Come utilizzare le parti di recupero di una lavatrice

Tramite: O2O 19/07/2016
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le lavatrici, come ogni altro elettrodomestico, prima o poi sono soggette a rotture o danneggiamenti. Molte volte si tratta di sostituire un piccolo pezzo e, con pochi euro, è possibile farlo riparare da un professionista. Quando invece la lavatrice è completamente andata e richiede troppi soldi per farla aggiustare allora conviene smontare alcuni pezzi che forse potrebbero essere riutilizzati. Cosa può essere utile tenere e, come utilizzare le parti di recupero di una lavatrice ce lo spiegheranno gli esaurienti passi di questa guida.

27

Occorrente

  • Una lavatrice non più funzionante
37

Senza dubbio, la prima cosa che può essere recuperata da una lavatrice rotta è il motore. Parte fondamentale dell'apparecchio, può essere soggetta a rotture principalmente dovute all'usura e al tempo. È una componente particolarmente ricercata, soprattutto dai professionisti che effettuano riparazioni. Se il motore della vostra lavatrice non è rotto, potreste venderlo a un prezzo interessante. Inoltre potrebbe essere impiegato per la costruzione di tanti utili attrezzi da lavoro, come una sega per il legno, un tagliaerba, un affilatore e altri ancora. Funziona a corrente alternata a 230 volt e, per poterlo riutilizzare, occorre metterlo in parallelo con un condensatore di rifasamento.

47

Un'altro pezzo utile che può essere recuperato da una lavatrice, è il vetro dell'oblò. Se non si può vendere come ricambio, può essere usato in modo alternativo per realizzare un piatto, un porta insalata o una bella zuppiera. Il tutto a costo zero. Un altro pezzo interessante è il cestello in acciaio inox. Esso può essere utilizzato per realizzare un braciere, un barbecue oppure un grande e divertente scolapasta, sfruttando i numerosi fori che presenta.

Continua la lettura
57

Vi sono altre cose che potete recuperare, per esempio il piano superiore dell'elettrodomestico, che può diventare un utile tavolo o un piano di lavoro/appoggio. Si possono inoltre recuperare anche la pompa dell'acqua e il termostato, con i quali si possono rispettivamente realizzare delle piccole fontanelle o dei controlli per l'acqua calda. Infine ricordiamo che tra le parti elettriche particolarmente utili vi è la resistenza elettrica, utilizzata per riscaldare l'acqua. Anche il pressostato può essere recuperato con successo. Ancora, si può prendere l'elettrovalvola che è utilizzabile in tanti ambiti idraulici.

67

Rimuovete e conservate anche la cinghia di trasmissione, utile per realizzare giocattoli e mezzi di trasporto per bambini. Vi sarete resi conto che, recuperare parti ancora integre/funzionanti di elettrodomestici è divertente ma, soprattutto, utile in ottica di riuso. Tuttavia, evitare lo spreco sta diventando un'esigenza e, un atto di rispetto nei confronti dell'ambiente. Se decidete di riutilizzare alcune componenti della vostra vecchia lavatrice, ricordate di smaltire correttamente presso una discarica autorizzata il resto dell'apparecchio per l'inquinamento ambientale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un presepe con legno di recupero

Quando il Natale si avvicina, si ha sempre voglia di realizzare piccoli lavoretti per abbellire la propria casa, magari anche con i bambini. Si ha voglia di immedesimarsi il più possibile nello spirito natalizio, si decora l'albero di Natale e non può...
Bricolage

Come realizzare un porta candele con materiali di recupero

Le candele sono l'elemento di arredo adatto per creare un'atmosfera romantica o, semplicemente, per dare un tocco di colore alla nostra casa. Sia le candele che i porta candele possono essere trovati in commercio molto facilmente. Per quanto riguarda...
Bricolage

Come realizzare un impianto per il recupero delle acque piovane

Le grandi industrie agricole, utilizzano l'acqua piovana per l'irrigazione dei campi, in modo da risparmiare sui costi di gestione dell'impianto idrico convenzionale. Il procedimento avviene in modo semplice ovvero per tracimazione diretta dell'acqua...
Bricolage

Come Realizzare Un Setaccio Con Materiale Da Recupero

I setacci possono essere utilizzati per separare sostanze diverse, come farina o sabbia. È possibile effettuare un setaccio in casa da qualsiasi cosa. Provate con vecchi contenitori di pastica, ciotole di polistirolo o cartoni delle uova. Considerate...
Bricolage

Come fare un mobile per lavatrice

Spesso per motivi di spazio, ci si ritrova a sistemare l'amata lavatrice in cucina. Di certo, anche se la tua lavatrice è moderna e super tecnologica, non è gradevole ritrovarsi di fronte un oblò gocciolante mentre si mangia. Questa guida ti aiuterà...
Bricolage

Come fare un tavolo da giardino con materiale da recupero

Se vogliamo arredare il giardino e scegliamo di farlo in modo economico ed ecosostenibile si possono riciclare i materiali di comune utilizzo. Essi danno la possibilità di realizzare tantissimi oggetti. Se abbiamo bisogno di un tavolo è possibile utilizzare...
Bricolage

Cosa fare se la lavatrice non scarica

Uno degli elettrodomestici immancabili nelle abitazioni delle persone è la lavatrice; nel corso degli anni si è evoluta e ha sviluppato in maniera esponenziale la parte elettronica a dispetto di quella meccanica; qualche anno fa infatti, era più semplice...
Bricolage

Come costruire un aquilone con materiali di recupero

Uno dei giochi che fa divertire i bambini di ogni parte del mondo e di tutte le epoche è l’aquilone, un volante colorato che si libra nell’ aria danzando col vento e rallegrando grandi e piccini. Un gioco povero e semplice, diventato ormai famoso,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.