiche per una buona riuscita della bonifica.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Passare il fissativo quando le condizioni climatiche lo permettono.
  • Prima di effettuare qualsiasi manovra, usare la tuta, i guanti e la mascherina protettiva.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per vernice metallo

Può capitare a tutti di avere oggetti che necessitano di un piccolo restauro. L'usura del tempo o delle intemperie rovinano la superficie e spesso la struttura stessa di un oggetto. Questo accade, in particolare, sulle coperture in vernice. Nel caso...
Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per colori ad acqua

I colori ad acqua sono intramontabili. Nelle scuole dominano le alule delle elementari, nelle case vengono ampiamente usati nel decoupage e nei lavoretti per la casa. Purtroppo, però, questi colori non hanno una vita lunghissima, dopo un po' di tempo...
Materiali e Attrezzi

Come applicare il fissativo per interni

Ogni attività domestica di natura strutturale necessita di apposita procedura per essere correttamente svolta, evitando così notevoli problemi di natura tecnica con ingenti costi di tempo e di denaro. Ristrutturare una casa a volte può rivelarsi un'impresa...
Materiali e Attrezzi

Guida ai tessuti ignifughi

Con questa guida ci occuperemo di tessuti ignifughi. Questo tipo di tessuto è prodotto artificialmente, con materiali che non sono reperibili in natura. È consigliato quindi tenersi sempre aggiornati sui tessuti in questione, dal momento che essendo...
Materiali e Attrezzi

Come usare gli stencil

Ci sarà sicuramente capitato, dopo un po' di anni, di dovere ridipingere le pareti delle varie camere presenti nella nostra abitazione. Questo perché con il passare degli anni le pareti tendono a sporcarsi e ad ingiallirsi quindi, per far apparire le...
Materiali e Attrezzi

Come applicare lo spray fissativo

Lo spray fissativo è un tipo speciale di vernice che serve a fissare i disegni una volta finiti, la maggior parte delle volte che si disegna con le pitture in polvere conviene usarlo per non perdere con il tempo la maggior parte del lavoro.Potrebbe convenire...
Materiali e Attrezzi

Come si utilizza la carta catramata

Oggi, in questo articolo, vogliamo proprio proporvi una valida guida, riguardo un argomento che interessa tutti coloro che sono amanti del fai da te.Nello specifico vogliamo aiutarvi a capire come si utilizza, nella maniera corretta ed efficace, la carta...
Materiali e Attrezzi

Come fare la malta di gesso

In questa breve guida viene spiegato passo passo come fare la malta di gesso, un composto ideale per chiudere fori di grandezza ridotta, per ottenere un calco di una forma per modanatura, per lavori di rifinitura, ritocchi su intonaci o in tutti quei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.