Come utilizzare il tabacco delle sigarette per curare le piante

Tramite: O2O 13/06/2016
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Sappiamo tutti che le sigarette fanno male e nuocciono gravemente alla salute dell'uomo ma non tutti sanno che la nicotina in esse contenute combatte insetti ed afidi delle nostre piante fungendo da ottimo insetticida.
In questa breve guida vedremo come creare un antiparassitario biologico fatto in casa utilizzando il tabacco delle sigarette per curare le piante del nostro giardino.

28

Occorrente

  • 4 sigarette
  • boccia con mezzo litro d'acqua e chiusura ermetica
  • velo o colino per il filtraggio
  • un nebulizzatore spray vuoto
38

Prendere 4 sigarette

L'elemento più importante da utilizzare delle sigarette è la nicotina contenuta nel tabacco. Essa infatti ha una funzione repellente nei confronti dei parassiti delle piante (piccoli insetti verdi o marroni che provocano deformazioni alle foglie o ai germogli, colorazioni e rallentano lo sviluppo e la fioritura delle nostre piante).

Quindi il primo passo da fare è prendere 4 sigarette, eliminare la carta esterna che le avvolge e recuperarne il tabacco che verrà inserito in una boccia di vetro contenente mezzo litro di acqua e completa di chiusura ermetica. Quello che dovremo preparare è una vera e propria macerata di tabacco.

48

Far macerare il tabacco

Il tabacco recuperato dalle sigarette va tenuto a macerare per non meno di due giorni circa nell'acqua. Passato il tempo necessario, aprite il contenitore e fate attenzione a non respirarne l'aroma perché non sarà molto gradevole e soprattutto perché è un concentrato di nicotina e non giova alla nostra salute.

Continua la lettura
58

Filtrare

Avete adesso la macerata di tabacco pronta, basta semplicemente filtrare con un velo oppure un colino il composto così ottenuto per renderlo pulito, privo di scorie ed utilizzabile attraverso un nebulizzatore spray. Va spruzzato sulle foglie e dove i parassiti si insidiano. Potrete vedere già i risultati dopo un paio di giorni al massimo. La nicotina ha la funzione di far allontanare gli afidi, insetti ed i parassiti in genere e di non farli più ritornare.

68

Comprarlo già pronto

Anche se realizzare la macerata di tabacco è semplice e non richiede ingredienti difficili da recuperare ed alla portata di tutte le tasche è bene che sappiate che è sempre un medicinale a base di nicotina. Addirittura alcuni agronomi sostengono che sia tossico.
Se non avete tempo e voglia di realizzarlo in casa potete trovarne una variante in commercio già pronto all'uso.

78

Non usare in presenza di api

Non utilizzate il prodotto in presenza di api perché la nicotina non gli fa di certo bene. È possibile che si arrechi danno a questi insetti molto utili. Qualunque tipo di insetticida va usato con la massima cura, attenzione e rispetto di ciò che ci circonda. La macerata di tabacco combatte i parassiti delle piante, allontana gli afidi ma non deve arrecare danno ad altri tipi di insetti che non danneggiano le nostre piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come combattere gli afidi con il tabacco

Tutte le persone che amano coltivare o che posseggono un giardino, devono, per forza di cose, affrontare il problema dei parassiti, ospiti involontari che minano la salute delle piante coltivate con tanta passione ed amore. Per questo motivo, nei passaggi...
Giardinaggio

Come curare le piante in primavera

La primavera è una bellissima mezza stagione che porta con sé un anticipo di estate. In questa stagione tutta la natura si sveglia e si respira aria di cambiamento: le giornate si allungano, il sole diventa gradualmente più caldo, le piante fioriscono,...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore

In questo periodo, le piante carnivore hanno raggiunto davvero l'apice della notorietà: infatti sono sempre di più le persone che si contornano di questi vegetali provenienti da Paesi davvero lontani ma poi, una volta a casa, sanno come comportarsi...
Giardinaggio

5 regole essenziali per curare le piante grasse

Le piante grasse sono le piante d'appartamento più diffuse. Non solo per le loro forme un po' particolari, ma anche per i colori vivaci e, soprattutto, riescono a sopravvivere anche in ambienti molto caldi. Inoltre, per curare le piante grasse non è...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
Giardinaggio

Come curare le piante epifite

Nelle nostre abitazioni sono sempre più diffuse guzmanie, achmeae, bromelie e orchidee, ma prendono piede anche bellissime felci australiane o africane appartenenti al genere Platycerium dall'accattivante foglia a corno d'alce. Queste piante prendono...
Giardinaggio

Come curare le piante affette da galle

Le galle delle piante sono escrescenze anomale provocate da insetti o da altri organismi come batteri, funghi e acari. Si tratta di formazioni tumorali che colpiscono le piante a vari livelli, radici, fusto, rami, foglie e fiori; in definitiva, tutte...
Giardinaggio

Rimedi naturali per gli insetti delle piante

Con l'arrivo della primavera e dei primi caldi le piante sono letteralmente assalite dagli insetti. Essi sono difficili da scovare perché sono molto abili a nascondersi. Bisogna aguzzare bene la vista perché questi animaletti si mettono tra i germogli....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.