Come verificare una termocoppia con il multimetro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In casa possono verificarsi diverse situazioni in cui può essere utile misurare una termocoppia con il multimetro. Per fare questa operazione, se non siete esperti, potete chiamare un tecnico, ma con un po' di sano fai da te ed i consigli giusti è possibile svolgere qualsiasi tipo di lavoretto o misurazione. Le termocoppie sono abbastanza economiche ed inoltre riescono a misurare diversi tipi di temperature: questo le ha fatte diventare uno degli strumenti più utilizzati per svolgere una varietà di operazioni e misurazioni. Uno dei più grandi difetti delle termocoppie, è che non riescono ad essere totalmente precise: possono esserci degli errori di circa un grado. In questa guida vi forniremo alcuni utili consigli su come verificare una termocoppia con il multimetro.

26

Eseguire il primo test

Per la verifica della temocoppia va bene sia un multimetro analogico che digitale. Estraete la termocoppia dall'apparecchio, assicurandovi sempre di rispettare tutti i protocolli di sicurezza. Utilizzate dei guanti isolanti per evitare folgorazioni. Non c'è da scherzare con queste apparecchiature. Mediante tre prove diverse verificate la termocoppia. Eseguite il primo test, a circuito chiuso. Attivate la modalità di resistenza del multimetro, misurata in Ohm. Collocate i boccali nero e rosso del multimetro sui due connettori della termocoppia.

36

Leggere i dati

A questo punto il circuito è chiuso e il multimetro emette un segnale acustico e dà una piccola lettura di resistenza. Se invece il multimetro indica una lettura "OL" allora il circuito è aperto e la termocoppia è rotta. Oppure, se la resistenza risulta alta, con un valore oltre i 30/40 Ohm, la termocoppia ha perso la propria validità, può causare problemi e va cambiata.

Continua la lettura
46

Effettuare il secondo test

Cambiate la funzione del tester per effettuare il secondo test, a circuito aperto. "Shiftate" sulla funzione del voltaggio di corrente, su "mV". Inserite un puntale in un connettore e l'altro puntale nella valvola del gas. Riscaldate con una fiammella il connettore libero fino ad arrivare sul display fra i 25 e i 30 mV e verificate se avviene la lettura. Se avviene a voltaggio più basso sostituite la termocoppia.

56

Concludere con l'ultimo test

Per concludere effettuate il terzo test. Verificate il voltaggio posizionando una clip dal multimetro al lato della termocoppia. Attaccate l'altro morsetto alla vite laterale all'adattatore. Un valore sotto i 12 mV indica che la termocoppia va cambiata. Ricordate di effettuare la manutenzione dei vostri apparecchi regolarmente.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come scegliere un multimetro

Il multimetro è uno strumento che serve per la misurazione di alcuni valori importanti come la resistenza, l'intensità di corrente e la tensione espressa in Volt. Tali operazioni vengono effettuate tramite due puntali, di cui uno rosso (positivo) ed...
Materiali e Attrezzi

Come verificare il funzionamento di una bobina

A tutti noi è capitato nella vita di avere problemi con la propria automobile: piccoli imprevisti che possono accadere, per scarsa manutenzione o per l'usura del tempo. Uno degli imprevisti che capita spesso è quello di avere problemi con l'accensione...
Materiali e Attrezzi

Come verificare un fusibile termico

Quando un elettrodomestico smette di produrre calore, un elemento riscaldante subentra immediatamente nella lista dei sospetti. Ma prima di prendervi la briga di sostituire un elemento riscaldante, testate il fusibile termico dell'apparecchio, un dispositivo...
Materiali e Attrezzi

Come ridurre il voltaggio in un alternatore

Ridurre la tensione (voltaggio) di uscita di un alternatore è molto importante al fine di salvaguardare la batteria dell'automobile. Questa, infatti, può incorrere in un sovraccarico e, in questo caso, si renderebbe necessariamente fondamentale sostituita....
Materiali e Attrezzi

Come controllare la corrente in uscita in un alternatore

L'alternatore costituisce un elemento fondamentale per l'intero impianto elettrico della vostra automobile. Naturalmente, può capitare che qualcosa non funzioni correttamente, compromettendo così la normale ed efficace funzionalità della vostra auto....
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un voltmetro

Un voltmetro, conosciuto anche come multimetro, è uno strumento molto utile che può essere utilizzato facilmente anche da coloro non hanno tanta dimestichezza in materia di elettrotecnica. Questo strumento viene impiegato per diagnosticare una vasta...
Materiali e Attrezzi

Come testare un fusibile di ceramica

Insieme ai fusibili in vetro, quelli in ceramica sono tra i più comunemente utilizzati negli elettrodomestici, in particolar modo nei forni a microonde, i quali sono inclini a corto circuito causato da fluttuazioni di tensione. La presenza di un fusibile...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la pinza amperometrica

Uno strumento di misurazione dell'intensità di corrente davvero pratico è la pinza amperometrica. Si usa in particolare per stabilire l'intensità di corrente all'interno di un filo conduttore. La sua comodità si può determinare in due fattori precisi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.