Come verniciare la ghisa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La ghisa è una lega che contiene un'alta concentrazione di carbonio e in minima parte di ferro; di solito viene utilizzata per le lavorazioni e i trattamenti a caldo dei materiali e oggetti ferrosi. Ha una durata maggiore all'acciaio nel processo di abrasione, in quanto è più resistente per composizione, ma ha molta più fragilità durante la fase di lavorazione, quindi permette poco margine di errore. La ghisa è molto utilizzata all'interno delle case e nel corso degli anni, è stata protagonista di svariati trattamenti. A tal proposito, attraverso i passi di questa interessante guida scopriremo come trattare e verniciare la ghisa, per ridare nuova vita agli oggetti così costruiti, come ad esempio i termosifoni.

26

Stacchiamo i termosifoni dai supporti al muro

Innanzitutto, stacchiamo i termosifoni dai supporti ancorati al muro, precedentemente svuotati dall'acqua al suo interno; questa operazione è fondamentale, per evitare che fuoriesca acqua ma soprattutto per alleggerire il peso alquanto sostenuto. Capita spesso che in superficie si presentino delle evidenti imperfezioni, o dei punti rovinati, come detto la ghisa subisce velocemente il processo di abrasione, allora sarà necessario utilizzare della carta vetrata, per eliminare le imperfezioni, ma anche eventuali attacchi di ruggine, oppure per rimuovere la vecchia vernice.

36

Laviamo accuratamente la superficie del termosifone

Eliminiamo, adesso, le parti visibili che mostravano questi segni, lavando accuratamente la superficie per togliere ogni eventuale residuo di sporco o grasso, con l'ausilio di acqua e ammoniaca o di un pulitore a vapore che sciolga adeguatamente la sporcizia. Ripulita tutta la superficie del termosifoni di ghisa, si può procedere con la verniciatura vera e propria. Soffiamo i residui di polvere rimossi dalla ghisa e dopo aver pulito la superficie in ghisa, passiamo almeno due mani di smalto antiruggine.

Continua la lettura
46

Passiamo lo smalto antiruggine

Soffiamo i residui di polvere rimossa dalla ghisa e dopo aver pulito la superficie in ghisa, passiamo lo smalto antiruggine. Per un lavoro ottimale è meglio sempre darne due mani. Attendere 24 ore che si asciughi l'antiruggine per procedere con la verniciatura. Come tipologia di vernice usiamo uno smalto all'acqua servendoci di un pennello oppure uno spruzzatore. Diluiamo lo smalto in maniera ottimale, questo perché nel primo caso si deve dare troppe passate per ricoprire bene la superficie, nel secondo caso invece potrebbe formarsi uno strato non uniforme simile alla buccia d'arancia che ci potrebbe risultare antiestetico.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come verniciare i tubi di ghisa

La ghisa (denominata anche fino all'800 "ferraccio") è una lega composta da un'elevata concentrazione di carbonio e una piccola parte di ferro; solitamente essa è impiagata per le lavorazioni e i trattamenti a caldo dei materiali e oggetti ferrosi....
Materiali e Attrezzi

Come filettare la ghisa

La ghisa, come il ferro battuto e l'acciaio, è una lega formata da ferro e carbonio. È una lega contenente dal 2% al 4% di carbonio, nonché quantitativi variabili di silicio e di manganese e tracce di impurità quali zolfo e fosforo. Resistente, malleabile...
Materiali e Attrezzi

Proprietà termiche della ghisa

La ghisa è una lega ferrosa che si ottiene trattando a caldo i minerali del ferro. Questa lega trova una vasta utilizzazione in molteplici settori, in quanto ha delle proprietà davvero molto importanti. Una di queste è rappresentata dalla sua elevata...
Materiali e Attrezzi

Come saldare la ghisa sferoidale

I metalli presenti in natura sono molteplici e, grazie all'intervento dell'uomo e allo sviluppo delle tecnologie industriali, sono variamente combinati per ottenere materiali di particolare qualità. La ghisa sferoidale ne è un esempio, con le sue caratteristiche...
Materiali e Attrezzi

Come proteggere la ghisa dalla ruggine

La ghisa è un materiale molto resistente alle alte temperature e pertanto viene impiegato in molti modi diversi: per realizzare le piastre per le stufe, per i dischi dei freni delle automobili, per i termosifoni, per le padelle comunemente usate in cucina...
Materiali e Attrezzi

Come fondere la ghisa

Apprendere nuove tecniche e nuovi modi per sapersi confrontare con il mondo è un obiettivo molto importante. Molti infatti hanno bisogno di accrescere le proprie competenze per poter far fronte a determinate necessità. Infatti, soprattutto in periodi...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere la ruggine dalla ghisa

Quasi tutti i materiali sono attaccabili dall'ossigeno contenuto dall'aria. La reazione che questo gas provoca su alcuni metalli in ambienti umidi è l'ossidazione. Gli ossidi rovinano l'aspetto degli oggetti e spesso ne intaccano la resistenza metallica....
Materiali e Attrezzi

Come verniciare un vecchio radiatore

La manutenzione della propria abitazione è fondamentale se non si vuole incorrere in problematiche anche piuttosto gravi. Il periodo estivo è quello migliore per eseguire dei lavoretti, soprattutto tutti quei lavori che richiedono una verniciatura....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.