Come usare la trielina

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La trielina o tricloroetilene, è un idrocarburo clorurato, ossia una sostanza chimica comunemente usata come solvente industriale. Si presenta allo stato liquido, ha un colore chiaro simile a quello dell'acqua ed un odore dolce. Non è infiammabile ma è estremamente tossico. Naturalmente prima di usare tale solvente è bene documentarsi, usando i dovuti accorgimenti, onde evitare danni irreparabili. La guida che segue saprà darvi le utili informazioni su come usare in modo corretto e sicuro la trielina.

27

Occorrente

  • Trielina
  • Tuta protettiva
  • Guanti
  • Mascherina
37

Prendere le precauzioni necessarie

Innanzitutto prima di manipolare la trielina, è estremamente importante prendere le precauzioni necessarie e le adeguate misure di igiene personale. Le persone che lavorano con questo composto chimico, devono essere adeguatamente e dettagliatamente informate sui sistemi di sicurezza e sui pericoli cui si potrebbe andare incontro. Se si dovessero presentare eventuali perdite o guasti di ventilazione nell'ambiente in cui si utilizza, bisognerà segnalarlo tempestivamente alle autorità competenti. I soggetti non protetti devono evitare ogni contatto con la trielina e con le attrezzature contaminate.

47

Indossare indumenti di protezione adeguate

Indossate sempre indumenti di protezione adeguate e, nel caso vengano contaminati, lavateli immediatamente con acqua tiepida, tenendoli in ammollo per 15-20 minuti. Se disgraziatamente doveste ingerire accidentalmente la trielina, sciacquate subito la bocca con acqua e contattate immediatamente un centro antiveleni od un medico. Impiegate sistemi di movimentazione chiusi per i processi che coinvolgono la trielina e, se ciò non fosse possibile, evitate la generazione di vapori o di nebbie prevenendo in modo tale un rilascio di residui sul posto di lavoro. Non usate la trielina vicino ad operazioni di saldatura, fiamme o superfici calde: c'è il rischio di formazione di acido cloridrico, anch'esso altamente tossico.

Continua la lettura
57

Controllare periodicamente i recipienti

Non utilizzate il solvente con materiali incompatibili (ad esempio le basi forti come l'idrossido di sodio) ed i metalli alcalini (il sodio e sue leghe). Non riponete mai il materiale contaminato da trielina in contenitori originali, e controllate periodicamente i recipienti per evitare delle fuoriuscite del composto. I contenitori di trielina devono essere aperti su una superficie stabile e, richiusi ermeticamente quando vengono depositati. Ricordate infine di disporre di attrezzature di emergenza adatte per eventuali incendi. Se praticate il fai da te ed il riciclo creativo, fate molta attenzione nell'impiegarla nelle fasi di trasferimento immagine o durante il decapaggio. Indossate guanti e mascherina e svolgete le attività all'aria aperta.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossate sempre le protezioni adeguate
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come incollare il legno

Il legno è un materiale versatile utile per essere impiegato in svariati modi: dall'arredamento di casa alla produzione di piccoli utensili, fino al fai-da-te e al modellismo. In quest'ultimo caso, per esempio, potremmo avere bisogno di incollare più...
Materiali e Attrezzi

Come restaurare un mobile laccato

Con il passare del tempo i mobili laccati invecchiano rovinandosi in superficie. Inoltre, se trascurati si accumulano strati di sporco grasso scurendosi molto. Ma prima di passare alle maniere dure, provate a portarli nuovamente in vita. Evitando così...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.