Come Utilizzare Un Cacciavite Cercafase

Tramite: O2O 19/10/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ecco un' utile guida, mediante il cui aiuto poter essere capaci di imparare, anche da soli, come utilizzare, un cacciavite cercafase. Iniziamo subito questo articolo con lo specificare che il cacciavite cercafase è un economico strumento utilizzato per rilevare la presenza di tensione elettrica in qualsiasi tipo di circuito. Il suo aspetto è molto simile a quello di un giravite semplice e le differenze sono da ricercare tutte nella struttura interna. Anche se al giorno d'oggi i modelli tradizionali sono stati quasi del tutto sostituiti da quelli digitali, si rivela ancora efficace per testare la fase e il neutro di un impianto elettrico prima di procedere con i vari interventi. A tale proposito, ecco una guida su come utilizzare un cacciavite cercafase. Buona lettura e buon lavoro!

27

Occorrente

  • Un cacciavite cercafase
  • Un cavo elettrico da testare
  • Guanti isolanti
37

Disattivazione del quadro elettrico

L'utilizzo del cacciavite cercafase è intuitivo. La prima operazione da fare, consiste nel disattivare il quadro elettrico onde evitare scariche di corrente. Successivamente, individuare i cavi interessati nel circuito e rimuovere la guaina protettiva. Impugnare quindi il cacciavite tenendo il pollice sulla piastrina posizionata sul manico e dirigersi con la punta metallica del tester sul conduttore da esaminare. Durante questa fase, chi utilizza il cacciavite funge da conduttore per la messa a terra e l'eventuale tensione elettrica trasmessa dal filo al cacciavite viene scaricata al suolo proprio dal corpo di chi sta effettuando il test.

47

Controllo dello strumento

A questo punto, se il filo è attraversato da corrente elettrica, la lampadina al neon del cacciavite dovrebbe illuminarsi, segnalando così una variazione di tensione. Se ciò non dovesse accadere, assicurarsi che il range del cacciavite utilizzato sia adatto all'impiego richiesto. Per chi è alle prime armi, inoltre, si consiglia di testare lo strumento prima su circuiti a basso voltaggio, sfruttando l'alta sensibilità del cacciavite e la sua capacità di illuminarsi anche con basse tensioni, di indossare sempre un paio di guanti isolanti e, nel caso ce ne sia la possibilità, utilizzare un cercafase digitale di ultima generazione.

Continua la lettura
57

Rilevazione di perdite

A margine di questa guida, sempre in riferimento all'uso corretto del cacciavite cercafase è importante sottolineare che lo strumento serve anche per rilevare alcune perdite; infatti, specie in presenza di tubazioni dell'acqua, si potrebbero verificare delle piccole scosse elettriche dovute all'errato posizionamento del filo neutro di un impianto e che scarica a massa. Il cacciavite cercafase in tal caso basta appoggiarlo alla condotta idrica e rilevare (se la piccola luce interna si accende), la presenza di anomala energia elettrica. E quindi provvedere a mettere l'impianto in totale sicurezza.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come creare una parete porta attrezzi

Avete deciso di mettere ordine al vostro banco da lavoro e smettere di impazzire nel cercare una semplice chiave a brugola o un cacciavite? Con questa semplice guida vedremo come creare una parete porta attrezzi e soddisfare il vostro senso dell’ordine...
Bricolage

Come installare un boiler a parete

Il boiler o scaldabagno è un apparecchio a gas/elettricità in grado di riscaldare l'acqua per uso domestico e può essere di tipo istantaneo o ad accumulo. Le tipologie di boiler ad accumulo per impiego casalingo sono in prevalenza elettrici e hanno...
Bricolage

Come rimuovere i pensili

I pensili sono degli oggetti sospesi a mezz'aria, che grazie a varie tecniche non hanno bisogno di pilastri o sostegni che si trovino al di sotto della loro struttura. Tali oggetti hanno la funzione di essere luogo d'appoggio per degli oggetti di varia...
Bricolage

Come fare una mensola di legno

Le mensole in legno si rivelano molto utili per sistemare oggetti di ogni tipo. Vi si possono collocare dei libri, scolastici e non, enciclopedie, ma anche collezione di ninnoli, soprammobili o quant'altro e, la loro particolarità è che, pur lasciando...
Bricolage

Come fare vasi con tappi di sughero

Ognuno di voi avrà, molto probabilmente, in casa o in cantina, qualche tappo di vino o di spumante rimasto inutilizzato: e allora, che ne dite di servirvene per realizzate degli oggetti unici con un particolarissimo tipo di riciclo creativo? Con i tappi...
Bricolage

Come montare le cerniere sui pensili

Quante volte nell'acquistare dei mobili “low cost” ci imbattiamo nel temibile “fai da te” e, armati di cacciavite, trapano e istruzioni, dobbiamo dedicarci nel montaggio completo del mobile della cucina, della sala, o della vostra camera da letto....
Bricolage

Come montare un deviatore

La casa perfetta è quella in cui si ha tutto a portata di mano. Per rendere gli ambienti della casa davvero confortevoli bisogna disporre con attenzione i mobili e gli interruttori della luce. La posizione degli interruttori e la disposizione dei mobili...
Bricolage

Come avvitare su una superficie di legno

Senza ombra di dubbio, il legno è uno dei materiali più utilizzati per il fai da te, sia in casa che fuori, dal momento che ben si abbina non solo a qualsiasi tipo di arredamento, ma anche a qualsiasi tipologia di necessità ed è facile da lavorare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.