Consigli per la coltivazione dei tenerumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Forse non tutti sanno che da un tipo particolare di zucchine aventi un aspetto filiforme, si utilizzano anche le foglie per scopi culinari; infatti, questa specie appartenente anch'essa alla famiglia delle Cucurbitaceae è molto diffusa in Sicilia, ed in particolare viene utilizzata per la preparazione di piatti a base di pasta. Nei passi successivi di questa lista, diamo alcuni consigli per la coltivazione dei tenerumi.

26

Seminare i tenerumi nel periodo adatto

La semina dei tenerumi avviene in terrapieno, in primavera o in estate a seconda se sono stati inseriti nel semenzaio ad ottobre o a marzo. Seminare i tenerumi nel periodo adatto, è indispensabile per rispettare i tempi di raccolta. Nello specifico i semi vanno interrati a circa 2 centimetri di profondità, e ad una distanza di almeno un metro tra ogni fila.

36

Usare un terreno ricco di sostanze organiche

Le zucchine in genere così come i tenerumi, preferiscono crescere rigogliosi nei climi decisamente temperati e poco ventosi. I terreni da usare devono essere ricchi di sostanze organiche, profondi, di tipo sciolto e soprattutto ben drenato; infatti, in riferimento a quest'ultimo, l'apparato radicale piuttosto delicato con eventuali ristagni d'acqua, potrebbe marcire irrimediabilmente.

Continua la lettura
46

Inserire concimi specifici

Un consiglio importante per la coltivazione dei tenerumi, è quello che riguarda la concimazione e le eventuali cure. La prima si basa in genere su un composto di tipo letamico che va inserito nel terreno dell'orto ad almeno 30 centimetri di profondità, per cui è chiaro che nei periodi precedenti alla semina, il letto va zappato ed irrigato costantemente. Per quanto riguarda le cure non ce ne sono di specifiche, anche se per renderlo maggiormente fertile e con un PH leggermente acido, è opportuno periodicamente aggiungere un terriccio di medio impasto.

56

Proteggere i tenerumi dalle avversità

Come per la maggior parte delle Cucurbitaceae, anche i tenerumi devono essere protetti dalle avversità, che possono essere di carattere ambientale o a seguito di infestazione di parassiti. In entrambi i casi, è importante irrigare il suolo, mescolando alla normale acqua anche dei prodotti liquidi a base di zolfo. In tal modo si vengono a creare degli speciali anticrittogamici, ideali per prevenire l'infestazione di larve di maggiolino e degli elateridi.

66

Raccogliere i tenerumi nel periodo adatto

I tenerumi devono essere raccolti nel periodo di settembre, prestando però particolare attenzione a non estirpare completamente la radice. In riferimento a ciò, il consiglio anche per garantirci un raccolto soddisfacente nei mesi successivi, è di fermarci sopra la quarta foglia, favorendo in tal modo lo sviluppo dei germogli ascellari, che poi si ripercuotono in modo positivo anche sullo zucchino inteso come ortaggio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione dell'ibisco

L'Ibisco è una pianta che durante la sua crescita produce dei fiori dai colori intensi. Questo arbusto è una pianta che cresce ampia e rigogliosa. Appartiene alla famiglia delle Malvaceae e la sua cultura è facile. Esso viene utilizzato come pianta...
Giardinaggio

Bambù: consigli per la coltivazione

Il bambù (o bamboo) è una pianta tropicale molto particolare. È infatti diffusissima nelle zone calde, tanto da creare delle vere e proprie foreste. In Italia la sua diffusione è molto recente, ma sono in tanti che amano avere delle piante di bambù...
Giardinaggio

Agrifoglio: consigli di coltivazione

L'agrifoglio è un arbusto sempreverde di ridotte dimensioni che acquista una maggior popolarità durante il periodo natalizio. Considerate le misure ed il fatto che non teme nè il clima rigido invernale nè quello afoso estivo, questa pianta può essere...
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione della peonia

Le peonie sono piante perenni che, però, fioriscono solamente una volta l'anno. I fiori di peonia sono tanto decorativi quanto delicati e, per questo motivo, hanno bisogno di maggiori cure rispetto alle comuni piante da appartamento. Esistono migliaia...
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione del ranuncolo

Il ranuncolo è un fiore di origine asiatica, inodore e simile ad una rosellina. Può essere giallo, arancione, rosa e di altri colori ancora. Ne esistono oltre 400 varietà diverse. È una pianta bella ma molto delicata, esigente in fatto di terreno...
Giardinaggio

Coltivazione dell'aloe vera

L’Aloe Vera è una pianta grassa, benefica e succulenta, della famiglia delle Aloeacee; dalle molteplici qualità, nasce sui terreni calcarei e secchi. Si può tranquillamente procedere alla sua coltivazione, in vasi e in serre, preferendo un clima...
Giardinaggio

Come funziona la coltivazione idroponica

Quella idroponica è la coltivazione di piante senza suolo. La caratteristica fondamentale della coltura idroponica è che il suolo non è necessario. Il vantaggio è che le piante possono essere coltivate in aree dove c'è poco spazio per l'agricoltura,...
Giardinaggio

Come utilizzare la coltivazione idroponica

La coltivazione idroponica non prevede l'impiego della terra ma viene realizzata nei posti più vari come serre, terrazze, balconi o qualsiasi luogo in cui si ha un po' di spazio a disposizione. Il terreno viene sostituito da un substrato composto da...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.