Come verniciare un vecchio calorifero

Di: Anna M.
Tramite: O2O 11/07/2019
Difficoltà: media
17
Introduzione

Come di consueto, l'arrivo dell'estate rappresenta l'occasione perfetta per occuparsi di alcuni lavori di manutenzione e restyling della propria abitazione. Tra questi, c'è certamente la possibilità di verniciare i caloriferi delle stanze, magari non più funzionanti e, quindi, pronti per un rinnovo. Questa pratica è davvero fattibile e semplice da mettere in atto. Basterà semplicemente prestare attenzione alle operazioni preliminari e munirsi dei giusti strumenti per il lavoro. Continuate la lettura e vi spiegheremo, passo dopo passo, come verniciare un vecchio calorifero, senza vanificare tempo e soldi.

27
Occorrente
  • Carta da giornale
  • Acqua
  • Ammoniaca
  • Spazzola metallica
  • Smalto antiruggine
  • Smalti per termosifoni
  • Pennello piatto
  • Pennello con manico lungo e forma angolata
  • Bombolette spray o pistole ad aria compressa
  • Strumenti per carteggiatura
37

Gli strumenti

Bisognerà optare per uno smalto fatto appositamente per i radiatori che sia resistente alle alte temperature e agli sbalzi termici. Se lo smalto non è di buona qualità, tenderà a scrostarsi dopo pochi mesi. È possibile dare lo smalto o con il pennello, scegliendone uno piatto per le superfici piane e uno col manico lungo e dalla forma angolata per le fessure, oppure a spruzzo con bombolette spray o pistole ad aria compressa. In base al materiale con cui è composto il termosifone (ghisa o alluminio), si dovrà procedere diversamente e procurarsi vernici differenti. Gli smalti migliori sono quelli a base di resina alchidica modificata, pensati per le superfici metalliche interne. Si distinguono per un'essiccazione rapida ed sono ideali per essere applicati sia con pennello che a spruzzo senza dover essere diluito. Gli smalti all'acqua sono adatti sia per la ghisa che per il ferro che per l'alluminio: vanno applicate due mani a distanza di 24 ore l'una dall'altra e intervallate da una lieve carteggiatura. Gli smalti idrodiluibili, a base di resine acriliche, invece, servono per finiture satinate, sono inodori, adatti per gli interni, resistono bene alle alte temperature, sono lavabili, coprono facilmente i punti difficili, resistono all'ingiallimento e hanno un'essiccazione veloce.

47

Le operazioni preliminari

Se necessario, dovrete smontare i radiatori: se il riscaldamento è autonomo, prestate attenzione a chiudere i rubinetti superiori e inferiori, e svuotare l'acqua rimanente; se il riscaldamento è centralizzato, dovrete parlare con l'amministratore del condominio per lo svuotamento prima di smontarlo. La prima cosa che bisogna fare è proteggere le superfici (pavimento, muro e i mobili circostanti) intorno al calorifero per evitare di sporcarle usando della carta di giornale, specialmente se opterete per la vernice a spruzzo la quale è molto più efficace della vernice canonica, però sporca tantissimo. Poi controllate in che stato è la vernice: se non è troppo usurata, potete lavarla con acqua e ammoniaca, dopodiché fare una leggera carteggiatura in modo che la vernice aderisca meglio; se la superficie è arrugginita, allora dovrete riportare la verniciatura allo stato grezzo con una spazzola metallica e adoperare uno smalto antiruggine. Ora potete passare alla vera e propria verniciatura.

Continua la lettura
57

La verniciatura

Se volete applicare la vernice col pennello, dovrete fare attenzione alla consistenza in modo che non cada troppo: vi converrà partire dai fianchi per passare al retro e, infine, alla parete più esterna. Una volta che avrete passato la prima mano di smalto, occorrerà lasciarla asciugare (in genere, ci vorranno almeno 4 o 5 ore) ed, eventualmente, dare una leggera carteggiatura prima di applicare la seconda mano. Per un risultato più che soddisfacente, sarebbe buona cosa che l'ambiente in cui si esegue il lavoro abbia una temperatura non inferiore ai 10°C e non superiore ai 35°C. Se, invece, volete applicare la vernice con la bomboletta, dovrete cercare di avere la mira il più precisa possibile, in quanto basta anche una piccola corrente d'aria per deviare il getto. La cosa ideale sarebbe disporre di un compressore e un applicatore a pistola con un ugello adatto ai caloriferi. Se usate bombolette spray, sostituite l?ugello di uscita standard con uno appositamente comperato per verniciare i radiatori. Valutate se dare una seconda mano di vernice spray.

67
Guarda il video
77
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Sarebbe bene dare due mani di smalto antiruggine facendo bene attenzione a lasciare asciugare la prima stesura prima di dare la seconda. A questo punto, una volta asciugato del tutto lo smalto antiruggine che potrà metterci anche 24 ore, si può passare alla verniciatura vera e propria con gli smalti ad hoc.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come verniciare un termosifone arrugginito

La ruggine è un problema che affligge i termosifoni in ghisa, al contrario di quelli in metallo. Quando ciò accade, i caloriferi diventano antiestetici e potrebbe rivelarsi necessario ristrutturarli eliminando qualsiasi traccia di ruggine. Dopodiché...
Bricolage

Come verniciare un rubinetto

La casa rappresenta il luogo dove riponiamo i nostri pensieri, ma soprattutto dove ci si può rilassare. Le stanze vengono arredate in base al proprio gusto personale. Infatti bisogna scegliere il proprio stile. Quando vi sussiste un problema inerente...
Bricolage

10 idee per rinnovare un vecchio comodino

Volete dare un tocco di colore e originalità a un vecchio comodino presente nella vostra stanza? Sappiate che non serve comprarne uno nuovo, basta solo ingegnarsi con la fantasia e con piccoli interventi fai da te. Non ci credete? Allora proseguite nella...
Bricolage

Come verniciare con la vernice spray

Dovete verniciare su plastica, legno o metallo, e non sapete come procedere? Sicuramente la soluzione più immediata è utilizzare la vernice spray. Si tratta di classiche bombolette le quali se usate in maniera corretta possono risultati eccellenti,...
Bricolage

Come utilizzare un vecchio mobile per un lavabo

Il bagno è un ambiente fondamentale della casa. All'interno di esso vengono posizionati doccia, vasca, bidet e lavabo. Ognuno di questi accessori viene assegnata una posizione ideale. Per poi istallarli nella stanza e collegarli all'impianto idrico....
Bricolage

Come verniciare il legno di faggio

Quello di faggio è un legno molto popolare, utilizzato nella costruzione di armadi e mobili per merito anche del suo costo relativamente basso. È anche molto facile da lavorare e può essere verniciato per farlo somigliare ad altri tipi di legno più...
Bricolage

Come verniciare con le bombolette

Grazie alle bombolette spray che si trovano in commercio presso vari negozi di ferramenta, è possibile verniciare in modo molto preciso qualunque materiale. La tinta in bomboletta è un prodotto di alta qualità, davvero pratico e non troppo costoso.Utilizzare...
Bricolage

Come verniciare a spruzzo con il compressore

Quando è necessario verniciare oggetti di vario genere, che siano essi di piccole o grosse dimensioni, è possibile utilizzare un compressore per ridurre drasticamente il tempo richiesto. Difatti, che si debbano verniciare elettrodomestici, pareti o...