Come verificare una termocoppia con il multimetro

Tramite: O2O 17/08/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

In casa possono verificarsi diverse situazioni in cui può ritornare utile misurare una termocoppia con il multimetro. Per eseguire questa operazione se non siete degli esperti ma avete comunque un minimo di praticità nel fai da te, potete procedere seguendo alcuni suggerimenti che troverete elencati nei passi successivi della presente guida. Le termocoppie sono abbastanza economiche ed inoltre riescono a misurare diversi tipi di temperature; infatti, questo le ha fatte diventare uno degli strumenti più utilizzati per svolgere una varietà di misurazioni e test. Uno dei più grandi difetti delle termocoppie, è che non riescono ad essere totalmente precise, ma possono presentare degli errori di circa un grado. Premesso ciò, ecco dunque come verificare una termocoppia con il multimetro eseguendo tre test specifici.

27

Occorrente

  • Multimetro
  • Adattatore
37

Eseguire il test a circuito chiuso

Per la verifica della termocoppia va bene sia un multimetro di tipo analogico che digitale. Detto ciò, per prima cosa estraete la termocoppia dall'apparecchio assicurandovi di rispettare tutti i protocolli di sicurezza. Per questo motivo è sempre opportuno utilizzare dei guanti isolanti per evitare folgorazioni. A questo punto, potete procedere eseguendo il primo test a circuito chiuso. Nello specifico attivate la modalità di resistenza del multimetro misurata in Ohm, dopodichè collocate i puntali nero e rosso dell'apparecchio sui due connettori della termocoppia.

47

Leggere il valore della termocoppia

Dopo aver eseguito la suddetta misurazione a circuito chiuso, è importante leggere il valore della resistenza della termocoppia. In tal caso se il multimetro è di tipo digitale emette un segnale acustico e nel contempo indica una lettura numerica del valore di resistenza. Se invece indica una lettura contrassegnata dalla sigla "OL" allora significa che il circuito è aperto e quindi la termocoppia è rotta e va sostituita. Inoltre è importante sottolineare che se la resistenza risulta eccessivamente elevata ovvero con un valore che supera di gran lunga i 30/40 Ohm, ciò sta a significare che la termocoppia non è più in grado di interagire e quindi va perciò cambiata con una ex novo.

Continua la lettura
57

Effettuare la rilevazione a circuito aperto

A questo punto della guida come accennato in fase introduttiva possiamo procedere con un altro dei funzionali tre test che ci indicheranno lo stato di efficienza della termocoppia. Nello specifico cambiamo la funzione del tester per effettuare la rilevazione a circuito aperto. La manopola del lettore va quindi spostata sulla funzione voltaggio e precisamente su"mV". Fatto ciò, inseriamo un puntale in un connettore e l'altro nella valvola del gas. A questo punto riscaldiamo con una leggera fiammella il connettore libero, fino ad arrivare sul display fra i 25 e i 30 mV e verificare se avviene la lettura. Se quest'ultima presenta un voltaggio inferiore allora la termocoppia va necessariamente sostituita.

67

Prendere un adattatore a 12 Volt

Per concludere la nostra guida parliamo del terzo test da effettuare con un multimetro per verificare l'efficienza di una termocoppia. In questo caso il voltaggio lo possiamo testare posizionando un puntale del multimetro su di un lato della termocoppia. Fatto ciò, prendiamo un adattatore a 12 Volt e vi attacchiamo l'altro morsetto. Un valore inferiore a questa misura ci indica che la termocoppia va cambiata, in quanto non più in grado di raggiungere il voltaggio necessario per funzionare correttamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come verificare il funzionamento di una bobina

A tutti noi è capitato nella vita di avere problemi con la propria automobile: piccoli imprevisti che possono accadere, per scarsa manutenzione o per l'usura del tempo. Uno degli imprevisti che capita spesso è quello di avere problemi con l'accensione...
Materiali e Attrezzi

Come ridurre il voltaggio in un alternatore

Ridurre la tensione (voltaggio) di uscita di un alternatore è molto importante al fine di salvaguardare la batteria dell'automobile. Questa, infatti, può incorrere in un sovraccarico e, in questo caso, si renderebbe necessariamente fondamentale sostituita....
Materiali e Attrezzi

Come controllare la corrente in uscita in un alternatore

L'alternatore costituisce un elemento fondamentale per l'intero impianto elettrico della vostra automobile. Naturalmente, può capitare che qualcosa non funzioni correttamente, compromettendo così la normale ed efficace funzionalità della vostra auto....
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un voltmetro

Un voltmetro, conosciuto anche come multimetro, è uno strumento molto utile che può essere utilizzato facilmente anche da coloro non hanno tanta dimestichezza in materia di elettrotecnica. Questo strumento viene impiegato per diagnosticare una vasta...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la pinza amperometrica

Uno strumento di misurazione dell'intensità di corrente davvero pratico è la pinza amperometrica. Si usa in particolare per stabilire l'intensità di corrente all'interno di un filo conduttore. La sua comodità si può determinare in due fattori precisi....
Materiali e Attrezzi

Come testare un fusibile di ceramica

Insieme ai fusibili in vetro, quelli in ceramica sono tra i più comunemente utilizzati negli elettrodomestici, in particolar modo nei forni a microonde, i quali sono inclini a corto circuito causato da fluttuazioni di tensione. La presenza di un fusibile...
Materiali e Attrezzi

Come misurare un condensatore elettrolitico

L'elettronica tra i suoi svariati rami oltre a diversi tipi di circuiti misurati in Volt o in Ampere, ci propone anche alcuni particolari elementi come ad esempio il condensatore elettrolitico. Si tratta nello specifico di un'armatura metallica, che agisce...
Materiali e Attrezzi

Come trovare una dispersione nell'impianto elettrico

Molto spesso capita che in casa l'impianto elettrico crei problemi; infatti, oltre ai costi delle bollette piuttosto alti, si possono verificare continue interruzioni di energia, oppure il salvavita salta in continuazione. Tale condizione, potrebbe essere...