Come utilizzare bisolfato di sodio per le piante

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno di questa guida, vedremo come utilizzare correttamente il bisolfato di sodio per le piante e per le vostre opere di giardinaggio. In chimica, questo composto è anche chiamato sale inglese (Epsom salt). Tale nome, deriva dalla sua origine territoriale, ubicata nella città di Epsom, in Inghilterra, dove fu scoperto ed estratto per la prima volta. In agricoltura, questo sale viene utilizzato soprattutto in situazioni in cui le piante o i fiori manifestano una carenza di magnesio, molecola essenziale per il ciclo vitale della clorofilla. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • bisolfato di sodio
  • acqua calda
  • vaso
  • terra
  • piante
36

Iniziamo subito col dire che il bisolfato di sodio è un composto il cui utilizzo può abbracciare tutte le specie di fiori e piante, in quanto non ha particolari controindicazioni. Come prima cosa, teniamo puliti e ben disinfettati sia i vasi sia il terreno circostante delle nostre piante, in modo che il ciclo della respirazione si svolga nel miglior modo possibile. Se possediamo delle piante e dei fiori in vaso misceliamo, in un bicchiere di acqua calda, un cucchiaino di caffè di bisolfato, e dopo aver mescolato bene, imbeviamo un panno di tale soluzione e procediamo ad igienizzare i vari vasi dove poi andremo ad inserire la terra.

46

Successivamente, provvediamo subito alla cura ed alla pulizia delle foglie dei fiori e delle piante, sia che siano da appartamento o da coltivazione. Dopo aver preparato la soluzione di acqua calda e bisolfato nelle dosi spiegate in precedenza, (aumentiamole se necessario, ma sempre mantenendo le giuste proporzioni delle due soluzioni), prendiamo una spugna naturale ed imbeviamola nella miscelazione, quindi procediamo a lucidare le foglie e le parti lisce delle piante, in maniera uniforme. Quest'operazione è di fondamentale importanza, poiché il fogliame rappresenta per la pianta l'apparato respiratorio, necessario per mantenersi in salute ed a vivere per lungo tempo.

Continua la lettura
56

Il bisolfato di sodio è utilissimo anche per eliminare i parassiti nelle piante, specialmente in quelle spinose e di media altezza, come roseti e piante di genziane. In questo caso, mescoliamo per bene, un cucchiaio di bisolfato con circa mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva. In seguito, versiamo il composto in una bacinella con un po' d'acqua tiepida. Mescoliamo il tutto e, per agevolarci nell'operazione, travasiamo il liquido in uno spruzzino da giardiniere, che andremo poi ad erogare sulla pianta interessata. Tuttavia, facciamo molta attenzione a non spruzzare direttamente la soluzione sui fiori.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come irrobustire le piante

Il mondo così come lo conosciamo nasce da una lenta e ciclica fase di ossigenazione a cui le piante contribuiscono quotidianamente. Oggi sono sempre di meno le grandi foreste che ci permettono di annoverare sulla Terra dei grandi polmoni naturali di...
Giardinaggio

Come identificare le piante succulente

Le Piante succulente fanno parte della categoria di vegetali che crescono nelle zone aride. Esse vengono dette anche piante grasse e ne esistono un'infinità di specie. Questo genere di piante sono capaci di raccogliere tanta acqua per tanto tempo. Per...
Giardinaggio

Come creare la co2 per la coltivazione delle piante indoor

Se hai difficoltà nel creare l'anidrite carbonica che è necessaria nella grow box nella quale coltivi le tue piantine indoor e non vuoi spendere una cifra stratosferica per la realizzazione di un impianto di produzione di co2, questa guida è quello...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
Giardinaggio

10 piante adatte a zone con poco sole

Per rendere un terrazzo o un balcone decorativo è essenziale aggiungere delle piante. Questo, infatti, diventa un problema per chi vive in zone con poco sole. Ma, occorre sapere che esistono piante che vivono bene, anche con questo clima. Infatti, la...
Giardinaggio

Come propagare le piante di caprifoglio

Le piante di caprifoglio sono dei rampicanti facilmente riconoscibili per la loro folta presenza di foglie. Essendo dei generi di pianta che crescono spontaneamente, è possibile trovarle nelle siepi di tutto il nostro paese. Queste piante sono originarie...
Giardinaggio

Come concimare le piante acquatiche

Proprio come tutte le altre piante, anche quelle acquatiche hanno bisogno di essere concimate per essere in grado di prosperare in un giardino d'acqua. E proprio come le piante normali, ci sono diversi modi in cui si possono fertilizzare, con diversi...
Giardinaggio

Come accelerare la crescita delle piante

Coltivare le piante e farle crescere al meglio non è semplice e richiede sia pazienza sia passione. Per tutti gli amanti del verde far crescere le proprie piante è sempre motivo di orgoglio, ma bisogna conoscere profondamente le caratteristiche delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.