Come utilizzare un imbuto separatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per separare due liquidi o per fare dei distillati si ha bisogno di un oggetto chiamato "imbuto separatore". Si tratta essenzialmente di un accessorio molto utilizzato nel settore chimico, costituito normalmente da un corpo conico di vetro a forma di pera, con un rubinetto e un tappo sulla parte superiore. La forma consente la netta separazione di due strati liquidi, grazie ad una piccola divisione sulla parte bassa. Anche se sembra molto facile da usare, ci sono tuttavia alcuni punti importanti che devono essere considerati prima di iniziare la separazione di due liquidi come ad esempio olio ed acqua. Il tappo sulla parte superiore può essere in vetro o di teflon. È indispensabile che quest'ultimo aderisca bene, in modo che la soluzione non fuoriesca quando l'imbuto di separazione viene capovolto. Se il tappo è liscio anziché smerigliato, per farlo aderire fate uso di una piccola quantità di grasso per ottenere una migliore tenuta. Il tappo deve poi essere rimosso quando si inseriscono i liquidi, ma per evitare la formazione di un vuoto d'aria potete utilizzare una siringa con cui si aspira l'aria. Vediamo dunque insieme come utilizzare nello specifico un imbuto separatore.

26

Occorrente

  • Acqua
  • Olio
  • Imbuto separatore
36

Effettuare test preparatori

Come prima cosa eseguite dei test preparatori. La cosa più importante da fare è sospendere l'imbuto separatore su un anello di ferro (acquistabile in un centro di fornitura per chimici), mentre il rubinetto è chiuso. Rimuovete poi il tappo e versate circa 20 ml di olio e altrettanti di acqua. A questo punto potete aprire il rubinetto per far scorrere il liquido oleoso. Questo test è importante per evitare che si presentino problemi quando sono già stati inseriti i prodotti da separare.

46

Eseguire la separazione

Successivamente aggiungete la quantità di acqua ed olio che intendete separare, evitando di riempire tutto l'imbuto e fermandoci a metà. Agendo lentamente, prendete l'imbuto e fatelo ruotare sul sostegno fino a capovolgerlo. Durante questa fase, si nota subito un sibilo, che vi farà capire che la pressione è diventata nulla. A questo punto potete chiudere il rubinetto e scuotere l'imbuto delicatamente, facendo attenzione a non emulsionare troppo i componenti.

Continua la lettura
56

Versare le due soluzioni in contenitori separati

Soltanto adesso, dopo che avete ottenuto la separazione di acqua ed olio, avete la possibilità di procedere versandoli in contenitori separati, rimuovendo il tappo. Ricordate sempre che se state utilizzano solventi a basso punto di ebollizione, come l'alcool per fare dei distillati, si genererà un significativo accumulo di pressione che dovrà essere totalmente eliminata, per evitare che ostruisca la lenta tracimazione del liquido nella base larga che funge da raccoglitore.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il tappo è liscio anziché smerigliato, per farlo aderire fate uso di una piccola quantità di grasso per ottenere una migliore tenuta.
  • Leggere attentamente la guida.
  • Questa guida è redatta a solo scopo informativo, perciò chiedete sempre suggerimento a persone esperte nel settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come installare un pluviale circolare

Se per la nostra casa e precisamente in prossimità del tetto, intendiamo installare un pluviale per la raccolta e lo smistamento delle acque piovane, è importare sapere che in commercio oltre ai vecchi modelli dalla tipica forma ad imbuto, ce ne sono...
Materiali e Attrezzi

Come Ottenere L'Acqua Di Calce

Ci sarà sicuramente capitato, di aver bisogno di un particolare composto e generalmente in questi casi preferiamo acquistarlo in appositi negozi, già pronto per essere utilizzato. Una valida alternativa è quella di provare a prepararlo con le nostre...
Materiali e Attrezzi

Come staccare un oggetto di argilla secco dal gesso

Staccare un oggetto di argilla secco dal gesso non è affatto difficile, se tutta la procedura precedente è stata eseguita nel modo corretto. Riassumerò allora brevemente le tappe precedenti. La tecnica è quella famosa del colaggio, per cui si fa la...
Materiali e Attrezzi

Come costruire una sabbiatrice da banco

La sabbiatrice da banco è un'apparecchiatura utilizzata per levigare, pulire e sagomare superfici dure. La sabbiatura viene effettuata raschiando la superficie di un qualsiasi oggetto per favorire la preparazione prima della verniciatura o dell'incollaggio....
Materiali e Attrezzi

Come costruire un aspiratrucioli

Se non siete dei falegnami professionisti, ed utilizzate il vostro laboratorio solo come hobby, allora la cosa migliore da fare sarebbe quella di costruire un aspiratrucioli fai da te. La costruzione di questo apparecchio, vi consentirà di risparmiare...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare lo sturalavandini a pressione

Lo sturalavandini è un attrezzo molto utile ed è presente nelle case degli italiani ormai da decenni. Il suo unico scopo è quello appunto di sturare i lavandini. Capota spesso infatti che le tubature dei lavandini si intasino a causa di calcare, residui...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare una piscina in vetroresina

Una piscina è una piscina, come un diamante è un diamante: ambedue oggetti del desiderio ed emblemi inossidabili di lusso. Ma a parte lo status che evoca, una piscina detiene anche il pregio di essere rinfrescante, vivibile e adatta a praticare il più...
Materiali e Attrezzi

Come costruire uno scacciazanzare

Durante l'estate gli abiti più corti, sia per gli uomini che per le donne, sono un must per sopravvivere alla calura. Ma che dire delle zanzare che prendono d'assalto la pelle scoperta? Pizzichi e gonfiori non sono solo sgradevoli alla vista, ma causano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.